in

Brusco stop per il mercato dell’auto

Il 2008 si è chiuso on maniera negativa anche per il mercato dell’auto che, secondo le stime del Ministero dei Trasporti, ha fatto registrare a dicembre 140.656 immatricolazioni in meno, per un calo complessivo di circa il 13,29% rispetto allo stesso mese del 2007.

La flessione riguraderebbe però solo il mercato delle auto nuove, mentre un andamento diverso ha fatto registrare l’usato che a dicembre ha fatto segnato 391.015 passaggi di proprietà, con un incremento dell’1,99% rispetto allo stesso mese del 2007, per un totale di trasferiemnti che si aggirerebbe intorno ai 5 milioni.
Per quanto concerne il nuovo la lieve ripresa registrata comunque per dicembre, rispetto all’utunno nero, sarebbe da attribuire alle maxi promozioni offerte dai concessionari e siprattutto agli ultimi giorni di ecoincentivi ministeriali, scaduti il 31 dicembre, che hanno invogliato molti consumatori ad anticipare i propri acquisti.

Il successo ottenuto da questi strumenti ha spinto il Governo ad ipotizzarne una ri-utilizzazione, soprattutto in previsione delle chiusure negative del settore per il 2009, che potrebbe chiudersi con una flessione ancora più negativa.
Per quanto concerne gli altri dati relativi a dicembre 2008 il Lingotto ha immatricolato circa 43.506 nuove auto, con un calo del 15,16%, rispetto alle 51.281 dell’anno passato. Se si considera, infatti, solo l’ultimo mese dell’anno si calcola che la Fiat è scesa dal 31,61% del 2007 al 30,94% del 2008.

Per quanto concerne le marche solo sei hanno chiusto in crescita il 2008. Si tratta di Audi, Nissan, Bmw, Smart, Mazda e Skoda, mentre tutte le altre case automobilistiche hanno chiuso in negativo, con Fiat,
Ford e Volkswagen che hanno fatto registrare le perdite maggiori.
Nonostante questi dati, di certo non incoraggianti, il direttore del Centro Studi Promotor di Bologna, Gian Primo Quagliano, è ottimista, sottolineando come “quello che dovrebbe essere l’anno oriibile per la congiuntura mondiale e italiana, inizia nel nostro paese con un dato sull’economia reale nel nostro paese molto migliore rispetto le attese”.

Riguardo ai dati del 2008, infatti, Quagliano ricorda come ad incidere negativamente siano stati essenzialmente due fattori: la stanchezza della domanda, dopo undici anni di vendita su livelli piuttosto elevati, e il fallimento degli incentivi alla rottamazione, senza dimenticare poi il significativo aumento dei prezzi del carburante, soprattutto nella prima parte dell’anno.
Le attese del settore sono, comunque, per il niovo anno ottimistiche, sperando che una ripresa generale della congiuntura economica possa aiutare anche una ripresa del mercato automobilistico.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Enel: accordo tra Gas Natural e Green Power

Arabia Saudita: crollano vendite per BlackBerry