in

Spotify analisi dei prezzi delle azioni

Attività aziendale di Spotify

Il gruppo Spotify è una società svedese specializzata in streaming musicale e che gestisce un programma per computer e un sito web. Offre un servizio per ascoltare musica istantaneamente, con un catalogo vario ed ampio di artisti e album, oltre ad alcune funzionalità specifiche, come la possibilità di ascoltare musica offline o creare liste di lettura. Spotify consente inoltre agli utenti di acquistare brani o album direttamente tramite un sito Web commerciale partner.

Il gruppo Spotify ha stabilito un modello di business che utilizza principalmente i ricavi pubblicitari. Infatti, nella sua versione gratuita, gli annunci vengono trasmessi a intervalli regolari mentre l’utente ascolta la musica. Spotify offre anche una versione a pagamento del suo programma, senza pubblicità e con la possibilità di ascoltare musica illimitato, anche offline, per 9,99 euro al mese. Inoltre propone prezzi speciali per famiglie o studenti, che possono usufruire di questo servizio ad un prezzo più conveniente. D’altra parte, Spotify basa la sua strategia di marketing su diverse offerte promozionali durante tutto l’anno, qualcosa che gli permette di sedurre nuovi utenti facendogli scoprire questo programma per una cifra modesta durante i primi mesi.

Il gruppo Spotify può contare su contratti firmati con le maggiori case discografiche per proporre innumerevoli brani ai propri utenti.

Conosci la concorrenza delle azioni Spotify

Spotify è oggi leader mondiale nel suo settore di attività, che è quello dell’ascolto di musica in streaming. È anche un pioniere in questo campo, cosa che gli dà un certo vantaggio. Tuttavia, in questo settore di attività in rapida espansione sono presenti anche numerosi competitor e, ovviamente, è interessante sapere quali sono i principali nemici di Spotify e quali sono i loro punti di forza prima di iniziare a fare trading su questi titoli. Ecco l’elenco dei principali concorrenti di Spotify:

  • Il gruppo francese Deezer è uno dei grandi concorrenti di Spotify. Offre un catalogo di titoli molto vario grazie ad associazioni di qualità e formule di abbonamento con prezzi equivalenti a quelli di Spotify. Anche le funzionalità di questi due giganti dello streaming sono molto simili.
  • Amazon  Music, il servizio di musica in streaming di Amazon , è anche un serio concorrente che sta iniziando a sviluppare la sua offerta musicale dopo aver lanciato video on-demand in Europa. Questo servizio è disponibile negli Stati Uniti da diversi anni.
  • Google  Play Music è il terzo più grande concorrente di Spotify. Sebbene il numero di utenti di questo servizio sia notevolmente inferiore a quello dei concorrenti sopra citati, questa piattaforma potrebbe aumentare le sue funzionalità e, quindi, la sua popolarità, nei prossimi anni.
  • Apple  Music è il servizio di musica su richiesta del gigante americano Apple e ha tutto ciò che serve per sedurre gli utenti. Infatti, attualmente è considerato il numero due al mondo in questo settore di attività, appena dietro Spotify, e rappresenta quindi una grave minaccia.
  • Infine, un altro gruppo francese chiamato Soundcloud, precedentemente riservato ad artisti che volevano condividere la loro musica, sta ora sviluppando un’offerta a pagamento con Go Soundcloud, una piattaforma di streaming più tradizionale che potrebbe svilupparsi in modo significativo nel prossimo futuro.

Quando stabilirai le tue strategie di investimento per il prezzo delle azioni Spotify, dovrai ovviamente tenere conto dei dati che provengono dai concorrenti ed effettuare un vero studio comparativo di questo settore di attività, poiché tutti questi attori competono in modo competitivo. diretto tenendo conto della somiglianza dei servizi e delle tariffe che propongono.

Alleanze strategiche stabilite dal gruppo Spotify

Nel 2016, il gruppo Spotify ha stabilito una partnership di marketing unica con il sito di incontri e l’app Tinder. Grazie a questa partnership, ora gli utenti di Tinder possono inserire una canzone sul proprio profilo, così come ascoltare e condividere le proprie canzoni preferite direttamente da Tinder, o anche visualizzare i profili dei single che hanno gli stessi gusti musicali.

Nel 2017, il gigante americano dello streaming di video  Netflix ha anche collaborato con Spotify per creare una playlist interattiva che propone agli utenti di conoscere il loro terreno comune con i personaggi della serie di Stranger Things. Così, in Spotify puoi trovare un link che ti permette di conoscere il risultato del test in base ai brani ascoltati più frequentemente nel tuo programma.

Nel 2018, e poco prima della sua introduzione in borsa , Spotify ha deciso di diversificare la propria offerta proponendo informazioni sui contenuti in streaming attraverso una consolidata partnership con vari editori. Il primo servizio nel suo genere, chiamato Spotlight, è un podcast quotidiano di notizie sportive e culturali, il risultato di una partnership con BuzzFeed. Questo servizio, disponibile per primo negli Stati Uniti, potrebbe arrivare in Europa a breve.

Infine, e sempre all’inizio del 2018, Spotify ha cercato di sedurre la popolazione vicina ai 40 anni stabilendo una partnership strategica con la catena di ottica Atol in Francia. Pertanto, quando una canzone degli anni ’70 o ’80 viene ascoltata su una playlist di Spotify, viene visualizzato un annuncio che invita l’utente a recarsi da uno degli ottici della rete per un test di visione.

In breve, dovresti monitorare attentamente le future partnership che Spotify potrebbe stabilire, in quanto potrebbero influenzare direttamente o indirettamente l’evoluzione del tuo titolo.

Spotify IPO analisi

Lo aspettavamo da molto tempo e finalmente il 3 aprile il gruppo Spotify ha fatto il suo ingresso in borsa. Ha fatto scalpore, infatti, l’introduzione di questo titolo in borsa, che ha chiuso la sua prima sessione con un rialzo del 12,9% sul mercato NYSE.

Mentre il NYSE aveva fissato il prezzo delle azioni di Spotify a $ 132 lunedì notte, ha aperto il 26% in più e si è concluso a più di $ 149,01, consentendo al gruppo di apprezzarsi a $ 26,5 miliardi di dollari, ovvero 21,6 miliardi di euro. Come per qualsiasi quotazione diretta, il prezzo di riferimento delle azioni di Spotify era precedentemente determinato dalla valutazione globale dell’azienda, che ammonta a oltre $ 23 miliardi, o € 18,75 miliardi. Lo scorso febbraio, questa stessa valutazione è stata stimata in $ 20 miliardi al momento di diverse transazioni fuori mercato da parte degli azionisti esistenti.

La quotazione di Spotify è stata condotta attraverso un processo di quotazione diretta, l’esatto opposto di quanto visto durante le IPO o le offerte pubbliche in vendita. Con questa quotazione diretta il gruppo non può raccogliere nuovi capitali e risparmia anche sulle commissioni generalmente trattenute dalle banche per le IPO. Questa particolarità, che comporta l’obbligo per gli azionisti esistenti di attendere l’effettivo ingresso in borsa per vendere le proprie azioni, e per gli investitori interessati ad un’entrata nel capitale di attendere il prezzo reale di tali azioni, suggerisce che la volatilità sarà presente, almeno nel breve periodo, con numerosi scambi in attesa.

Nonostante il gruppo Spotify al momento non sia realmente redditizio, non avendo ancora realizzato profitti nei suoi dieci anni di esistenza, ciò che seduce gli investitori in borsa è, prima di tutto, il potenziale dell’azienda grazie ai suoi 71 milioni utenti paganti. Spotify è, infatti, il numero uno al mondo in questo settore.

Il NYSE ha quindi raccolto gli ordini di acquisto e vendita prima dell’apertura di martedì 3 aprile 2018 e li ha utilizzati per determinare il prezzo di apertura di questo titolo. Poiché il gruppo Spotify non voleva assumere un supervisore per collocare le sue azioni, è stata la società Citadel Securities ad ottenere la missione di determinare questo prezzo di apertura del NYSE in collaborazione con Morgan Stanley.

Storia economica e finanziaria della società Spotify

Certo, è necessario conoscere la storia economica e finanziaria di Spotify per ampliare ulteriormente la tua conoscenza del gruppo. Quindi, ecco un riassunto degli eventi importanti e delle date chiave della sua storia.

  • 2009: Spotify apre uno dei suoi primi centri europei a Parigi. In poco tempo ha avuto 7 milioni di utenti in Europa nel 2010, con oltre 250mila abbonati paganti.
  • 2011: Il gruppo Spotify gode di un investimento di oltre 100 milioni di dollari da parte di Digital Sky Technologies, un fondo di investimento americano. Pertanto, la sua valutazione supera il miliardo di dollari. Lo stesso anno, il gruppo raggiunge un milione di abbonati. Lo stesso anno, il gruppo SFR ha proposto un servizio Spotify in uno dei suoi contratti. Nel 2011, Spotify firma accordi con EMI, Sony Music, Major UMG e Warner.
  • 2012: Spotify rimuove il limite di 5 riproduzioni per titolo in Europa, anche se non in alcuni paesi come la Francia. La Spagna è stata tra i paesi in cui la restrizione è stata revocata, insieme a Finlandia, Svezia, Norvegia e Paesi Bassi. Lo stesso anno, SFR termina la sua partnership con Spotify.
  • 2013: l’accesso al servizio viene aperto da un browser web con Spotify Web Player.
  • 2014: Il gruppo procede con l’acquisizione della piattaforma musicale intelligente americana The Echo Nest. Nello stesso anno ha avviato una partnership con la società Uber nei settori dei veicoli da turismo con conducente, che consiste nel proporre ai passeggeri dei brani da ascoltare durante il viaggio. Quell’anno, Spotify ha raggiunto 50 milioni di utenti con 12,5 milioni di abbonati paganti. I risultati del gruppo continuano ad essere negativi, con una perdita di oltre 162 milioni di euro nello specifico, a causa delle royalties che trasmette ai timbri delle società di distribuzione.
  • 2015: il numero di utenti Spotify aumenta a oltre 75 milioni, con 20 milioni di abbonati paganti. Da parte loro, i rimborsi raggiungono i 3 miliardi di dollari. Lo stesso anno, il gruppo in Francia ha stretto una partnership con il gruppo Bouygues, che gli consentirà di aumentare il numero dei suoi abbonati del 150%. Tuttavia, non realizza ancora alcun profitto nonostante una valutazione di oltre 8 miliardi di dollari. Così, anche nel 2015, Spotify ha deciso di competere con la piattaforma YouTube e si è lanciata nello streaming video.
  • 2016: Il numero di utenti raggiunge i 100 milioni, ma solo un terzo degli abbonati paga e il gruppo subisce perdite sempre più importanti che lo fanno vivere una situazione di fragilità.
  • 2017: il gruppo ha 50 milioni di abbonati paganti nel mondo. Lo stesso anno ha firmato un’associazione con un contratto di licenza con Universal Music Group. A giugno gli utenti sono stati 140 milioni. Tuttavia, le perdite sono ancora significative nonostante l’aumento del fatturato. Lo stesso anno, Spotify e Tencent Holdings effettuano un’acquisizione di azioni incrociate e stabiliscono una partnership con l’obiettivo di sviluppare la loro diffusione da un punto di vista geografico.

Vantaggi e punti di forza delle azioni Spotify come asset azionario

Per sapere se le azioni di Spotify possono aumentare a lungo termine, è necessario comprendere e comprendere i punti di forza di questa azienda, nonché le opportunità che si presentano. Quindi, ecco un riepilogo dei punti di forza di Spotify, che si appoggiano a una tendenza al rialzo.

Innanzitutto, il gruppo Spotify gode di una posizione interessante nel mercato della musica in streaming, in quanto è il pioniere in questo settore di attività e anche il numero uno al mondo per numero di utenti. Questo vantaggio competitivo fa sì che i consumatori abbiano una certa fiducia nel gruppo.

Spotify seduce anche utenti a pagamento o servizi gratuiti grazie alla sua semplicità d’uso rispetto ad alcuni dei suoi concorrenti. Infatti, oltre all’applicazione per smartphone e al programma per computer, tablet e altri media, è possibile accedere a Spotify tramite il sito web, dotato di un’interfaccia ergonomica e giocosa. Il fatto di poter ascoltare musica gratuitamente e senza alcun contratto è anche un vero punto di forza per questa azienda, che viene remunerata attraverso la vendita di spazi pubblicitari.

Spotify ha anche capito che usare i social media per farsi conoscere è una strategia di qualità. Grazie alle sue liste di lettura, fornisce alla sua piattaforma un aspetto social che le consente sia di fidelizzare gli utenti attuali sia di conquistarne di nuovi.

Spotify non ha intenzione di restare fedele ai servizi che offre attualmente, ma sta studiando la possibilità, dopo il recente lancio di un servizio di notizie in streaming, di trasmettere contenuti in diretta e di sviluppare anche il suo servizio di video-on-demand.

Infine, quando si tratta dei punti di forza di Spotify, sottolineeremo anche che la sua lunghezza sul campo e l’esperienza lo rendono un intermediario affidabile per artisti e società di produzione. In questo modo, il gruppo può negoziare i prezzi con gli artisti e guadagnare la fiducia degli inserzionisti quando si tratta del loro servizio di spazio pubblicitario.

Svantaggi e punti deboli delle azioni Spotify come risorsa quotata

Ovviamente le azioni di Spotify non presentano solo vantaggi ed è anche necessario tenere conto delle possibilità di un’evoluzione al ribasso di questo titolo nel lungo periodo. Quindi, qui presentiamo ora i punti deboli di questa azienda e le possibili minacce che possono influire sulla sua redditività.

Innanzitutto, Spotify è noto per la sua bassa retribuzione agli artisti grazie al suo servizio di base gratuito, che potrebbe essere un problema a lungo termine se i suoi concorrenti propongono una paga più alta.

D’altra parte, sebbene la libreria musicale di Spotify sia molto completa, è ancora limitata a causa degli artisti che dividono i loro cataloghi.

Si segnala inoltre che il modello di business di Spotify, che riduce l’accesso al servizio gratuito per gli utenti in abbonamento, potrebbe portare a un rallentamento della crescita degli utenti nei prossimi anni.

Certo, l’agguerrita concorrenza di questo settore di attività, e nello specifico dei suoi concorrenti in pieno sviluppo come Apple, Amazon o Google, potrebbe intaccare la notorietà di Spotify e fargli perdere la posizione di numero uno in questo settore di attività, soprattutto perché anche queste società godono di grande popolarità tra il pubblico.

I sempre più diffusi download illegali, nonostante le misure adottate per arginare questo fenomeno, rappresentano un grave problema anche per le aziende del settore, che potrebbero vedere diminuire nel tempo i propri abbonati.

Infine, evidenzieremo che Spotify continua a non realizzare profitti. Ridurre le perdite e generare nuovi profitti è uno degli obiettivi principali per i prossimi anni.

Riassumendo, è interessante confrontare i punti di forza e di debolezza del gruppo Spotify per determinare le possibilità di crescita dello stesso e, quindi, delle sue quote in borsa.

Domande frequenti

Come e in che anno è stato creato Spotify?

La società Spotify AB è stata creata nel 2006 con la creazione del programma omonimo. Daniel Ek, che era l’ex direttore tecnico di Stardoll, e Martin Lotentzon, co-fondatore di TradeDoubler, hanno fondato questa azienda con sede in Svezia. La sede principale dell’azienda si trova attualmente in Lussemburgo, mentre la sede centrale di ricerca e sviluppo si trova a Stoccolma. Tuttavia, è stato nel 2008 quando la società Spotify è stata lanciata per l’accesso pubblico.

Come stanno evolvendo i risultati finanziari del gruppo Spotify?

L’evoluzione dei risultati finanziari del gruppo Spotify è stata piuttosto positiva da alcuni anni. Se siamo interessati negli ultimi esercizi, osserveremo un aumento del fatturato, ma, d’altro canto, una diminuzione del risultato netto. Spotify, infatti, nel 2019 ha registrato un fatturato di 6,764 miliardi di euro, ovvero un aumento del 28,62% rispetto al 2018. Tuttavia, per quanto riguarda il suo risultato netto, era -186 milioni di euro nel 2019, cioè un 58,76%. deficit aggiuntivo rispetto al 2018.

È un buon momento per acquistare azioni Spotify?

Non c’è davvero un momento ideale per acquistare le azioni di una società come Spotify. Prima di acquistare questi titoli, è necessario assicurarsi che le possibilità di rialzo siano significative. Per fare ciò, puoi utilizzare l’analisi tecnica e l’analisi fondamentale e confrontare i segnali ottenuti.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Analisi del prezzo delle azioni Snapchat

Analisi del prezzo delle azioni Snapchat

Analisi del prezzo delle azioni 3M

Analisi del prezzo delle azioni 3M