in

La guerra estiva delle OPA

M&C, il fondo salvaimprese di Carlo De Benedetti, sembra proprio essere la società più ambita di quest’estate. Ben 4 OPA già lanciate in appena due mesi, fanno crescere l’attenzione sull’impresa ormai in fase di smobilitazione.
Il motivo di questo “smatellamento” si deve rintracciare nel fatto che l’impresa non è mai decollata.

Nata come società di investimento, nel corso della sua attività è riuscita a concludere solo tre operazioni, prima di decidere di restituire i soldi non investiti agli azionisti.
Dei 315 euro ancora in suo possesso la prossima settimana ne verranno restituiti 254, lasciando in cassa circa 59,9 milioni, giusto il necessario per gestire le tre società ancora in portafoglio.
E proprio questa cassa sembra far gola a molti. Il 7 giugno scorso è stata lanciata la prima OPA a 0,08 euro da MiMoSe, holding della famiglia Segre.

Un mese dopo il colpo di scena, con una contro OPA lanciata da Tamburi Investments Partners (Tip) di Giovanni Tamburi, che già controlla il 15% di M&C. Venerdì 7 agosto la seconda bordata di Opa: MiMose offre 0,11 euro, subito dopo Tip ribatte con un’altra Opa da 0,114-0,12 euro. E non sembra finita. Perché i 59,9 milioni che M&C avrà in cassa corrispondono a 0,12 euro per azione, quindi le offerte lanciate fino ad ora sono state neutre, cioè si ripagavano già con i soldi della cassa.

Tamburi, grazie al 15% che detiene in M&C, incasserà la settimana prossima circa 37 milioni, che potrebbe decidere di reinvestire in un’altra Opa al rialzo, nel caso in cui ce ne sia bisogno. L’obiettivo, sia per MiMoSe sia per Tip, è quello di valorizzare le tre società controllate da M&C, vale a dire Saiag-Comital, che è la società produttrice del Domopak, la casa tedesca Treofan e la Botto Fila.

Ora bisognerà attendere il 15 settembre, che è il termine entro il quale gli azionisti M&C potranno consegnare le azioni a uno dei due contendenti. C’è però un terzo incomodo, tanto per complicare ancora di più la situazione. Si tratta dell’imprenditore Alessio Nati, marito della figlia di primo letto di Silvia De Benedetti, l’attuale moglie dell’ingenere. Nati aveva fatto sapere di essere interessato anche lui a M&C, senza però avere fatto seguire i fatti alle parole. Altre Opa sembrano essere nell’aria, staremo a vedere chi vincerà.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Ramo assicurativo in crisi

Coldiretti: i single spendono il doppio delle famiglie