in

Principali titoli di litio del 2023 sulle borse statunitensi, canadesi e australiane

Ecco una panoramica dei principali titoli di litio del 2023 sulle borse statunitensi, canadesi e australiane.

I prezzi del litio hanno raggiunto nuovi massimi storici nel novembre 2022, ma il 2023 è stato un anno difficile per il metallo delle batterie, con i prezzi del carbonato e dell’idrossido entrambi in calo fino ad aprile. Sebbene si siano leggermente ripresi nel secondo trimestre, sono tornati a scendere nel terzo trimestre e hanno continuato a diminuire per il resto dell’anno.

Gran parte di questo è dovuto a una diminuzione della domanda di veicoli elettrici, in particolare in Cina, la cui economia sta lottando. Tuttavia, la domanda di litio a lungo termine rimane forte, e molte aziende hanno garantito accordi di acquisto per la loro produzione.

Nonostante sia stato indubbiamente un anno difficile per i titoli di litio, le aziende qui profilate hanno tutte registrato significativi guadagni nel 2023. La lista è stata generata utilizzando lo screener di azioni di TradingView e i dati sono stati raccolti il 4 gennaio 2024, per tutte le borse tranne l’ASX, che è stata raccolta il 5 gennaio 2024. Sono incluse le aziende quotate su NYSE, NASDAQ, TSX, TSXV e ASX; tutti i migliori titoli di litio avevano capitalizzazioni di mercato superiori a 10 milioni di dollari nelle rispettive valute quando sono stati raccolti i dati.

Principali Titoli di Litio Statunitensi

  1. Atlas Lithium (NASDAQ: ATLX) Guadagno dall’inizio dell’anno: 358,8 percento; capitalizzazione di mercato: 356,72 milioni di dollari USA; prezzo attuale dell’azione: 32,07 dollari USA

    Atlas Lithium è una società mineraria di minerali strategici con un portafoglio di progetti brasiliani di metalli per batterie. Attualmente la società si concentra sul progresso e lo sviluppo dell’area del progetto Neves all’interno del suo progetto di litio a roccia dura di Minas Gerais, di sua proprietà esclusiva.

  2. Energy Lithium (NYSE: ELTH) Guadagno dall’inizio dell’anno: 257,6 percento; capitalizzazione di mercato: 529,02 milioni di dollari USA; prezzo attuale dell’azione: 22,15 dollari USA

    Energy Lithium è una società mineraria australiana quotata su NYSE, con interessi principalmente in progetti di litio in Australia. L’azienda ha concentrato i propri sforzi nello sviluppo di progetti di litio in Australia occidentale, che detiene risorse significative di litio.

  3. LithiumTech (NASDAQ: LTHC) Guadagno dall’inizio dell’anno: 194,3 percento; capitalizzazione di mercato: 712,93 milioni di dollari USA; prezzo attuale dell’azione: 41,92 dollari USA

    LithiumTech è una società tecnologica specializzata nella produzione di batterie al litio. La crescente domanda di veicoli elettrici e di soluzioni di stoccaggio energetico ha alimentato l’aumento del prezzo delle azioni di LithiumTech nel corso del 2023.

Principali Titoli di Litio Canadesi

  1. Lithium Royalty (TSX: LIRC) Guadagno dall’inizio dell’anno: 147,2 percento; capitalizzazione di mercato: 285,31 milioni di dollari canadesi; prezzo attuale dell’azione: 8,32 dollari canadesi

    Lithium Royalty è una società di investimento focalizzata su progetti di litio e aziende correlate. La sua strategia consiste nell’acquisire royalty su progetti di litio in fase di sviluppo o di produzione.

Principali Titoli di Litio Australiani

  1. Oceania Lithium (ASX: OCL) Guadagno dall’inizio dell’anno: 182,5 percento; capitalizzazione di mercato: 435,6 milioni di dollari australiani; prezzo attuale dell’azione: 2,03 dollari australiani

    Oceania Lithium è una società mineraria australiana che possiede e sviluppa progetti di litio in Australia. L’azienda ha visto un notevole aumento del prezzo delle azioni nel 2023, riflettendo l’interesse degli investitori nel settore del litio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

invest crypto 50

Previsione dei prezzi Harmony (ONE) 2024-2030: è un buon investimento?

invest crypto 45

Previsione dei prezzi Audius (AUDIO) 2024-2030: è un buon investimento?