in

Il logo Dogecoin di Twitter e la class action da 258 miliardi di dollari di Elon Musk

Passa appena una settimana senza che Elon Musk produca qualche riferimento velato – o non così velato – a Dogecoin, e questa settimana non è diversa. Questa volta, il proprietario di Twitter ha pensato bene di cambiare il logo del social network dal familiare uccello blu e bianco a una foto di un cane Shiba Inu, che è la mascotte di Dogecoin. Il prezzo di DOGE è schizzato in risposta, salendo da $ 0,076980 prima del tweet del 3 aprile a un massimo di cinque mesi di $ 0,102349 (un guadagno del 33%). E ancora una volta, la comunità di Dogecoin sta cantando le lodi del mercuriale Musk, che da solo sembra essere l’unica persona a sostenere il prezzo del meme token al momento.

Eppure, come una manciata di proprietari più spassionati si sono affrettati a sottolineare, sembra che qualcos’altro stia accadendo sotto la superficie di quest’ultima notizia vagamente titillante. Elon Musk ha chiesto a un giudice federale di respingere una class action intentata contro di lui, con la sua richiesta presentata il giorno prima che il logo di Twitter ricevesse il suo restyling. È interessante notare che questa class action – originariamente presentata nel giugno 2022 – sostiene che Musk ha intenzionalmente pompato il prezzo di DOGE solo per poi scaricarlo sugli investitori al dettaglio, con i querelanti che di conseguenza chiedono $ 258 miliardi di danni.

Mentre l’amore ben documentato di Musk per fare cose che fanno salire il prezzo del DOGE può suggerire che il caso ha una certa sostanza, resta da vedere se i querelanti possono dimostrare sufficientemente che il proprietario di Twitter e Tesla intendeva frodare gli investitori attraverso le sue azioni. Naturalmente, solo perché il caso potrebbe finire per non riuscire a dimostrare la colpevolezza di Musk non significa che l’investitore medio al dettaglio dovrebbe investire con fiducia in Dogecoin, che probabilmente non ha nulla da offrire oltre al cheerleading ora sospetto di Musk.

L’ultima trovata di Musk Dogecoin

Potrebbe essere solo aprile, ma il 2023 è già stato un anno abbastanza impegnativo per quanto riguarda i riferimenti di Elon Musk e Dogecoin. Prima Musk ha partecipato al Super Bowl indossando una maglietta Dogecoin (e seduto accanto al magnate dei media Rupert Murdoch). Poi, appena un paio di giorni dopo, abbiamo avuto il post di Twitter di febbraio in cui ha pubblicato una foto del “nuovo CEO di Twitter”, che era il suo cane Shiba Inu, Floki.

Inutile dire che il prezzo di Dogecoin è aumentato in risposta a queste due piccole acrobazie back-t0-back, guadagnando di circa l’11% in un paio di giorni. Il motivo? Bene, il cinico sarebbe tentato di sostenere che i possessori e gli investitori di Dogecoin sono così affamati di qualsiasi notizia di adozione genuina che impazziranno in risposta anche alla minima menzione del token meme di Musk.

D’altra parte, una lettura più caritatevole è che i cenni di cui sopra a Dogecoin equivalgono a Musk che riafferma che, prima o poi, integrerà i pagamenti DOGE in Twitter in una forma o nell’altra.

Questa possibilità è stata all’ordine del giorno da quando Musk ha offerto di acquistare la società di social media nell’aprile 2022, con il proprietario di Tesla che ha suggerito al momento che potrebbe introdurre “un’opzione per pagare [per gli abbonamenti Twitter Blue] in DOGE”. Recentemente è tornato alla ribalta a seguito di un rapporto del Financial Times, che a fine gennaio ha rivelato che Musk stava spingendo Twitter a portare avanti i suoi piani per portare i pagamenti digitali sulla sua rete.

Ciò ha anche contribuito ad aumentare il prezzo di Dogecoin, anche se gli addetti ai lavori citati dal Financial Times non hanno fatto menzione esplicita del DOGE, e anche se hanno affermato che i pagamenti digitali su Twitter inizialmente coinvolgerebbero solo valute legali. Tuttavia, l’apparizione del rapporto ha rafforzato le speranze che Twitter avrebbe usato DOGE alla fine, e sembra che tali speranze siano divampate ancora una volta quando il social network ha cambiato il suo logo questa settimana.

Come risultato di questo cambio di logo, Dogecoin ha anche brevemente lanciato Cardano come l’ottava criptovaluta più grande del mercato (per capitalizzazione di mercato), anche se da allora è tornata al nono posto nella classifica. Tuttavia, rimane in crescita del 30% in una settimana al momento della stesura di questo articolo, ed è stato ampiamente di tendenza su Twitter.

Seppellire una class action

Ancora una volta, si potrebbe sostenere che è un atto d’accusa estremamente triste nei confronti di Dogecoin che tutto ciò che Elon Musk deve fare per aumentare il suo prezzo è produrre qualche meme inane legato al Doge, con gli investitori che lo lambiscono per qualche bizzarra ragione. Tuttavia, ciò che è interessante di questo ultimo episodio è la sua tempistica, dato che il cambio di logo è avvenuto lo stesso giorno in cui si è diffusa la notizia del deposito di Musk per far respingere la suddetta class action.

In effetti, diversi osservatori hanno affermato che il cambiamento è stato implementato al fine di distogliere l’attenzione dalla causa, in quanto le ricerche per “Musk” e “Dogecoin” avrebbero probabilmente restituito pagine relative al cambio di logo (piuttosto che alla causa).

Se questo è vero, allora i tentativi di deviazione di Musk hanno avuto successo solo a metà. Mentre le ricerche per i termini di cui sopra producono principalmente risultati relativi al logo di Twitter, ce ne sono ancora alcuni relativi alla causa da $ 258 miliardi. Detto questo, sembra che più persone online stiano parlando del logo, quindi Musk potrebbe essere comunque soddisfatto dei suoi ultimi imbrogli.

Per quanto riguarda la causa, gli avvocati di Musk hanno presentato istanza per l’archiviazione del caso, sulla base della mancanza di prove. Hanno fatto riferimento alle affermazioni del caso come a una “fantasiosa opera di finzione”, aggiungendo che non c’è “nulla di illegale nel twittare parole di sostegno o immagini divertenti su una criptovaluta legittima che continua a detenere una capitalizzazione di mercato di quasi $ 10 miliardi”.

Il caso rimane in una fase molto iniziale, quindi sarebbe difficile – se non sciocco – discutere dove potrebbe finire. Basti dire che le azioni e i tweet di Elon Musk negli ultimi due anni hanno indubbiamente aumentato il prezzo di Dogecoin, che ha anche visto un calo dell’87% dal massimo storico di $ 0,731578 fissato nel maggio 2021 (all’incirca nel periodo in cui Musk è apparso al Saturday Night Live). È anche estremamente improbabile che Musk non sia consapevole del fatto che DOGE aumenta di prezzo in quasi tutte le occasioni in cui lo menziona.

Il caso rileva che Musk “ha twittato su Dogecoin almeno dal 2 aprile 2019, quando ha condiviso un articolo satirico di The Onion sulla volatilità dei prezzi di Bitcoin e ha aggiunto: ‘Il valore di Dogecoin può variare’. Musk ha proseguito: “Dogecoin potrebbe essere la mia criptovaluta preferita. È davvero fantastico”.

Da quando ha pubblicato il tweet di cui sopra, DOGE è aumentato di prezzo di circa il 3.266% e persino del 25.000% (in termini di massimo storico di maggio 2021). È discutibile che tutto ciò sia dovuto al tifo di Musk, che ha riconosciuto di detenere DOGE (e che Tesla possiede alcuni).

In definitiva, Dogecoin rimane un token meme con poca utilità rispetto ad altre criptovalute. Al momento, i suoi titolari ripongono le loro speranze interamente nella possibilità non confermata che Twitter alla fine introdurrà pagamenti basati su DOGE. Questo è tutt’altro che una certezza, ma ciò che è certo è che investire nella moneta rimane un’attività rischiosa e che gli investitori con una bassa tolleranza al rischio potrebbero preferire guardare verso criptovalute più utili con più possibilità di approvazione di un miliardario inaffidabile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

pexels worldspectrum 843700

Quante azioni ha Leonardo?

soldi 1

Come parlare con Agea?