in

Automobili: false fatture di imprese fasulle, frode fra Calabria e Veneto

Macchine

La trovata ingegnosa ha permesso ai ladri di intrecciare un commercio trasversale di auto tra diversi Paesi europei, emettere finte fatture e prendersi tutti i soldi, scaricando ogni costo ad un’impresa inesistente.

La Guardia di Finanza di Melito Porto Salvo (Calabria) ha scoperto che un’impresa (inesistente) con sede a Melito acquistava da Germania ed Austria delle auto da rivendere ad un’altra impresa.

Le transazioni si realizzavano grazie a finti atti notori.

Inoltre, l’azienda di Melito, dopo aver illecitamente fatto immatricolare le auto, otteneva una remunerazione fissa a favore del titolare per ogni auto venduta. Detrazioni di IVA mai versate, illeciti risparmi e falsità ideologiche che hanno fruttato ai ladri 1.6 milioni di Euro.

(foto © Blogo)

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Cassazione: espellere gli immigrati irregolari, anche se i figli studiano

Tarsu e Tia: l’Iva non è dovuta