in

Tassazione criptovaluta in Sudafrica: come funziona

Il 6 aprile 2018, il South African Revenue Services (SARS) ha emesso un chiarimento sullo status fiscale delle valute virtuali. La SARS ha osservato che “continuerà ad applicare le normali regole sull’imposta sul reddito alle criptovalute e si aspetterà che i contribuenti interessati dichiarino i guadagni di criptovaluta come parte del loro reddito imponibile”.

I  contribuenti devono quindi dichiarare tutti i loro proventi da criptovalute e la mancata osservanza potrebbe comportare l’imposizione di interessi e sanzioni.  Si afferma che:

Pur non costituendo denaro, le criptovalute possono essere valutate per accertare un importo ricevuto o maturato come previsto nella definizione di “reddito lordo” nella legge. Seguendo le normali regole sull’imposta sul reddito, il reddito ricevuto o maturato dalle transazioni di criptovaluta può essere tassato sul conto delle entrate alla voce “reddito lordo”.

In alternativa, tali guadagni possono essere considerati di natura capitale, come indicato nell’ottavo allegato alla legge per la tassazione secondo il paradigma [imposta sulle plusvalenze].

La determinazione del fatto che un rateo o un incasso sia un reddito o un capitale in natura è testato secondo la giurisprudenza esistente (di cui non c’è carenza).

L’importo dell’imposta maturata a una persona potrebbe variare notevolmente a seconda che i guadagni in valute virtuali siano tassati come reddito o come plusvalenze.

 

II. Trattamento fiscale dell’attività mineraria

Il chiarimento SARS ha rilevato che i guadagni o le perdite relativi alle criptovalute rientrano in tre situazioni, ognuna delle quali porta a un diverso trattamento fiscale:

(i) Una criptovaluta può essere acquisita attraverso il cosiddetto “mining”. L’attività mineraria è condotta dalla verifica delle transazioni in un registro pubblico generato dal computer, ottenuta attraverso la risoluzione di complessi algoritmi informatici. Verificando queste transazioni il “miner” viene premiato con la proprietà di nuove monete che entrano a far parte del registro in rete.  

Ciò dà luogo a un accumulo o una ricevuta immediata in caso di estrazione riuscita della criptovaluta. Ciò significa che fino a quando la criptovaluta appena acquisita non viene venduta o scambiata con denaro contante, viene detenuta come azione commerciale che può essere successivamente realizzata tramite una normale transazione in contanti (come descritto in (ii) o una transazione di scambio come descritto in (iii) di seguito . 

(ii) Gli investitori possono scambiare valuta locale con una criptovaluta (o viceversa) utilizzando scambi di criptovaluta, che sono essenzialmente mercati per criptovalute, o tramite transazioni private. 

(iii) Beni o servizi possono essere scambiati con criptovalute. Questa transazione è considerata una transazione di baratto. Pertanto si applicano le normali regole delle transazioni di baratto. 

In una pagina delle domande frequenti relative alle criptovalute, la SARS risponde alla domanda se “un individuo che ‘estrae’ criptovaluta come attività commerciale o commerciale [è] soggetto a tassazione sul reddito derivante da tali attività?”  La risposta afferma che “[tale] reddito è assoggettato all’imposta normale. La persona può essere tenuta a registrarsi come contribuente provvisorio se il reddito imponibile complessivo percepito supera la soglia di imposta per l’esercizio.  

Non sono state individuate leggi, regole o linee guida specificamente indirizzate ai premi di blocco o ai token di ricompensa.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Spectrocoin Wallet: cos’è, come funziona, è affidabile?

Spectrocoin Wallet: cos’è, come funziona, è affidabile?

Ina Lettmann: biografia, famiglia, salario e patrimonio

Ina Lettmann: biografia, famiglia, salario e patrimonio