in

Vacanze sempre più low cost

La crisi si fa sentire. E non solo su famiglie e lavoratori, ma anche sui più giovani che, dopo un anno molto difficile dal punto di vista economico, hanno deciso di optare per una vacanza a basso costo. E’ quanto emerge da un’indagine recentemente condotta da Swg Confesercenti, dalla quale si evince anzi che la crisi pesa molto di più sui giovani che sugli adulti.

Quindi se si deve stringere la cinghia, cioè significa che quest’anno le vacanze, per almeno 1 giovane su 4, saranno più brevi e più economiche.
A conti fatti l’indagine Swg-Confesercentidice che la percentuale di giovani dai 18 ai 24 anni in vacanza nell’estate del 2009 è superiore alla media (circa l’83%, ovvero quattro punti superiore alla media generale), ma è anche più alta la quota di giovani (un 25% contro una media complessiva del 21% ) che ammette di dover spendere meno a causa della crisi.

Di conseguenza la spesa media messa in campo è di 596 euro a persona, inferiore di ben 350 euro rispetto alla media totale (946 euro). Complessivamente i più giovani spenderanno 2,1 miliardi di euro.
Socializzare, divertirsi, risparmiare: ecco perché il 23% si fa affascinare dalle città d’arte (contro un generale 17,7%), il 20% punta quest’estate sulle grandi metropoli (media generale: solo 7,7%). Meno entusiasmo suscitano montagna (9,1% contro il 16,3%) e campagna (2,8% contro l’8,7%).

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Spesa:vincono i cibi in scatola

Vacanze: attenzione ai tarocchi gastronomici!