in

Tassazione criptovalute in Svizzera: come funziona

La Svizzera classifica le criptovalute come beni immateriali. Nella sua guida fiscale sulle criptovalute di agosto 2019, l’Amministrazione federale delle contribuzioni svizzera (FTA) distingue tra token nativo/token di pagamento, token di utilità e token di asset. Per quanto riguarda il trattamento fiscale dell’estrazione di token nativi, soggetto al diritto cantonale, l’AFC ha stabilito che i premi in blocco ricevuti per l’attività mineraria sono inclusi nel reddito imponibile se sono soddisfatti i criteri generali per un’attività autonoma. La guida sull’IVA emessa separatamente fornisce osservazioni generali sulla tassazione dei premi di blocco, ma spiega le differenze tra pool mining e pool staking in modo più dettagliato. La ricezione di un premio in blocco non è generalmente un evento imponibile ai fini dell’IVA svizzera. Il pool mining e il pool staking sono entrambi tassabili ai sensi della legge sull’IVA e sono trattati allo stesso modo.

Sembra che non ci siano linee guida ufficiali per quanto riguarda il trattamento fiscale di airdrop o hard fork.

Nel giugno 2020, il Consiglio federale svizzero, il governo svizzero, ha dichiarato che attualmente non è necessario modificare la legge fiscale svizzera per quanto riguarda le transazioni blockchain.

I. Introduzione

La Svizzera classifica le criptovalute come beni immateriali (proprietà). L’Amministrazione federale delle contribuzioni svizzera (ALS) (Eidgenössische Steuerverwaltung, EStV) distingue tra token nativi/token di pagamento, token di utilità e token di asset.

 I token nativi sono definiti come “diritti di valore digitale idonei ad essere utilizzati come mezzo di pagamento a seconda della loro circolazione e infrastruttura. L’emittente non ha l’obbligo di effettuare un determinato pagamento o fornire un servizio nei confronti dell’investitore”. Gli  asset token rappresentano “rivendicazioni monetarie nei confronti dell’emittente o della controparte nell’ambito di un’offerta iniziale di monete (ICO) o di un’offerta iniziale di token (ITO).”  Il loro trattamento fiscale dipende dal rapporto di diritto civile tra l’emittente e l’investitore.

  I token di utilità emessi nell’ambito di un ICO o di un ITO sono quelli che forniscono agli investitori il diritto di utilizzare i servizi digitali su un servizio di piattaforma (decentralizzato), generalmente tramite un’infrastruttura basata su blockchain.  Come per i token garantiti da attività, il loro trattamento fiscale dipende dal rapporto di diritto civile tra l’emittente e l’investitore. 

Il 19 giugno 2020, il Consiglio federale svizzero, il governo svizzero, ha pubblicato un rapporto preparato dal Dipartimento federale delle finanze sulla necessità di modificare il diritto fiscale svizzero in materia di blockchain.

 La relazione ha concluso che attualmente non è necessario adottare disposizioni fiscali specifiche relative alla blockchain. 

II. Trattamento fiscale dei premi di blocco

L’FTA nella sua guida fiscale sulla criptovaluta pubblicata nell’agosto 2019 ha discusso solo del mining e della tassazione dei premi di blocco per quanto riguarda i token nativi. Tuttavia, ha sottolineato che la guida è solo un’istantanea della situazione fiscale fino a maggio 2019 e sarà continuamente sviluppata al sorgere di nuove situazioni, in particolare per quanto riguarda le ICO/ITO.

I token nativi sono beni immateriali e quindi soggetti a imposta sul patrimonio. In Svizzera, i singoli cantoni, gli Stati svizzeri, sono obbligati a riscuotere l’imposta sul reddito e l’imposta sul patrimonio sul patrimonio complessivo (patrimonio e diritti con un valore monetario) dei contribuenti residenti nel loro cantone. L’  immobile è valutato al valore di mercato alla fine del periodo d’imposta.  Le aliquote fiscali variano tra i singoli cantoni. Le criptovalute sono trattate come valute estere ai fini dell’imposta sul patrimonio. I titolari di criptovalute sono tassati all’aliquota determinata dalle autorità fiscali il 31 dicembre dell’anno fiscale. L’FTA svizzero fornisce aliquote fiscali per Bitcoin e altre criptovalute comuni sul suo sito web.  Queste aliquote sono una raccomandazione alle autorità fiscali cantonali ai fini dell’imposta sul patrimonio, ma la maggior parte dei cantoni le segue.

B. Imposta sul reddito

Come accennato, le aliquote dell’imposta sul reddito sono imposte dai cantoni e variano da cantone a cantone. I token nativi estratti rappresentano una ricompensa per l’attività di mining. Se sono soddisfatti i criteri generali per un’attività autonoma, i compensi sono inclusi nel reddito imponibile. 

C. I.V.A.

L’imposta sul valore aggiunto (IVA) è riscossa secondo la legge federale sull’IVA.  Poiché il Liechtenstein e la Svizzera formano un’area IVA comune a causa di un accordo fiscale, le seguenti osservazioni si applicano anche al Liechtenstein.  

I premi in blocco ricevuti per l’attività mineraria non si qualificano come compensazione ai sensi della legge sull’IVA, poiché non vi è scambio di servizi. Se la convalida delle transazioni blockchain viene compensata solo con ricompense in blocco, non si qualifica come attività finalizzata al profitto e quindi non è un’attività commerciale.  Al contrario, se il miner riceve una commissione di transazione come compenso per la convalida di un blocco, esiste uno scambio imponibile di servizi tra il miner e gli utenti della rete. La convalida della transazione è soggetta all’aliquota IVA generale per un beneficiario situato nel territorio fiscale.  Una ricompensa in blocco generata in aggiunta alla commissione di transazione non ha alcuna influenza sulla detrazione dell’imposta a monte.

III. Differenze nel trattamento fiscale dei token minati e dei token puntati

Solo le linee guida sull’IVA federale menzionano separatamente i token in stake. La guida IVA fornisce osservazioni generali sui premi di blocco, ma spiega le differenze tra pool mining e pool staking in maggior dettaglio. Tuttavia, la tassazione è la stessa.

Per quanto riguarda il mining pool, il minatore contribuisce con la sua potenza di elaborazione a un pool di mining e viene compensato con ricompense in blocchi. Il mining pool gestisce il software di mining e fornisce altri servizi aggiuntivi. Secondo la guida IVA, esiste uno scambio di servizi rilevante dal punto di vista fiscale tra il minatore e il pool minerario. Il luogo di adempimento è determinato secondo l’articolo 8 capoverso 1 della legge sull’IVA.  

La guida IVA afferma che per quanto riguarda lo staking pool, i proprietari di monete/gettoni di staking possono partecipare a un pool di staking contribuendo con le proprie quote. In generale, vengono compensati con una percentuale nella commissione di transazione ricevuta per lo staking. Il pool di staking gestisce il software di staking. Esiste uno scambio di servizi fiscalmente rilevante tra i singoli partecipanti e lo staking pool. Il luogo di adempimento è determinato secondo l’articolo 8 capoverso 1 della legge sull’IVA. 

IV. Trattamento fiscale dei token ricevuti tramite “Airdrops” e “Hard Forks”

Sembra che non ci siano linee guida ufficiali per quanto riguarda il trattamento fiscale di airdrop e hard fork.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Previsione prezzo Dash (DASH) 2022, 2023, 2025, 2030 e 2050

Previsione prezzo Dash (DASH) 2022, 2023, 2025, 2030 e 2050

Previsione del prezzo Maker (MKR) 2022, 2023, 2025, 2030, 2050

Previsione del prezzo Maker (MKR) 2022, 2023, 2025, 2030, 2050