in

Banche e tasse in Giappone: una guida completa sull’apertura di un conto bancario e sulla gestione delle tasse

Come nuovo arrivato in un paese famoso per il suo alto costo della vita, gestire le tue finanze in Giappone è una delle prime cose che gli espatriati vorranno imparare a fare all’arrivo. Nel complesso, le tasse in Giappone non sono oltraggiose e molti espatriati principianti saranno felici di sapere che saranno esentati dal pagamento della tassa di soggiorno durante il loro primo anno nel paese.

Comprendere i conti bancari e il sistema fiscale in Giappone non è molto difficile. Essendo un’economia mondiale altamente avanzata e leader, gran parte del sistema finanziario del Giappone è simile a quelli dell’Europa e del Nord America. Per aprire un conto in banca, il più grande ostacolo che gli espatriati dovranno affrontare è fornire una carta di soggiorno. Non è possibile aprire un conto bancario in Giappone senza la residenza giapponese. Per gli stranieri che intendono rimanere nel paese per più di 90 giorni, questo non dovrebbe essere un problema in quanto dovranno ottenere un visto di soggiorno per vivere e lavorare in Giappone.

Potrebbe sorprenderti sapere che il Giappone è in gran parte una società basata sul denaro. Per fortuna, gli sportelli automatici sono diffusi in tutto il paese, ma tieni presente che molti richiedono una piccola commissione di prelievo anche se hai un conto bancario giapponese. Se ti ritrovi mai in un disperato bisogno di contanti, assicurati di cercare un negozio conveniente 7/11 poiché questi avranno sempre un bancomat.

Anche il sistema fiscale è simile a quello di altri paesi leader dell’economia mondiale. Forse una differenza, però, è la tassa di soggiorno. Questa tassa si basa sul 6% del reddito di un individuo. Questa aliquota viene spesso dimenticata dagli espatriati perché, a differenza dell’imposta sul reddito, non viene automaticamente detratta dalla busta paga. Riceverai invece la fattura per posta e dovrai pagarla tu stesso (in genere presso l’ufficio delle imposte locale o un minimarket nelle vicinanze).

Come aprire un conto bancario in Giappone

Imparare ad aprire un conto bancario in Giappone come non residente è facile se hai tutti i documenti necessari pronti. Nella maggior parte delle banche, è possibile semplicemente entrare e chiedere di aprire un conto senza prenotare prima un appuntamento. Se non hai una buona padronanza della lingua giapponese, questa potrebbe essere un po’ una sfida. Quasi tutti i moduli ufficiali in Giappone, compresi quelli necessari per aprire un conto bancario, saranno scritti in giapponese. Le grandi banche dovrebbero avere interpreti nel personale. 

Come posso aprire un conto bancario in Giappone?

Quando apri un conto bancario in Giappone, ti verrà chiesto di aprire un futsū yokin (普通金), che è un conto di deposito di base. Il requisito principale per l’apertura di questo conto come non residente è avere un permesso di soggiorno. Non puoi aprire un conto in banca con un visto turistico. A seconda della banca, potrebbe anche essere richiesto di fornire un sigillo hanko (timbro personale), ma non sarà sempre così.

Durante il processo, gli espatriati potrebbero rimanere sorpresi quando gli viene chiesto se fanno parte di un’organizzazione criminale. Non essere offeso: questa è una domanda standard e viene posta a tutti coloro che aprono un conto in Giappone.

Requisiti per aprire un conto bancario come non residente

I requisiti per aprire un conto bancario giapponese variano da banca a banca, ma in media ti verrà chiesto di presentare:

  • il tuo passaporto;
  • il tuo visto giapponese;
  • la tua carta di soggiorno ( carta zariyu );
  • indirizzo e numero di telefono in giapponese;
  •  sigillo Hanko / timbro personale.

Un sigillo hanko è spesso usato in Giappone al posto di una firma autografa. Puoi crearne uno in vari chioschi in tutto il Giappone.

Dopo aver inviato i documenti richiesti, ti verrà dato un piccolo libretto di circolazione con il nome del tuo conto, il numero del conto e il codice di ordinamento a tre cifre per la filiale della tua banca locale. Dovresti ricevere la tua carta bancomat per posta entro dieci giorni dall’apertura del conto.

Può essere sorprendente apprendere che la società giapponese è molto dipendente dal denaro contante. Per questo motivo, vorrai avere denaro con te in ogni momento. Fortunatamente, puoi trovare i bancomat abbastanza facilmente sia in città che in campagna.

Le migliori banche per espatriati

Poiché il Giappone a volte può rendere la vita difficile agli stranieri data la barriera linguistica, ci sono due banche particolarmente popolari tra la comunità degli espatriati. Il primo è Japan Post (JP Post). JP Post è popolare perché non devi avere un numero di telefono giapponese per aprire un account, né hai bisogno di un hanko . Invece, puoi elencare il tuo numero di lavoro e firmare i documenti con la tua firma scritta (una rarità in Giappone poiché l’ hanko è richiesto dalla maggior parte dei documenti ufficiali).

La seconda banca popolare tra gli stranieri è la Shinsei Bank. Proprio come JP Post, non è richiesto alcun numero di telefono giapponese, ma avrai bisogno di un hanko . Questa banca è anche popolare perché tutti i moduli sono scritti e possono essere compilati in inglese, le banche Shinsei sono collegate alla maggior parte degli sportelli automatici presenti nei negozi 7-Eleven del Giappone e non addebitano commissioni di prelievo per i titolari di conto.

Le migliori banche in Giappone

Se avere un hanko o un numero di telefono giapponese non è un inconveniente per te, le seguenti banche sono tra le più votate in Giappone:

  • Banca postale giapponese
  • Gruppo finanziario Mitsubishi UFJ
  • Gruppo finanziario Mizuho
  • Banca Norinchukin
  • Sumitomo Mitsui Financial Group

Le migliori banche internazionali in Giappone

Oltre alle banche nazionali giapponesi, l’isola ospita anche molte banche internazionali:

  • Banca d’America
  • di Barclay
  • Citibank
  • JPMorgan Chase Bank
  • HSBC

Le migliori banche online in Giappone

Sebbene il Giappone sia una società tecnicamente innovativa, il settore bancario è ancora in gran parte tradizionale. L’online banking è possibile, ma molte transazioni richiedono ai residenti di visitare di persona la loro banca.

Troverai le migliori opzioni bancarie online con le principali filiali bancarie:

  • SMBC
  • Sette Banca
  • Banca postale giapponese
  • Banca Shinsei
  • Prestia

Alcune applicazioni potrebbero essere disponibili solo in giapponese. Potresti anche trovarti in grado di trasferire e ricevere denaro tramite il popolare servizio di messaggistica istantanea Line.

Commissioni bancarie e deposito minimo

La maggior parte dei conti bancari in Giappone sono conti bancari senza commissioni e non richiedono un deposito minimo. Potresti dover pagare una commissione ogni volta che usi un bancomat, ma in media il costo di avere un conto bancario giapponese è molto basso.

Posso aprire un conto bancario giapponese online in Giappone come non residente?

Non è possibile aprire un conto bancario in Giappone dall’estero in quanto dovrai presentare di persona il visto e la carta di soggiorno alla banca giapponese prescelta. Solo chi ha un permesso di soggiorno può aprire un conto bancario in Giappone.

Qual è il sistema fiscale in Giappone?

Se ti stai chiedendo com’è il sistema fiscale in Giappone, probabilmente non ti sorprenderà sapere che è abbastanza standard rispetto a quello che si trova in altre principali economie mondiali. Nel complesso, le tasse in Giappone vengono pagate in base al reddito, alla proprietà e ai consumi. Questi sono pagati a livello nazionale, prefettizio e comunale.

Gli obblighi fiscali variano da individuo a individuo a seconda del tipo di lavoro, dello stato di residente, della durata del soggiorno in Giappone e del fatto che tu sia finanziariamente responsabile solo per te stesso o per altre persone a carico.

Il sistema fiscale in Giappone

Ci sono sei principali tipi di tasse in Giappone che incontrerai vivendo in Giappone:

  • Imposta sul reddito: pagata dai residenti a livello nazionale, prefettizio e comunale.
  • Imposta sulle imprese: pagata dai lavoratori autonomi.
  • Imposta sugli immobili: imposta comunale a carico di chi possiede un immobile.
  • Imposta sui consumi: pagata dai consumatori al momento dell’acquisto di beni o servizi. Tipicamente 10%, ma il prezzo può variare leggermente a seconda del bene o del servizio.
  • Tassa di circolazione: pagata annualmente da chi possiede un veicolo.
  • Tassa su liquori, tabacco e benzina: pagata a livello nazionale, prefettura e comunale.

Cos’è l’imposta sul reddito in Giappone?

L’aliquota dell’imposta sul reddito in Giappone si basa sulla responsabilità fiscale accertata dello stipendio dell’anno precedente. Ciò significa che l’aliquota fiscale che paghi nell’anno in corso si basa su ciò che hai fatto l’anno precedente.

% imposta sul reddito media: Scaglioni fiscali (JPY) Parentesi fiscali (USD)

5: 0–1.950.000 0–17.900

10: 1.950.000-3.300.000 17.900–30,4000

20: 3.300.000–6.950.000 30.4000–64.000

23: 6.950.000–9.000.000 64.000–82.900

33: 9.000.000–18.000.000 82.900–165.900

40: 18.000.000-40.000.000 165.000-368.600

45: 40.000.000+ 368,600+

 

Mentre i nativi giapponesi sono tassati in base al loro reddito mondiale, i cittadini non giapponesi che lavorano in Giappone saranno tassati solo su ciò che fanno all’interno del paese. Tuttavia, questo status cambia in base al tuo status di residente in Giappone.

  • Non residente: in Giappone, un non residente è classificato come qualcuno che ha vissuto nel paese per meno di un anno e non ha il proprio indirizzo principale elencato in Giappone. Le persone in questa categoria pagheranno le tasse solo su ciò che guadagnano in Giappone, non sui soldi dall’estero.
  • Residente non permanente: si tratta di qualcuno che ha vissuto in Giappone da uno a cinque anni, ma non ha intenzione di vivere in Giappone in modo permanente. Questo tipo di residente pagherà le imposte sul reddito giapponesi, ma non pagherà le imposte sul reddito sul denaro fatto all’estero a meno che non venga inviato in Giappone.
  • Residente permanente: un residente permanente è qualcuno che vive in Giappone da più di cinque anni o entra nel paese con l’intenzione di viverci in modo permanente. Questi residenti pagheranno le tasse sul reddito in base al denaro guadagnato in Giappone e all’estero.

Dichiarazioni fiscali

È raro in Giappone che gli individui presentino le proprie dichiarazioni dei redditi. In genere, la tua azienda dovrebbe farlo per te. Se lo fanno, dovrebbero aver bisogno solo delle tue informazioni di base per farlo:

  • il tuo indirizzo
  • il tuo stato sentimentale (celibe, sposato, divorziato)
  • numero di dipendenti

Ci sono alcune esenzioni per i costi assicurativi, le spese mediche, le operazioni commerciali e i lavoratori autonomi.

Tassa di soggiorno

Questa è una tassa molto importante da tenere presente in Giappone in quanto spesso è quella che viene più trascurata. A meno che non lavori per un’agenzia governativa, questa tassa non verrà detratta automaticamente dal tuo stipendio. Invece, lo riceverai come fattura separata a casa tua dall’ufficio delle imposte locale. Come l’imposta sul reddito, l’imposta di soggiorno si basa sul reddito dell’anno precedente ed è in genere solo del 6%. Non dovrai pagare questa tassa durante il tuo primo anno in Giappone.

Quando ricevi questa fattura per posta, puoi pagarla in un minimarket locale (come un 7/11 o Lawson’s). Puoi collaborare con l’ufficio delle imposte locale per suddividere il pagamento in rate o in un unico pagamento annuale di grandi dimensioni.

Anche in questo caso, questa tassa è quella più spesso trascurata dai non residenti. Tuttavia, è importante rimanere aggiornati sui pagamenti e non rimanere indietro. Ciò potrebbe influire sul rinnovo del visto.

Tasse per i lavoratori autonomi in Giappone

I lavoratori autonomi in Giappone sono soggetti alle tasse di soggiorno e di impresa. L’aliquota dell’imposta di soggiorno sarà basata sul tuo reddito e sarà del 6% proprio come le persone tradizionalmente occupate. L’imposta sulle imprese si basa sul tipo di lavoro che svolgi, sul tuo reddito e sul luogo in cui vivi in ​​Giappone. In genere sarà intorno al 3-5%.

 

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Confronto tra Binance e eToro, scambio di criptovalute: qual è il migliore

Confronto tra Binance e eToro, scambio di criptovalute: qual è il migliore

I migliori ETF farmaceutici per il terzo trimestre del 2021

I migliori ETF farmaceutici per il terzo trimestre del 2021