in

Tassazione criptovaluta in Turchia: come funziona

Attualmente in Turchia non esiste un quadro giuridico che preveda la tassazione delle vendite di criptovalute o delle acquisizioni tramite mining, airdrop, forging o fork. La legge attuale non fornisce una base giuridica chiara per la tassazione dei ricavi generati dalla vendita o dall’acquisizione di criptovalute. Il governo ha incluso la creazione di un quadro fiscale per le transazioni di criptovaluta nel suo piano economico a medio termine 2021-2023. La borsa di studio del diritto tributario suggerisce che la tassazione delle criptovalute come materie prime potrebbe essere l’approccio più fattibile secondo le leggi esistenti, mentre è stata discussa anche la creazione di un quadro fiscale ad hoc.

Il governo turco stima che circa 2,4 milioni di persone in Turchia possedessero almeno una certa quantità di criptovalute nel 2020. Il governo ha finora adottato un approccio attendista alla regolamentazione e alla tassazione delle criptovalute. Tuttavia, le recenti dichiarazioni politiche del governo hanno menzionato in modo prominente la regolamentazione e la tassazione delle criptovalute, suggerendo un possibile sforzo normativo nel prossimo futuro. Nel suo undicesimo piano di sviluppo (2019-2023) il governo turco ha stabilito l’implementazione di una “moneta della banca centrale digitale basata su blockchain” e il sostegno alla “formazione di un ecosistema di tecnologia finanziaria sicura (fintech) che offra pari opportunità alle aziende”. . . considerare le buone pratiche internazionali” come obiettivi di sviluppo nel settore finanziario.

Attualmente in Turchia non esiste un quadro per la tassazione del valore creato dall’acquisizione, vendita, scambio o apprezzamento della criptovaluta. La ragione principale di ciò è che nella legislazione fiscale non viene fornita alcuna definizione formale di criptovaluta e i principi legali turchi – il principio costituzionale della legalità della tassazione e il principio generale della fiscalità della specificità della tassazione – precludono la tassazione non esplicitamente prevista dalla legge . 

L’assenza di un quadro giuridico sulla tassazione della criptovaluta significa che non esiste una legge sul trattamento fiscale della criptovaluta acquisita tramite mining, airdrop, forging o fork.

La categorizzazione delle criptovalute come “moneta elettronica” è stata preclusa subito dopo l’approvazione della legge n. 6493 sui sistemi di pagamento e la moneta elettronica nel 2013.  La definizione di moneta elettronica di tale legge è parallela a quella della direttiva UE sulla moneta elettronica, quindi è stato incontrovertibile quando l’Agenzia di regolamentazione e vigilanza bancaria della Turchia ha rilasciato un comunicato stampa nel novembre 2013 chiarendo che le criptovalute non rientravano nella definizione di “moneta elettronica” nella legge n.

6493 e quindi non potevano essere regolamentate o supervisionate ai sensi di tale legge .  

Tuttavia, il diritto tributario e la letteratura contabile hanno affrontato la questione alla luce delle caratteristiche specifiche delle leggi costituzionali, fiscali e finanziarie turche. La letteratura fiscale pertinente ha identificato quattro opzioni che potrebbero essere prese in base alle attuali leggi fiscali (con modifiche minori) per consentire la tassazione del reddito derivante dall’acquisizione, dallo scambio e dall’apprezzamento di criptovalute, in assenza di un quadro fiscale ad hoc per le criptovalute. Queste quattro opzioni sono la tassazione come valuta estera, come merce, come strumento negoziabile o come diritti immateriali. La scelta di ciascuna di queste strade ha implicazioni fiscali diverse, in quanto sono soggette a regimi fiscali diversi ai sensi del Codice di procedura fiscale (TPC) e delle leggi fiscali sostanziali pertinenti, come la legge sull’imposta sul reddito (LIT), la legge sull’imposta sulle società (LCT) e la legge sull’imposta sul valore aggiunto (IVAT). 

L’opinione predominante in letteratura sembra essere che la tassazione della criptovaluta come merce sia il metodo più fattibile secondo le leggi attuali.  Precedenti dichiarazioni di funzionari governativi supportano questo punto di vista; ad esempio, l’allora direttore della Turkish Revenue Administration, Adnan Ertürk, ha osservato che il Capital Markets Board e la Central Bank of Turkey si sono opposti alla categorizzazione delle criptovalute come strumenti negoziabili o valuta estera, e che a suo avviso la categoria più adatta era come merce.

La categorizzazione come merce richiederebbe che il reddito generato dalla vendita di criptovalute sia tassato come reddito commerciale ai sensi della LIT se viene effettuata più di una vendita in un anno solare.   Una singola vendita sarebbe tassata come entrate accessorie ai sensi della LIT e beneficerebbe dell’esenzione per reddito accessorio fino a 40.000 TRY (circa US $ 5000).  [11] Le  società che si dedicano alla vendita commerciale di criptovalute sarebbero soggette all’imposta sulle società ai sensi della LCT. Inoltre, la categorizzazione come materie prime renderebbe tutte le vendite di criptovaluta che avvengono all’interno della Turchia soggette all’imposta sul valore aggiunto ai sensi dell’IVAT, con la possibile eccezione delle vendite da parte di società di brokeraggio a condizione che siano aggiunte nel programma di esenzione nell’IVAT; gli intermediari sarebbero quindi soggetti all’imposta sulle transazioni bancarie e assicurative ai sensi della legge sulle imposte sulle spese.  Non è chiaro come gli eventi di acquisizione come l’estrazione mineraria sarebbero tassati in un paradigma delle materie prime.

Il governo turco ha recentemente annunciato l’intenzione di impegnarsi in uno sforzo normativo nel campo della tassazione delle criptovalute e dei beni virtuali. Il Nuovo Programma Economico (Medium Term) 2021-2023, pubblicato nel settembre 2020, stabilisce come obiettivo politico che “i lavori preparatori relativi alla tassazione delle transazioni realizzate mediante l’utilizzo di beni virtuali che rappresentano valore digitale e che possono essere acquistati e venduti digitalmente [deve continua].” 

Ad esempio, un rapporto sulle criptovalute pubblicato di recente dalla Technology and Communication Authority ha indicato che è probabile che la supervisione delle criptovalute venga continuata principalmente dal Capital Markets Board, l’autorità di regolamentazione finanziaria della Turchia, il che suggerisce che sarebbero state classificate come materie prime o strumenti negoziabili, o in alternativa che potrebbe essere proposto un quadro ad hoc. 

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Nicole Kersh: biografia, famiglia, salario e patrimonio

Nicole Kersh: biografia, famiglia, salario e patrimonio

DiDi Global (DIDI) IPO: cosa devi sapere dal momento del suo debutto

DiDi Global (DIDI) IPO: cosa devi sapere dal momento del suo debutto