in

Fondo di Garanzia e mutuo casa: le novità per il 2024

Acquistare casa nel 2024, soprattutto per chi è alla prima esperienza, consente di beneficiare di una serie di incentivi pubblici con i quali ammortizzare la spesa. Grazie ad essi è possibile ridurre i costi che derivano da queste transazioni con un abbattimento delle imposte.

In generale quando si usa uno strumento che simula rata mutuo, è possibile ottenere una stima abbastanza precisa di ciò che, in base a quanto richiesto, si andrà a pagare di volta in volta. Una volta scelta quella più adatta alle proprie esigenze, tuttavia, occorre capire in dettaglio a cosa corrispondono tutti i costi che compongono la rata; per far questo occorrerà consultare un professionista esperto con il quale valutare quali incentivi è possibile richiedere.

Con la legge di bilancio 2024, infatti, sono state introdotte importanti novità che riguardano sia i mutui prima casa che il Fondo di Garanzia. Vediamo quali sono le principali.

Mutui e Fondo di Garanzia: le novità 2024

Come detto poc’anzi, la Legge di Bilancio 2024 ha apportato importanti modifiche alla garanzia dei mutui per l’acquisto della prima casa attraverso il Fondo di Garanzia. Una delle principali novità è la proroga della possibilità di usufruire della garanzia massima dell’80%, estesa fino al 31 dicembre 2024. Questa estensione si applica alla quota capitale dei mutui rivolto alle categorie prioritarie, che devono rispettare determinati requisiti per quanto riguarda l’età e il reddito.

In aggiunta il Fondo di Garanzia riceverà altri 282 milioni di euro per l’anno 2024, garantendo così una maggiore disponibilità di risorse per supportare le richieste dei cittadini che vi faranno ricorso. Un aspetto rilevante introdotto durante l’esame in sede referente è l’inclusione tra le categorie prioritarie delle “famiglie numerose“. Le condizioni anagrafiche e reddituali stabilite determinano la misura massima della garanzia e l’accantonamento di un coefficiente di rischio.

Le categorie prioritarie che possono beneficiare della garanzia massima dell’80% includono giovani coppie, nuclei monogenitoriali con figli minorenni, conduttori di alloggi IACP, e giovani che hanno meno di 36 anni, con un ISEE inferiore a 40.000 euro annui. Infine rientreranno tra le nuove categorie prioritarie i nuclei familiari con tre, quattro, o cinque o più figli di età inferiore a 21 anni, con specifici limiti ISEE.

Limiti di reddito e ISEE

Per quanto riguarda l’accesso alle agevolazioni, non sono previsti limiti di reddito in generale, ma coloro che rientrano nelle categorie prioritarie con un ISEE non superiore a 40.000 euro annui possono richiedere l’innalzamento della garanzia all’80%. In caso pervengano più domande nello stesso giorno, il gestore del Fondo tende a dare priorità ai mutui erogati alle categorie indicate più sopra.

I mutui ammissibili alla garanzia del Fondo devono avere un ammontare uguale o inferiore a 250.000 euro e essere destinati all’acquisto o ristrutturazione di immobili adibiti ad abitazione principale.

Per fare domanda e accedere al Fondo con la garanzia del 50% o dell’80%, è necessario compilare il modulo disponibile sul sito di Consap e presentarlo presso una delle banche o intermediari finanziari aderenti. Nel caso di garanzia dell’80%, infine, è richiesta anche la dichiarazione ISEE non superiore a 40.000 euro annui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

crypto 00043

Previsione dei prezzi AIOZ Network 2024-2030: è un buon investimento?

crypto 00040

Previsione dei prezzi Neon EVM 2024-2030: è un buon investimento?