in

Investire in diritti azionari e warrant

Le aziende che hanno bisogno di raccogliere capitale aggiuntivo possono farlo emettendo azioni aggiuntive. Tuttavia, queste azioni aggiuntive diluiranno il valore delle azioni esistenti , il che può essere motivo di preoccupazione per gli azionisti. Alcune società, quindi, scelgono di emettere diritti o warrant come mezzo alternativo per generare capitale. Questi strumenti danno agli azionisti il diritto di prelazione di acquistare ulteriori azioni direttamente dalla società, normalmente a un prezzo scontato. 

Cosa sono i diritti azionari?

I diritti azionari sono strumenti emessi dalle società per fornire agli attuali azionisti l’opportunità di preservare la loro frazione di proprietà aziendale. Viene emesso un unico diritto per ciascuna azione di azioni e ogni diritto può in genere acquistare una frazione di un’azione, pertanto sono necessari più diritti per acquistare una singola azione.

Le azioni sottostanti verranno negoziate con il diritto allegato immediatamente dopo l’emissione del diritto, denominato “diritti su”. Quindi il diritto si staccherà dal titolo e verrà scambiato separatamente, e il titolo quindi scambierà “diritti” fino alla scadenza dei diritti. I diritti sono strumenti a breve termine che scadono rapidamente, generalmente entro 30-60 giorni dall’emissione. Il prezzo di esercizio dei diritti è sempre fissato al di sotto del prezzo corrente di mercato e non viene addebitata alcuna commissione per il loro rimborso.

Cosa sono i warrant?

I warrant sono strumenti a lungo termine che consentono anche agli azionisti di acquistare ulteriori azioni a un prezzo scontato, ma sono tipicamente emessi con un prezzo di esercizio superiore al prezzo corrente di mercato. Ai warrant viene quindi assegnato un periodo di attesa che può variare da sei mesi a un anno, il che dà al prezzo delle azioni il tempo di aumentare abbastanza da superare il prezzo di esercizio e fornire un valore intrinseco. I warrant sono generalmente offerti insieme a titoli a reddito fisso e fungono da “dolcificante” o incentivo finanziario per l’acquisto di un’obbligazione o di un’azione privilegiata.

Un singolo mandato di solito può acquistare una singola quota di azioni, sebbene in alcuni casi siano strutturati per acquistare più o meno di questa. I warrant sono stati utilizzati anche in rare occasioni per acquistare altri tipi di titoli come offerte privilegiate o obbligazioni. I warrant differiscono dai diritti in quanto devono essere acquistati da un broker per una commissione e di solito si qualificano come titoli con margine .

Sia i diritti che i warrant assomigliano concettualmente alle opzioni call negoziate pubblicamente per alcuni aspetti. Il valore di tutti e tre gli strumenti dipende intrinsecamente dal prezzo delle azioni sottostanti. Assomigliano anche alle opzioni di mercato in quanto non hanno diritto di voto e non pagano dividendi né offrono alcuna forma di diritto alla società.

Diritti e warrant vs opzioni

I diritti e i warrant differiscono dalle opzioni di mercato in quanto vengono inizialmente emessi solo agli azionisti esistenti, sebbene in genere si presenti un mercato secondario che consente ad altri acquirenti di acquisire questi titoli.

Gli azionisti che ricevono diritti e warrant hanno quattro opzioni a loro disposizione:

  • Mantenere i loro diritti o mandati per il momento
  • Acquista diritti o warrant aggiuntivi sul mercato secondario
  • Vendi i loro diritti o warrant a un altro investitore
  • Lascia semplicemente scadere i loro diritti o mandati

L’ultima opzione qui elencata non è mai saggia per gli investitori. Se il prezzo corrente di mercato delle azioni supera il prezzo di esercizio, gli investitori che non desiderano esercitarle dovrebbero sempre venderle sul mercato secondario per ricevere il loro valore intrinseco. Tuttavia, molti azionisti non istruiti che non comprendono il valore dei loro diritti lo fanno regolarmente.

Determinazione del valore

Come per le opzioni di mercato, il prezzo di mercato delle azioni potrebbe scendere al di sotto del prezzo di esercizio, a quel punto i diritti oi warrant diverrebbero privi di valore. Anche i diritti e i warrant diventano privi di valore alla scadenza, indipendentemente da dove viene negoziato il titolo sottostante. I valori dei diritti di borsa e dei warrant sono determinati in modo molto simile a quello delle opzioni di mercato. Hanno sia un valore intrinseco , che è uguale alla differenza tra il prezzo di mercato e di esercizio del titolo, sia il valore temporale , che si basa sul potenziale di aumento del prezzo del titolo prima della data di scadenza.

Entrambi i tipi di titoli diventeranno privi di valore alla scadenza indipendentemente dal prezzo corrente del titolo sottostante. Perderanno anche il loro valore intrinseco se il prezzo di mercato delle azioni scende al di sotto del loro prezzo di esercizio o di sottoscrizione . Per questo motivo, le aziende devono impostare attentamente i prezzi di esercizio su questi temi per ridurre al minimo la possibilità che l’intera offerta fallisca. Tuttavia, diritti e warrant possono anche fornire guadagni sostanziali per gli azionisti allo stesso modo delle opzioni call se il prezzo del titolo sottostante aumenta.

Prezzi dei diritti

La formula utilizzata per determinare il valore di un diritto azionario è:

Ad esempio, se il prezzo di mercato corrente delle azioni in circolazione è di $ 60, il prezzo di sottoscrizione di nuove azioni è di $ 50 e il numero di diritti necessari per acquistare una nuova quota di azioni è di $ 5:

Prezzo garantito

La formula per determinare il valore di un mandato è:

Ad esempio, se il prezzo di mercato corrente di un’azione è $ 45, il prezzo di sottoscrizione di un warrant è $ 30 e il numero di azioni che un singolo warrant può acquistare è 1:

Considerazioni fiscali su diritti e garanzie

I diritti e le garanzie sono tassati allo stesso modo di qualsiasi altro titolo. La differenza tra il prezzo di esercizio e quello di vendita di questi titoli è tassata come un guadagno a lungo o breve termine. Qualsiasi guadagno o perdita realizzato dalla negoziazione di diritti o warrant nel mercato secondario è tassato allo stesso modo (tranne che tutti i guadagni e le perdite saranno a breve termine). 1

La linea di fondo

Diritti e warrant possono consentire agli attuali azionisti di acquistare ulteriori azioni a prezzo scontato e di mantenere la loro quota di proprietà nella società. Tuttavia, nessuno di questi strumenti è molto utilizzato oggi, poiché le opzioni di borsa e di mercato sono diventate molto più popolari. Per ulteriori informazioni sui diritti e warrant, consultare il proprio agente di borsa o f consigliere FINANZIARIA.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Mercato monetario vs. Mercato dei capitali: qual è la differenza?

Mercato monetario vs. Mercato dei capitali: qual è la differenza?

Calcolo del tasso di rendimento interno con Excel

Calcolo del tasso di rendimento interno con Excel