in

Cos’è un ETF e come si differenzia da un fondo indicizzato

Gli ETF si sono posizionati come un’alternativa agli investimenti tradizionali. Un ETF è l’acronimo di Exchange Trade Fund, che è stato tradotto in spagnolo come fondo negoziato in borsa. Questo prodotto mescola due mondi diversi: quello dei fondi di investimento e quello delle azioni.

In modo molto breve, potrebbe essere definito come un fondo di investimento che viene acquistato e venduto come azione invece di essere sottoscritto e rimborsato con azioni come fondo da utilizzare.

Cos’è un ETF

Pertanto, i fondi negoziati in borsa o gli ETF rimangono fondi di investimento, perché hanno al loro interno un paniere di attività finanziarie e titoli quotati. Ma per assumerli devi fare lo stesso che con le azioni di Telefónica, Repsol o Danone.

Cioè, lancia un ordine di acquisto tramite un broker.

La conseguenza principale è che un fondo negoziato in borsa può essere acquistato e venduto in qualsiasi momento, cosa che non accade con altri fondi. Con un fondo di investimento il valore di mercato è determinato a fine giornata, mentre con un ETF viene calcolato in tempo reale, in base agli ordini di acquisto e vendita che vengono incrociati.

All’inizio, c’erano quasi solo ETF di un tipo, ETF a gestione passiva.

Cioè, quelli che miravano a replicare i movimenti di un indice, che potrebbe essere reddito fisso, azioni, valute, materie prime … Ciò che si cercava era di avere un’esposizione alle società che compongono l’S & P 500, il Nasdaq o l’Eurostoxx, ma con costi molto bassi e con una maggiore flessibilità di acquisto e vendita.

Tuttavia, con il passare del tempo e con la sua popolarità, l’offerta e la varietà sono cresciute notevolmente.

In primo luogo, sono nati ETF che replicavano anche indici settoriali, come ETF tecnologici, banche, telecomunicazioni, ecc. o aree geografiche.

Ma sono emerse anche nuove modalità, come gli ETF che hanno permesso di investire al ribasso in questi indici, noti come ETF inversi, o in modo a leva (raddoppiando i movimenti al ribasso o al rialzo dell’indice). Ad esempio, puoi assumere un ETF inverso che sale di quello che scende l’S & P 500 o c’è un ETF con leva finanziaria che se l’indice sale dell’1% il suo valore fa tre volte, 3%.

ETF a gestione passiva vs ETF a gestione attiva

Infine, la prossima evoluzione sono stati gli ETF che non sono più investimenti passivi. O almeno, non sui grandi indici, ma su quelli che potremmo definire ETF a selezione attiva o ETF a gestione attiva. In cosa consistono?

Gli ETF di selezione attiva replicano un indice, ma vengono creati da zero con criteri specifici. Ad esempio, che hanno un certo livello di debito, liquidità, profitti, valutazione … E questi indici sono talvolta creati dai gestori stessi che lanciano gli ETF. In realtà, è ancora una gestione indicizzata, perché viene replicato un indice che viene creato seguendo espressamente i criteri di selezione attivi e fondamentali del team di analisi e gestione della gestoora e che viene modificato solo alla fine di ogni trimestre. Ecco gli ETF che stanno lanciando case come Fidelity o Franklin Templeton.

D’altra parte, ci sono ETF a gestione attiva pura, che assomigliano ancora di più a un fondo di investimento tradizionale nell’essenza del loro portafoglio, poiché esiste un team di gestione che può cambiare il portafoglio in qualsiasi momento, ma che può anche essere contratto in borsa come un titolo. Il più famoso qui sarebbe l’ARK Innovation, della popolare manager americana Cathie Wood, che investe in aziende tecnologiche innovative. La differenza con un fondo tradizionale a gestione attiva? Ancora una volta, la flessibilità di comprarlo e venderlo e i costi.

La commissione di gestione degli ETF è solitamente inferiore a quella di un fondo normale, ma con la varietà di ETF è aumentata anche la diversità delle commissioni. Un ETF attivo ha in genere commissioni più basse rispetto a un fondo tradizionale a gestione attiva, ma superiore a un ETF passivo e persino superiore a un fondo di investimento tradizionale a gestione passiva, noto come fondi indicizzati.

Ciò che differenzia la gestione passiva dalla gestione attiva è il ruolo del manager. Nel secondo, questo gestore è più dinamico e applica strategie di investimento attive, spostando i soldi per cercare di realizzare un profitto. Ciò si traduce in costi operativi più elevati (il fondo deve pagare commissioni per operazione) e un team di gestione più ampio che analizza il mercato e cerca opportunità.

Al contrario, in un fondo a gestione passiva il management team si limiterà ad imitare la composizione di un indice per replicarne il comportamento o, in mancanza, creerà un nuovo indice per un determinato settore o asset (ETF di società tecnologiche, ETF sull’oro, fondo indicizzato sull’S&P500..).). Il risultato è che verranno effettuate molte meno operazioni e la figura del manager sarà quasi testimonial. Ecco perché le loro commissioni di gestione saranno più basse. Inoltre, comporta anche un approccio e una strategia di investimento diversi. Uno dei modi più nuovi e semplici per investire nella gestione passiva attualmente sono i roboadvisor, in Finect ti lasciamo la nostra sezione dove puoi trovare i migliori valutati e puoi confrontare.

Differenze tra ETF passivi e fondi indicizzati

I fondi negoziati in borsa non sono l’unico strumento di gestione passiva. I fondi indicizzati sono un’altra alternativa che viene spesso confusa con la prima. La realtà è che un ETF e un fondo negoziato in borsa S&P 500 stanno investendo esattamente nella stessa cosa: le 500 più grandi società negli Stati Uniti, ma lo fanno in veicoli diversi.

In entrambi i casi l’obiettivo è replicare un certo indice, ma il modo di farlo è diverso e anche quello operativo. Queste sono le differenze.

  • Un ETF funziona come un’azione e può quindi essere acquistato e venduto durante la sessione di trading e piazzando l’ordine di acquisto e vendita a un certo prezzo. Un fondo indicizzato funziona come un fondo di investimento tradizionale, in cui un ordine di sottoscrizione può essere inviato durante il giorno, ma che viene eseguito alla fine della giornata al prezzo fissato dal gestore dopo aver calcolato il valore del portafoglio. Cioè, nell’ETF puoi conoscere il prezzo al quale acquisti quando dai l’ordine, mentre nel fondo indicizzato, non lo fai. Può sembrare un dettaglio minore per l’investitore a lungo termine, ma quando si sceglie tra due prodotti quasi uguali, è una differenza importante.
  • Un ETF deve essere investito al 100% mentre un fondo indicizzato deve detenere una percentuale di liquidità obbligatoria.
  • La replica degli ETF è di solito più accurata di quella di un fondo indicizzato. La sua evoluzione è molto più correlata a quella dell’indice.
  • Le commissioni di gestione degli ETF sono solitamente più basse, anche se come abbiamo già visto dipende dal tipo di ETF in particolare che stiamo acquistando. Se si tratta di un ETF a gestione attiva, potrebbe costarci più di un fondo indicizzato. Inoltre, ci sono altri costi aggiuntivi da tenere in considerazione, comel’intermediazione, l’intermediazione o le omissioni di deposito. Anche nel caso di ETF con poco trading, ci possono essere differenze molto importanti negli intervalli di acquisto e vendita, che rendono l’operazione più costosa.
  • La tassazione è diversa. In altri mercati, gli ETF hanno vantaggi fiscali rispetto ai fondi, ma non in Spagna, perché non condividonola tassazione dei fondi di investimento, ma delle azioni. Pertanto, i trasferimenti non possono essere effettuati da un ETF all’altro senza un pedaggio fiscale, ma ogni volta che viene venduto con profitti devi pagare le tasse sulle plusvalenze.
  • Acquisti mensili rispetto a contributi mensili. Per investire in un fondo indicizzato puoi dare ordini periodici per contribuire con denaro a quel fondo con la periodicità che scegli, tuttavia con un ETF non è così facile pianificare periodicamente gli acquisti.

Alla fine, i fondi negoziati in borsa e i fondi indicizzati sono simili ma molto diversi.

Caratteristiche degli ETF

Quali sono le caratteristiche principali di un exchange-traded fund? Nelle sezioni precedenti abbiamo già visto alcuni di loro come il fatto che un ETF funziona come un titolo e non tanto come un fondo o che la sua gestione è passiva e non attiva. Tuttavia, ci sono più cose da fare con il suo funzionamento.

  • Trasparenza. Essendo un bene quotato, è possibile conoscerne il valore in ogni momento.
  • Flessibilità. Un ETF può essere acquistato in qualsiasi momento e l’acquisto sarà efficace in base al suo prezzo in quel momento, non ci saranno attese fino alla fine della sessione né ci saranno finestre di uscita come accade con determinati fondi.
  • Liquidità. Un ETF può essere acquistato e venduto in qualsiasi momento, come un titolo. Sono liquidi al 100%.
  • Diversificazione. Un exchange-traded fund è uno strumento già diversificato in sé. Quando si investe in un paniere di titoli ci sarà sempre un certo grado di diversificazione. Con un ETF puoi “acquistare” un intero indice senza dover investire in ciascuna delle sue azioni.
  • Commissioni. Le commissioni di gestione degli ETF sono inferiori a quelle di un fondo tradizionale, anche se come per qualsiasi titolo, dovrai aggiungere le commissioni di acquisto-vendita se ti dedichi a fare un’operazione molto attiva con questi fondi.

Tipi di ETF

Tutti gli ETF cercano di replicare gli indici, ma ciò non significa che esista un solo tipo di fondo negoziato in borsa. In realtà esiste più di un formato a seconda dell’indice che si sta cercando di imitare e delle caratteristiche dello sfondo stesso. Questi sono alcuni esempi, ma puoi trovare un’ampia varietà di ETF di gestori molto diversi su piattaforme come Scalable Capital, EVO Banco, Openbank o Renta 4, tra gli altri:

  • ETF su indici azionari classici. Ci sono tutti i colori, dagli ETF su Ibex 35 agli ETF su Dow Jones. Il suo obiettivo sarà quello di comportarsi allo stesso modo del benchmark.
  • ETF classici sugli indici obbligazionari. Sono creati su obbligazioni o obbligazioni, sia pubbliche che private. Quindi ci possono essere ETF sul debito sovrano emergente, europeo, asiatico …
  • ETF sull’indice Active Selection. Replica il comportamento di un indice creato con un obiettivo o un criterio specifico. Ad esempio, nelle società con la più alta valutazione fondamentale dell’S&P 500; o in società con la migliore combinazione di debito, valore contabile e rendimento da dividendi. Questi sono di solito creati dai gestori che emettono quell’ETF o società indicizzate che hanno accordi con quel gestore.
  • ETF monetario. Il suo obiettivo è replicare il debito pubblico a breve termine con rating massimo e attività monetarie del mercato interbancario.
  • ETF sulle materie prime. Ci sono circa petrolio, gas, oro, argento … È un’alternativa per investire in oro.
  • ETF settoriali. Replicano indici creati da case di analisi su diversi settori. Possono essere settori tecnologici, automobilistici e persino minerari, per integrare quelli delle materie prime, ad esempio. Ad esempio, il gestore di ETF GlobalX ha un’ampia varietà di fondi settoriali, che vanno dalle batterie al litio alle società di uranio, alle società di genomica, tra molti altri.
  • ETF regionali. Questi fondi negoziati in borsa raccolgono attività da una specifica area geografica e servirebbero per essere investiti in una regione o in un paese. Lo fanno replicando indici di reddito fissi o variabili da queste aree.
  • ETF globali. Sono quelli che si concentrano sul reddito fisso globale o sugli indici a reddito variabile come l’MSCI World Index o l’AC World Index, ad esempio.
  • ETF inversi. Fondamentalmente scommettono al ribasso per diventare corti, quindi fanno soldi quando l’indice scende.

Vantaggi degli ETF

Il punto principale a favore dei fondi negoziati in borsa è che si tratta di uno strumento di investimento economico perché addebita meno commissioni e ha costi operativi inferiori.

Inoltre, essendo quotato è possibile acquistare conoscendo il prezzo che si pagherà. Sarà facile come emettere un ordine di confronto a un prezzo specifico. Allo stesso modo, puoi acquistare in qualsiasi momento, senza aspettare e sapendo quanto pagherai.

Naturalmente, offre una maggiore diversificazione rispetto agli investimenti in borsa, ma non superiore a quella data da altri fondi di investimento.

Infine, i fondi negoziati in borsa consentono di seguire le tendenze generali del mercato a un costo ridotto e di adattarsi rapidamente a eventuali cambiamenti. Ed è che con un singolo prodotto puoi essere investito in un intero settore o regione, per esempio.

Svantaggi degli ETF

I fondi negoziati in borsa hanno anche i loro svantaggi generali e rispetto ai fondi di investimento. Il primo è che potrebbero esserci costi aggiuntivi quando si aggiungono commissioni di acquisto-vendita e custodia.

Inoltre, la loro tassazione è meno vantaggiosa in Spagna, perché devono essere tassati sulle plusvalenze, a differenza dei fondi, dove è possibile effettuare trasferimenti.

Tassazione degli ETF

Quando si investe non si dovrebbe mai dimenticare il Tesoro. A seconda di ciò in cui investi, pagherai più o meno tasse. Nel caso della tassazione degli ETF, sia spagnoli che stranieri, oltre a non poter effettuare trasferimenti senza tassazione, il resto della tassazione è lo stesso delle azioni. Pertanto, dovrai pagare le imposte sul reddito ogni volta che acquisti o vendi un fondo negoziato in borsa, indipendentemente da ciò che farai con quei soldi in seguito.

Nella dichiarazione, i fondi negoziati in borsa saranno inclusi nel reddito da risparmio nell’imposta sul reddito delle persone fisiche come plusvalenza o perdita. Ciò significa che le seguenti percentuali verranno applicate alle vincite ottenute:

  • 19% per vincite fino a 6.000 euro.
  • 21% per guadagni tra i 6.000 e i 50.000 euro.
  • 23% per guadagni tra 50.000 e 200.000 euro.
  • 26% in più di 200.000 euro.

L’unica cosa buona della tassazione degli ETF sui fondi è che, quando tassate come azione, le plusvalenze ottenute non hanno ritenute al momento della vendita, quindi possiamo contare su tutti i soldi che non sono stati trattenuti fino a quando non è il momento di dichiarare il reddito, dove dovremo pagarli.

Vale la pena investire in ETF?

Gli ETF sono un buon modo per far crescere i tuoi risparmi a un costo limitato e che puoi combinare con investimenti in fondi specifici o nel mercato azionario, per esempio.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
pexels burak the weekender 186461

Solana può raggiungere $ 10000?

invest crypto 39

Previsione prezzi CRYPTO20 2022 – 2025 – 2030