in

Analisi dei prezzi di Bitcoin: BTC sale costantemente verso $ 39.000

Previsione giornaliera dei prezzi di Bitcoin BTC

  • Il grafico dei prezzi di Bitcoin a 4 ore ha formato il modello incrociato rialzista con SMA a 20 e 50 barre.
  • Il MACD mostra uno slancio rialzista sostenuto nel MACD.

Negli ultimi otto giorni, il prezzo del Bitcoin è passato da $ 30.400 a $ 38.250. BTC è riuscito a capovolgere la SMA a 20 giorni dalla resistenza al supporto durante questa impennata al rialzo, mentre anche il SAR parabolico si è invertito da ribassista a rialzista. Con così tanti segnali positivi, vediamo cosa sta succedendo con Bitcoin dietro le quinte.

Pubblicità

Il prezzo di Bitcoin mira a $ 40.000

I tori hanno avuto il controllo del prezzo del Bitcoin per quattro giorni consecutivi, durante i quali sono riusciti a capovolgere la SMA a 20 giorni da resistenza a supporto. L’indice di forza relativa (RSI) è in trend intorno a 63, il che significa che BTC potrebbe attraversare $ 40.000 prima che l’asset diventi sopravvalutato.

Immagine: BTC / USD al giorno

Il prezzo del bitcoin ha una mancanza di forti barriere di resistenza in anticipo. Secondo IOMAP di IntoTheBlock, c’è un ostacolo da moderato a debole a $ 39.000 in cui 124.000 indirizzi avevano precedentemente acquistato 156.000 BTC.

Immagine: IntoTheBlock

Il grafico dei prezzi di Bitcoin a 4 ore ha emesso più segnali positivi, il che fa ben sperare per i tori. Diamo un’occhiata più da vicino a loro.

Immagine: BTC / USD 4 ore

  • BTC è di tendenza in una formazione di canale ascendente.
  • La SMA a 20 bar ha incrociato la SMA a 50 bar per formare un cross rialzista.
  • Il MACD mostra uno slancio di mercato rialzista sostenuto.

Nuovi soldi che fluiscono in Bitcoin

Immagine: Glassnode

Guardando l’immagine sopra, pubblicata da Glassnode, possiamo vedere che il numero di Bitcoin ritirati dagli scambi fiat-to-crypto (Coinbase) è esponenzialmente superiore al numero di Bitcoin ritirati dagli scambi crypto-to-crypto (Binance). Ciò è indicativo del fatto che affluisce nuovo denaro Bitcoin con sempre più persone che cercano di accumulare più BTC possibile.

Visto per consentire alle istituzioni e alle banche di acquistare Bitcoin 

Visa ha recentemente collaborato con First Boulevard, una neobank digitale, per pilotare un’API crittografica, che consentirà ai clienti istituzionali di acquistare, custodire e scambiare criptovalute detenute da Anchorage. First Boulevard si concentra sulla creazione di ricchezza generazionale per la comunità nera. Anchorage è una banca di risorse digitali istituita a livello federale. 

Il programma pilota API dovrebbe essere lanciato entro la fine dell’anno. Intervenendo sull’argomento, il Chief Product Officer di Visa, Jack Forestell, ha dichiarato:

Abbiamo deciso di fare di Visa il ponte tra le valute digitali e la nostra rete globale di 70 milioni di commercianti e oggi siamo la rete leader per i portafogli crittografici con 35 piattaforme crittografiche che scelgono di emettere con Visa. […] Con questo programma pilota, vogliamo estendere il valore di Visa ai nostri clienti di neobank e istituti finanziari fornendo un facile ponte per le criptovalute e le reti blockchain.

Dando la priorità a partner come First Boulevard, Visa sta cercando di livellare il campo di gioco quando si tratta di accedere a tecnologie nuove ed emergenti. Il presidente di Anchorage, Diogo Monica, ha affermato che il programma pilota API di Visa è un passo importante sia per la proliferazione delle criptovalute come asset class sia per l’accessibilità nei servizi finanziari di pagamento. Ha aggiunto:

Siamo entusiasti di lavorare insieme a Visa e First Boulevard per costruire l’infrastruttura per un futuro finanziario più sicuro ed equo.

La Cina può chiudere Bitcoin per $ 7 miliardi all’anno?

Durante un recente dibattito con il difensore delle criptovalute Anthony Pompliano, Micheal Green – il capo stratega di Logica Capital – ha parlato del dominio minerario di Bitcoin in Cina. Green ha evidenziato la quota dominante del tasso di hash BTC situato all’interno dei confini della Cina, descrivendo la rete come “incredibilmente vulnerabile” dal punto di vista degli Stati Uniti. È andato a spiegare perché Bitcoin non è decentralizzato come viene percepito. 

La stragrande maggioranza dell’attività mineraria si verifica in regioni come Cina, Russia e Iran e, se incorporiamo la partecipazione dei pool minerari, controllano oltre il 90% del tasso di hash. Questo non è un sistema decentralizzato. 

Green ha aggiunto che, ad esempio, se la Cina chiudesse la rete Bitcoin (iniziando a estrarre blocchi vuoti), costerebbe al paese solo 7 miliardi di dollari all’anno. 

L’attuale stima di quanto costerebbe chiudere la rete Bitcoin […] se, ad esempio, la Cina decidesse semplicemente di iniziare a estrarre blocchi vuoti […] è di circa 7 miliardi di dollari all’anno. Per uno stato-nazione, non è niente

Tuttavia, Pompliano non era d’accordo con Green, affermando che Bitcoin è “la rete informatica più forte al mondo […] da ogni misura”. Ha indicato la recente “diversificazione” nella centralizzazione cinese del tasso di hash, sottolineando i notevoli progressi nell’hash potere comandato da entità con sede negli Stati Uniti.  

Inoltre, Pompliano ha contestato la congettura di Green secondo cui la distribuzione geografica del tasso di hash di Bitcoin rappresenta la capacità di una nazione di esercitare il controllo sulla rete. Egli ha detto: 

Solo perché c’è qualche tipo di flusso di capitale altrove non significa che quei governi lo controllino.

Green ha anche descritto Bitcoin come un canale per la criminalità e uno strumento utilizzato dai nemici degli Stati Uniti per aggirare il dollaro. Ha predetto che il governo degli Stati Uniti presto bandirà BTC. A questo, Pomp ha detto che se l’opinione di Green dovesse prevalere, gli Stati Uniti commetterebbero l’errore di escludersi dalla rivoluzione finanziaria globale che blockchain e criptovalute ispireranno. 

Argo Blockchain ha acquistato 172,5 BTC a gennaio

Argo Blockchain (ARB), una società di mining di Bitcoin quotata in borsa, ha recentemente rivelato di aver acquistato 172,5 BTC a gennaio come parte della sua strategia di gestione delle risorse. In un recente comunicato stampa, la società ha notato di aver acquistato i token BTC nella seconda metà di gennaio. Si stima che la criptovaluta di punta fosse scambiata tra $ 30.000 e $ 36.000 durante quel periodo.

Con Trading BTC circa $ 36.500, le nuove partecipazioni hanno un valore attuale di oltre $ 6 milioni. Argo ha anche affermato di aver estratto 93 BTC “o equivalente bitcoin” a gennaio, leggermente meno dei 96 BTC (o equivalenti) a dicembre 2020. 

Secondo il comunicato stampa, la compagnia mineraria deteneva circa 500 BTC entro la fine di gennaio. L’amministratore delegato Peter Wall ha affermato che gennaio è stato “il mese migliore nella storia dell’azienda sia in termini di entrate che di profitti minerari. In particolare, le azioni di Argo sono aumentate di oltre il 1.350% nell’ultimo anno. 

Si prevede che il prezzo di Bitcoin raggiunga questi livelli

Prezzo bitcoin dovrebbe superare la barriera di resistenza di $ 39.000 e raggiungere il livello psicologico di $ 40.000.

Pubblicità

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...

0

Blockchain è il futuro delle banche?

Strategie d’investimento: ecco le migliori per fare trading ai tempi del Coronavirus