in

Asset Allocation: Riempi il tuo portafoglio con il giusto mix

Se sei un investitore, riempire il tuo portafoglio con un mix appropriato di azioni, obbligazioni, contanti, immobili e altri investimenti è fondamentale per la tua salute finanziaria, specialmente durante i periodi di incertezza economica. Questo mix è comunemente indicato come “asset allocation”.

“Non è sicuramente una proposta” taglia unica “. Dovrai impostare la tua asset allocation in modo da riflettere la tua tolleranza al rischio , gli obiettivi finanziari e la tempistica .

Ma come fai a sapere quali asset scegliere?

Nulla influisce sui tuoi rendimenti a lungo termine più di un buon piano di asset allocation. L’allocazione degli asset può persino aiutare a mitigare gli effetti a breve termine di un’inevitabile flessione del mercato.

Come affrontare l’asset allocation?

Prima di affrontare l’asset allocation, è importante capire che la tua situazione è leggermente diversa da quella di chiunque altro. Quindi devi prima decidere se vuoi fare il fai-da-te della tua allocazione delle risorse, assumere un consulente professionista o utilizzare un servizio di robo advisor per farlo per te a un prezzo accessibile.

  • Fai da te – Ovviamente, gestire la tua allocazione di risorse ti consente di risparmiare denaro sul pagamento di commissioni e spese professionali.

    Lo svantaggio è che potresti non essere abbastanza aggiornato sulle vicende del mercato azionario per scegliere la migliore strategia di diversificazione per le tue esigenze personali.

  • Utilizzo di un Robo Advisor – Come una sorta di opzione intermedia, un robo advisor (come Betterment ) sceglierà una strategia di allocazione preimpostata per te, in base al tuo profilo di rischio. Ciò ti consente di sentirti sicuro della tua decisione senza pagare un sacco di commissioni.
  • Assumere un consulente finanziario : un professionista può aiutarti a individuare la migliore allocazione per la tua situazione attuale e gli obiettivi di investimento. Tuttavia, saranno un po ‘più costosi che se provassi ad affrontarli da solo. Ti consigliamo di controllare Facet Wealth . Questa è una società online che ti mette in contatto con un pianificatore finanziario certificato (CFP) e può persino gestire i tuoi investimenti per te.

Quali tipi di risorse puoi scegliere?

La domanda è: in cosa dovresti investire? Un buon punto di partenza è con fondi comuni di investimento e / o ETF. Questi fondi consentono una facile diversificazione senza il complicato processo di selezione dei titoli. Per la maggior parte delle persone, gli ETF sono solitamente la scelta migliore. Sebbene discutiamo le differenze tra i due:

I fondi comuni di investimento sono raccolte di investimenti e possono essere fondi aperti o chiusi. I fondi aperti vengono acquistati direttamente dal gestore del fondo. I loro valori sono determinati giornalmente e non c’è un limite al numero di azioni emesse. I fondi chiusi hanno un numero limitato di azioni e il NAV non determina il prezzo.

Quando un fondo comune di investimento viene venduto, il fondo deve vendere azioni per pagare l’investitore. Di solito, questo causerà una plusvalenza che deve essere distribuita agli azionisti. Questo turnover di fondi comuni di investimento potrebbe comportare tasse più elevate per te.

Gli ETF , o fondi negoziati in borsa, sono costituiti da unità di investimenti sottostanti. Esistono tre tipi principali: fondi comuni di investimento a indici aperti negoziati in borsa, fondi comuni di investimento in unità scambiate in borsa e fondi comuni concedenti Exchange Traded.

  • Fondo comune di investimento di tipo aperto negoziato in borsa: collegato a un indice, i dividendi vengono reinvestiti una volta ricevuti e pagati agli azionisti trimestralmente.
  • Exchange-Traded Unit Investment Trust: necessario per replicare completamente l’indice designato. I dividendi non vengono reinvestiti automaticamente ma vengono comunque pagati trimestralmente.
  • Fiducia concedente negoziata in borsa: l’investitore possiede gli investimenti sottostanti.

A differenza dei fondi comuni di investimento, non è necessario vendere quando un investitore desidera riscattare le proprie azioni. Pertanto, l’imposta sulle plusvalenze non è generalmente un problema a causa del fatturato del fondo. Gli ETF offrono anche la possibilità di arbitraggio.

Per ulteriori informazioni su questi fondi, leggi Fondi comuni e ETF.

Se sei interessato a ramificarti al di fuori della routine “azioni / obbligazioni / fondi comuni di investimento / ETF”, considera investimenti alternativi. Diverse opzioni che puoi esplorare includono:

Maggiori informazioni sulle classi di asset tradizionali e alternative qui.

Alcuni fattori da considerare

Ecco alcuni fattori importanti da ricordare quando crei la tua strategia di asset allocation ideale:

  1. Gli esseri umani sono emotivi : è facile investire quando il mercato è buono e davvero difficile investire quando non lo è. Quando entrano in gioco le emozioni, è probabile che in un modo o nell’altro ti pieghi troppo perché ti sembra giusto.
  2. Non aver paura di ciò che non sai – Attenendoti solo ad azioni e obbligazioni, potresti perdere alcuni grandi investimenti. Informati in modo da non perdere queste opportunità.
  3. Gli investimenti non sono programmati – La diversificazione non proteggerà il tuo portafoglio quando tutte le classi di attività si accumulano nello stesso momento in cui abbiamo visto durante la crisi finanziaria del 2007-2008. Questa è una parte importante del gioco con cui le persone hanno problemi.
  4. Evita troppi account : la gestione di più account può facilmente confonderti e farti dimenticare di diversificare uno o più di essi.
  5. Fai attenzione alla diversificazione eccessiva : se stai diversificando troppo le tue risorse, probabilmente stai perdendo potenziali guadagni e pagando troppo in commissioni di transazione. La chiave è l’ equilibrio .
  6. Una strategia da considerare è l’asset allocation tattica o TAA. La TAA prevede una gestione attiva del portafoglio ribilanciando le percentuali di attività sulla base delle attuali condizioni economiche. Per esempio; diciamo che le azioni fanno un tuffo. Potresti voler ribilanciare temporaneamente il tuo portafoglio per concentrarti sulle azioni. Perché? Compra basso, vendi alto. Quando tutti hanno paura, ci sono affari da fare.

La mia allocazione delle risorse per la pensione

Come ho già detto nel mio profilo, abbiamo un gruzzolo di dimensioni adeguate per la pensione. La domanda da un milione di dollari (gioco di parole), è in quali risorse dovremmo investire? Per me, una buona allocazione degli asset è la cosa più importante che puoi fare per garantire il successo a lungo termine. Per questo post, non entrerò nei dettagli tecnici di una corretta allocazione degli asset. Questa è tutta un’altra discussione, di cui potrei parlare in futuro. Lo scopo di questo post è discutere la mia allocazione attuale e discutere apertamente la strategia ei metodi di allocazione per contribuire a migliorare i rendimenti riducendo il rischio.

Per chi volesse comprendere i dettagli tecnici, consiglio la lettura dei seguenti libri:

  • L’allocatore intelligente di asset – William Bernstein
  • I quattro pilastri dell’investimento – William Bernstein
  • Il manifesto degli investitori – William Bernstein
  • Una passeggiata a caso lungo Wall Street – Burton G. Malkiel

Menzionerò che una buona allocazione degli asset si basa sulla moderna teoria del portafoglio (o MPT in breve), utilizzando fondi basati su indici, buy-and-hold e minimizzando le spese. Durante la crisi del 2008-2009, si diceva che il buy-and-hold fosse morto. Durante questo periodo praticamente tutte le attività sono diminuite di valore: azioni, obbligazioni, materie prime, settori, regioni, ecc. MPT ha i suoi svantaggi e le sue critiche.

Sono disponibili altre strategie di investimento, ma l’argomento di un’altra discussione. Per ora, è meglio presumere che, anche se non ti darà rendimenti eccezionali, perderai meno della maggior parte degli altri investitori professionali nel lungo periodo. Dirò che la nostra allocazione è per lo più basata sull’indice, dove abbiamo una percentuale (inferiore al 20%) che è gestita attivamente da me. Se ritieni di poter fare meglio del mercato, si consiglia di allocare non più del 20% per l’investimento attivo (ovvero la selezione di azioni specifiche). Ciò significa che l’80% dei tuoi investimenti è tenuto al piano di un’adeguata allocazione degli asset e all’acquisto di fondi basati su indici.

Un po ‘di background sui nostri dati finanziari. Ho 41 anni e 3 figli (6 anni, 3 anni e 25 mesi). L’asset allocation discussa in questo post include solo i nostri conti pensionistici. Non include i nostri conti imponibili, i conti 529 dei nostri figli o altri beni (ad es. Proprietà in affitto). Ognuno ha i propri obiettivi di investimento e scadenze, quindi a mio parere, dovrebbero essere trattati separatamente. Con l’avvicinarsi dell’età pensionabile (metà degli anni ’50 e inizio degli anni ’60), ho intenzione di incorporare più dei nostri investimenti tassabili nella nostra asset allocation. Per ora sono separati.

Se vuoi ottenere informazioni da un professionista autorizzato sull’asset allocation del tuo portafoglio, puoi utilizzare un servizio come Personal Capital . Registrati per un account gratuito con Personal Capital e scopri come qualificarti per una revisione GRATUITA del portafoglio del valore di $ 799.

Asset Allocation di alto livello

  • 62% azioni
  • 25% di obbligazioni
  • 7% di materie prime
  • 3% Real Estate (non include una residenza principale o proprietà in affitto)
  • 3% in contanti

Spesso nella letteratura sulla pianificazione finanziaria, raccomandano di allocare le obbligazioni in base alla tua età. Significa che se hai 39 anni, dovresti destinare circa il 40% alle obbligazioni. Ho deciso di mantenere l’allocazione delle azioni in base alla nostra età, ma aggiungere altri investimenti come materie prime, immobili e un po ‘di liquidità, che toglie l’allocazione delle obbligazioni. Questo si basava su alcuni fattori della mia ricerca:

  • Le materie prime e gli immobili hanno un aspetto molto diverso
  • Le materie prime e gli immobili hanno un beta più elevato delle obbligazioni, quindi hanno rendimenti più elevati nel lungo periodo
  • Volevo avere un po ‘di denaro a portata di mano per aiutare negli aggiustamenti e per eventuali acquisti quando i mercati sono economici

L’allocazione varierà leggermente nel tempo, ma questa è la visione a volo d’uccello di come viene investito il denaro. Con l’avanzare dell’età ho intenzione di modificare la nostra allocazione, anche se le azioni rappresenteranno sempre almeno il 50% del nostro portafoglio. Nell’ambito dell’allocazione di alto livello di azioni e obbligazioni, suddivido l’allocazione in settori specifici.

A seconda dell’importo investito, potrebbe avere senso suddividere le allocazioni o meno. Il motivo è semplicemente dovuto alla significatività statistica e, in alcuni casi, agli importi minimi richiesti per investire. Se hai solo $ 10.000 da investire allocando il 3% in obbligazioni internazionali significa che investiresti $ 300,00. D’altra parte, se hai $ 1.000.000 da investire, $ 30.000 di obbligazioni internazionali è una quantità decente e genererebbe dei rendimenti.

Allocazione delle scorte

All’interno delle azioni, dividiamo il 62% in:

  • 32% Domestico (52%)
  • 20% Stranieri (32%)
  • 10% Mercati emergenti (16%)

Le percentuali tra parentesi rappresentano la loro allocazione totale solo all’interno delle scorte . Un errore comune per gli investitori statunitensi è pensare che il mondo ruoti intorno a noi. Questo non è diverso da un dipendente che possiede troppe azioni dell’azienda per cui lavorano. Hai investito troppo in una classe di attività.

Sulla base delle tendenze e della mia opinione, il nostro potere economico sta diminuendo. Rappresentiamo il 27% del PIL mondiale e questo è diminuito dal 2006 . Dato che è così, ho aumentato la mia allocazione nei mercati emergenti, portandola a una percentuale più alta (inizialmente era 0%), ma ho mantenuto la nostra allocazione estera più o meno la stessa.

L’altro aspetto è che stiamo veramente vivendo in un’economia globale. Si presumeva che se l’America fosse in recessione, altre parti del mondo avrebbero prosperato nello stesso periodo. Questo non è necessariamente vero oggi.

Alcuni studi hanno dimostrato negli ultimi 20-10 anni che è aumentata una correlazione tra azioni internazionali e nazionali. Ciò è stato dimostrato anche in modo aneddotico durante la recessione del 2008-2009. Sulla base di questo, ho deciso che è meglio diffondere i miei investimenti in azioni in tutto il mondo.

Intendiamoci, è quasi impossibile con le società multinazionali di oggi ottenere percentuali completamente precise investite in ciascuna di queste aree. Ad esempio, aziende come Coca-Cola hanno operazioni in tutte le parti del mondo. Esse, infatti, hanno un’attività in ciascuno dei settori citati. Quindi, quando si possiede un fondo S&P 500, la maggior parte delle persone lo considera solo domestico. Quando, in effetti, negli ultimi 10 anni le azioni dell’S & P 500 sono aumentate notevolmente nei mercati internazionali ed emergenti. Come ho menzionato nella mia recensione su Morningstar, consiglio il loro servizio a raggi X per determinare se la tua asset allocation è in linea con il target. Non solo il rapporto obbligazioni / azioni, ma anche aree geografiche e settori.

Ulteriori letture: come investire in azioni?

Allocazione obbligazionaria

La maggior parte dei libri sull’allocazione degli asset tratta solo di azioni. Si parla poco dell’allocazione obbligazionaria (immagino perché la maggior parte considera le obbligazioni “noiose”). Le domande che ho avuto con l’allocazione delle obbligazioni:

  • Quanto stanzi per le obbligazioni basate sull’inflazione (es. TIPS)?
  • Quanto per obbligazioni societarie o obbligazioni estere?

William Bernstein nel suo ultimo libro “The Investor’s Manifesto” menziona l’allocazione totale delle obbligazioni, ma non è entrato nei dettagli. Afferma che quando si investe in obbligazioni, si dovrebbe essere per lo più a breve termine (ovvero 5-10 anni o meno). Molto poco della tua asset allocation dovrebbe essere in obbligazioni a lungo termine. Sulla base della sua ricerca, ho impostato la nostra allocazione obbligazionaria come segue:

  • 10% obbligazioni statunitensi a lungo termine. Scadenza 5-10 anni (40%)
  • 10% obbligazioni statunitensi a breve termine. 1-5 anni e include SUGGERIMENTI (40%)
  • 2% obbligazioni statunitensi a breve termine (8%)
  • 3% obbligazioni internazionali – 3% (12%)

Di recente ho aggiunto una piccola percentuale alle obbligazioni internazionali, per lo stesso motivo per cui ho aumentato le mie azioni nei mercati emergenti.

Allocazione delle materie prime

Con le materie prime, dal momento che è solo il 7% dell’allocazione, attualmente non suddivido in altre classi di attività. Al momento è composto solo da metalli e azioni minerarie. Fondi comuni di investimento ed ETF che possiedono cose come oro, argento e rame. Al momento non possiedo agricoltura, petrolio, gas naturale o soft commodity. Questo potrebbe essere aggiustato in futuro man mano che il portafoglio cresce di valore, ma non ho intenzione di aggiustare l’allocazione complessiva del 7%.

Allocazione immobiliare

Circa il 3% è assegnato al settore immobiliare e non è suddiviso in sottocategorie. Questa parte dell’allocazione viene investita in fondi REIT che coprono l’intero mercato. Il settore immobiliare non ha una forte correlazione con azioni o obbligazioni e dovrebbe far parte della tua asset allocation. Spesso, la tua residenza personale è una parte importante del tuo patrimonio netto e dovrebbe essere presa in considerazione quanto investire in REIT. Nel nostro caso, abbiamo una residenza principale e una proprietà in affitto, quindi la nostra allocazione nel settore immobiliare è piccola. Volevo una certa copertura nel settore immobiliare commerciale possedendo REIT. Sospetto che nel prossimo anno aumenterò questo valore al 5%, riducendo l’allocazione complessiva delle azioni al 60%. Altri potrebbero voler aumentare o diminuire la loro allocazione di conseguenza.

Contanti

Questa allocazione può variare dallo 0% al 10%, ma non superiore. Questo è un po ‘un termine improprio in quanto non è realmente contanti, ma investimenti in equivalenti simili a contanti. Sono strumenti a breve termine che non variano. Cose come conti del mercato monetario, CD a breve termine, ecc.

Ha lo scopo di mantenere una certa riserva per il riequilibrio. Se si verifica una correzione importante del mercato azionario, utilizzala per aumentare gli investimenti azionari. Non sto davvero tempizzando il mercato di per sé; Sto semplicemente aumentando i nostri fondi azionari quando si verificano correzioni delle scorte dal 10 al 20%. Quando questi si verificano, diventa più ovvio che le azioni sono un vero affare e dovrebbero essere utilizzate per aumentare la nostra allocazione.

Regole di riequilibrio

Domande comuni che ho avuto con MPT: quando ti aggiusti; quanto spesso ti aggiusti? Sulla base di alcune ricerche e della mia opinione, ho impostato quanto segue:

  • Regola una o due volte l’anno. Questo si basa sulle dimensioni del nostro portafoglio e su quanto il tuo portafoglio è uscito di testa.
  • Regola se l’allocazione è maggiore del 3% rispetto a quella per cui stai scattando.
  • Nel corso degli anni abbiamo in qualche modo modificato la nostra allocazione del rapporto azioni / obbligazioni, ma prevediamo di farlo in occasione del compleanno dei più giovani (sono io). Quindi regola solo il rapporto sui compleanni che finiscono con zero (cioè il mio prossimo compleanno 40 °)
  • A volte modifico leggermente l’obbligazione e i rapporti azionari per aumentare la quantità di denaro contante.
Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Come acquistare azioni Adidas (ADDYY)

Come acquistare azioni Adidas (ADDYY)

5 metriche di investimento momentum per scegliere titoli in rapido movimento

5 metriche di investimento momentum per scegliere titoli in rapido movimento