in

La frutta a Km 0 è la più economica: ecco perché conviene

Frutta Km 0

Da un lato, infatti, la scelta dell’acquisto di frutta locale aumenta il business territoriale, rende la zona più stabile a livello economico ed apporta risvolti positivi sull’occupazione, dall’altro la frutta che non è importata è meno cara, e si può fare affidamento sulla sua genuinità.

La Coldiretti fa anche osservare che l’aumento del costo dei carburanti per l’acquisto di frutta esportata o comprata fuori porta, ha una ripercussione sul taglio della spesa alimentare di ogni singola famiglia. In pratica: meno qualità, meno quantità, meno soldi. Da qui, il giusto avvaloramento per i prodotti a “Km 0”.

(foto © Ilcomuneinforma)

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Amazon: eshopper infuriati, le offerte natalizie scompaiono 1

Domenica ecologica: 700 multe, incluso un ciclista