in

Come usufruire del bonus mobili 2024

Il bonus mobili è una delle misure governative introdotte per incentivare il rilancio dell’economia italiana e agevolare le famiglie nell’acquisto di mobili ed elettrodomestici. Si tratta di un incentivo fiscale che consente di ottenere un rimborso sulle spese sostenute per l’acquisto di arredi, accessori e grandi elettrodomestici, con lo scopo di rinnovare e migliorare l’abitabilità della propria casa. Il bonus mobili è valido fino al 31 dicembre 2023 e prevede la detrazione del 50% dell’importo complessivo delle spese sostenute, fino ad un massimo di 10.000 euro. In questo articolo esamineremo nel dettaglio come funziona il bonus mobili, quali sono i requisiti per usufruirne e come richiederlo, nonché cosa si può acquistare con questo incentivo fiscale.

Come funziona il bonus mobili ?

Per poter usufruire del bonus mobili, è necessario rispettare alcune condizioni. In primo luogo, le spese devono essere sostenute per l’acquisto di beni nuovi destinati all’arredo dell’abitazione principale. Inoltre, i mobili e gli elettrodomestici devono essere acquistati presso negozi o aziende che rispettino determinati requisiti fiscali e contabili. Il bonus mobili prevede una detrazione fiscale del 50% dell’importo complessivo delle spese sostenute, fino ad un massimo di 10.000 euro. È importante sottolineare che il bonus mobili non è cumulabile con altri incentivi fiscali previsti dalla legge e che la detrazione fiscale deve essere ripartita in dieci quote annuali uguali. Inoltre, il contribuente deve conservare tutte le fatture e la documentazione comprovante la spesa effettuata per almeno cinque anni dalla data di presentazione della dichiarazione dei redditi relativa all’anno in cui è stato richiesto il bonus mobili. Infine, è possibile richiedere il rimborso tramite la dichiarazione dei redditi o mediante la compensazione con altre imposte dovute.

Qual è l’importo del bonus mobili ?

L’importo massimo del bonus mobili è di 10.000 euro, corrispondente al 50% delle spese sostenute per l’acquisto di mobili ed elettrodomestici nuovi. La detrazione fiscale è ripartita in dieci quote annuali uguali e non è cumulabile con altri incentivi fiscali previsti dalla legge. È possibile richiedere il rimborso tramite la dichiarazione dei redditi o mediante la compensazione con altre imposte dovute. In caso di acquisto di beni condivisi tra più contribuenti, il bonus mobili può essere richiesto solo da uno di essi, a condizione che il bene sia registrato a nome dell’intestatario della dichiarazione dei redditi. Inoltre, se si utilizza il bonus mobili per l’acquisto di mobili ed elettrodomestici destinati all’arredo di immobili locati, l’incentivo fiscale può essere richiesto solo dal proprietario dell’immobile e non dal locatario. Infine, è importante ricordare che la documentazione comprovante la spesa effettuata deve essere conservata per almeno cinque anni dalla data di presentazione della dichiarazione dei redditi relativa all’anno in cui è stato richiesto il bonus mobili.

Chi può usufruire del bonus mobili ?

Possono usufruire del bonus mobili tutti i contribuenti residenti in Italia, compresi i titolari di partita IVA e le società. In particolare, possono richiedere l’incentivo fiscale gli acquirenti di mobili ed elettrodomestici nuovi destinati all’arredo dell’abitazione principale. Non sono ammessi al bonus mobili gli acquisti effettuati per l’arredo dell’abitazione secondaria o per immobili adibiti a uso diverso da quello residenziale. È possibile richiedere il rimborso anche per l’acquisto di beni condivisi tra più contribuenti, a condizione che il bene sia registrato a nome dell’intestatario della dichiarazione dei redditi. Tuttavia, se si utilizza il bonus mobili per l’acquisto di mobili ed elettrodomestici destinati all’arredo di immobili locati, l’incentivo fiscale può essere richiesto solo dal proprietario dell’immobile e non dal locatario. Infine, è importante sottolineare che il bonus mobili non è cumulabile con altri incentivi fiscali previsti dalla legge.

Come richiedere il bonus mobili ?

Per richiedere il bonus mobili, è necessario conservare tutte le fatture e la documentazione comprovante la spesa effettuata per almeno cinque anni dalla data di presentazione della dichiarazione dei redditi relativa all’anno in cui è stato richiesto l’incentivo fiscale. È possibile richiedere il rimborso tramite la dichiarazione dei redditi o mediante la compensazione con altre imposte dovute. Nel caso in cui si utilizzi il modello 730 o il modello Unico, è necessario compilare la sezione “Detrazioni per ristrutturazioni edilizie e risparmio energetico” e inserire le informazioni relative alle spese sostenute per l’acquisto di mobili ed elettrodomestici nuovi. In alternativa, è possibile utilizzare il modello Redditi PF e compilare la sezione “Dati relativi alle detrazioni spettanti”. Infine, è importante verificare che i negozi o le aziende presso cui sono stati acquistati i beni rispettino determinati requisiti fiscali e contabili previsti dalla legge per poter usufruire del bonus mobili.

Cosa si può acquistare con il bonus mobili ?

Il bonus mobili può essere utilizzato per l’acquisto di mobili ed elettrodomestici nuovi destinati all’arredo dell’abitazione principale. Tra i beni ammessi al bonus mobili rientrano, ad esempio, divani, poltrone, tavoli, sedie, armadi, letti e comodini. Inoltre, possono essere acquistati anche grandi elettrodomestici come frigoriferi, lavatrici, lavastoviglie, forni a microonde e televisori. È importante sottolineare che i beni devono essere acquistati presso negozi o aziende che rispettino determinati requisiti fiscali e contabili previsti dalla legge per poter usufruire del bonus mobili. Non sono ammessi al bonus mobili gli acquisti effettuati per l’arredo dell’abitazione secondaria o per immobili adibiti a uso diverso da quello residenziale. Inoltre, è possibile richiedere il rimborso anche per l’acquisto di beni condivisi tra più contribuenti, a condizione che il bene sia registrato a nome dell’intestatario della dichiarazione dei redditi. Infine, è importante conservare tutte le fatture e la documentazione comprovante la spesa effettuata per almeno cinque anni dalla data di presentazione della dichiarazione dei redditi relativa all’anno in cui è stato richiesto il bonus mobili.

Il bonus mobili rappresenta un incentivo fiscale utile per rinnovare e migliorare l’abitabilità della propria casa. L’incentivo fiscale prevede la detrazione del 50% dell’importo complessivo delle spese sostenute, fino ad un massimo di 10.000 euro, ripartita in dieci quote annuali uguali. È possibile richiedere il rimborso tramite la dichiarazione dei redditi o mediante la compensazione con altre imposte dovute. Tuttavia, per poter usufruire del bonus mobili, è necessario rispettare alcune condizioni come l’acquisto di beni nuovi destinati all’arredo dell’abitazione principale presso negozi o aziende che rispettino determinati requisiti fiscali e contabili previsti dalla legge. Inoltre, è importante conservare tutte le fatture e la documentazione comprovante la spesa effettuata per almeno cinque anni dalla data di presentazione della dichiarazione dei redditi relativa all’anno in cui è stato richiesto il bonus mobili. Infine, è opportuno ricordare che il bonus mobili non è cumulabile con altri incentivi fiscali previsti dalla legge. 

Subscribe
Notificami

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
servizi investimentimagazineit

Come richiedere bonus caregiver 2024

Come faccio a sapere se mi spetta il bonus Renzi 2024

Come faccio a sapere se mi spetta il bonus Renzi 2024