in

Bank Of Japan: guida completa

Definito il “miracolo economico giapponese del dopoguerra”, nei tre decenni successivi al 1960, il Giappone ha subito una rapida crescita economica.

Con tassi di crescita medi del 10% negli anni ’60, del 5% negli anni ’70 e del 4% negli anni ’80, il Paese del Sol Levante si è affermato come la seconda economia più grande del mondo fino al 2010, prima di essere superato dalla Repubblica popolare di Cina.

Nel 1990, il reddito pro capite in Giappone era pari o superiore a quello della maggior parte dei paesi occidentali.

Dopo aver affrontato anni di deflazione nell’ultimo decennio, nel 2013 il governo giapponese si è impegnato a rivitalizzare l’inflazione facendo affidamento sulla Banca del Giappone per contribuire sia al mantenimento della stabilità del sistema finanziario che al sano sviluppo dell’economia nazionale.

Vedi un’opportunità di trading?
Apri un account adesso!

Cos’è la Bank of Japan?

La Banca del Giappone (BoJ) è la banca centrale del Giappone e la massima autorità monetaria del paese. La banca ha sede a Nihonbashi, il quartiere degli affari di Chūō, Tokyo. Fu istituito ai sensi del Bank of Japan Act del 1882 e iniziò ad operare il 10 ottobre 1882, prima di emettere le sue prime banconote nel 1885.

Per adempiere ai suoi doveri di banca centrale, la BoJ ha una sede centrale, 32 filiali e 14 uffici locali a livello nazionale e sette uffici di rappresentanza all’estero.

In qualità di banca centrale della terza economia più grande del mondo, la Banca del Giappone ha un impatto diretto sul mercato dei cambi.

Pertanto, uno degli eventi più importanti da seguire per chiunque sia interessato al mercato forex è il periodico incontro della BoJ, in cui viene scelta la politica monetaria ufficiale del Giappone in risposta agli attuali sviluppi economici.

Come funziona la Banca del Giappone?

In qualità di principale istituzione monetaria e finanziaria del Giappone, la missione principale della BoJ è garantire la stabilità del valore del denaro, sia internamente (stabilità dei prezzi) che esternamente (tasso di cambio), nonché la stabilità dei sistemi finanziari per garantire l’affidabilità di denaro come mezzo per regolare le transazioni economiche.

Per adempiere a queste missioni, la BoJ conduce le seguenti attività:

  • Emissione e gestione delle banconote
  • Formulazione e attuazione della politica monetaria, in particolare l’adeguamento del tasso di interesse della Banca del Giappone
  • Fornitura di servizi di regolamento tra banche e altre istituzioni finanziarie
  • Agendo come banca delle banche della nazione, monitorando ed esaminando le condizioni finanziarie e gestionali delle istituzioni finanziarie e fungendo da prestatore di ultima istanza
  • Conduzione delle operazioni di tesoreria e titoli di Stato
  • Impegnarsi in attività internazionali come fornire conti in yen a banche centrali e istituzioni governative all’estero, intervenire sui mercati dei cambi e partecipare a uno scambio di opinioni internazionale; e
  • Compilazione di dati, analisi economiche e attività di ricerca

Struttura della Banca del Giappone

La struttura organizzativa della banca è stabilita sulla base della legge sulla Bank of Japan, del regolamento e di altre regole interne. I funzionari della banca includono il governatore (Haruhiko Kuroda, dal 2013), i vice governatori, i membri del consiglio di politica, i revisori dei conti, i direttori esecutivi e i consiglieri.

Il Policy Board, il più alto organo decisionale della banca, è composto da nove membri: il Governatore, due Vice Governatori e sei membri del Policy Board.

Le decisioni di politica monetaria del Giappone sono prese a maggioranza dei nove membri del Policy Board, che determina le linee guida per il controllo valutario e monetario, stabilisce i principi di base per lo svolgimento delle operazioni della banca e sovrintende all’adempimento dei doveri dei funzionari della banca , esclusi revisori e consiglieri.

Il ruolo del Governatore è quello di rappresentare la banca e di esercitare il controllo generale sulle operazioni commerciali della banca in conformità con le decisioni prese dal Policy Board. Pertanto, il governatore della Banca del Giappone ha una notevole influenza sulla politica economica del governo giapponese.

Funzioni della Banca del Giappone

In qualità di banca centrale del Giappone, la banca conduce varie operazioni commerciali, inclusa la fornitura di contanti e servizi di pagamento e regolamento; condotta della politica monetaria; garantire la stabilità del sistema finanziario; e fornitura di servizi relativi al governo.

Il Bank of Japan Act afferma che la politica monetaria della banca dovrebbe essere “mirata a raggiungere la stabilità dei prezzi, contribuendo così al sano sviluppo dell’economia nazionale”. Su questa base, la Banca ha fissato il “target di stabilità dei prezzi” al 2 per cento in termini di tasso di variazione su base annua dell’indice dei prezzi al consumo (IPC).

Nel caso in cui i livelli di inflazione siano fuori target, la banca può intervenire utilizzando strumenti che possono includere tassi di interesse, controllo della curva dei rendimenti, operazioni sul mercato monetario, requisiti di riserva minima, acquisto di enormi quantità di azioni giapponesi, allentamento quantitativo e altri.

Ad esempio, quando la Bank of Japan ha emesso un programma di quantitative easing (QE) nell’aprile 2013 con l’obiettivo di stimolare la spesa dei consumatori per aumentare l’inflazione, ha pompato un’enorme quantità di denaro nell’economia giapponese.

Ciò ha comportato la svalutazione dello yen giapponese, creando allo stesso tempo opportunità per i trader di trarre profitto dai movimenti dei prezzi in USD / JPY e altre coppie di valute correlate allo yen.

Per quanto riguarda l’autonomia della BoJ, l’indipendenza della banca in materia di politica monetaria è garantita dalla legge sulla Banca del Giappone.

Allo stesso tempo, per garantire che la politica monetaria della Banca e l’orientamento di base della politica economica del governo siano compatibili, la legge prevede che la Banca mantenga sempre stretti contatti con il governo e scambi di opinioni in modo sufficiente. Tuttavia, i rappresentanti del governo non hanno voti nella decisione di politica monetaria.

Vedi un’opportunità di trading?
Apri un account adesso!

La Banca del Giappone in analisi fondamentale

L’influenza della BoJ sull’economia del Giappone si basa principalmente sul tasso di interesse della Banca del Giappone e su altri interventi economici del Policy Board alle riunioni di politica monetaria (MPM), che si tengono otto volte l’anno per due giorni.

Ad ogni riunione della BoJ, il Policy Board discute le condizioni economiche e finanziarie della nazione e stabilisce le linee guida per le operazioni sul mercato monetario e la posizione di politica monetaria della banca per il periodo di intermeeting. In cambio, questo influenzerà spesso il valore dello yen e il modo in cui interagisce con le altre valute globali.

Come hanno dimostrato i tassi di interesse storici, la BoJ modifica raramente i tassi di interesse in modo imprevisto. Nel raro caso in cui ciò accada, i tassi della BoJ rettificati dovrebbero creare un’enorme volatilità del mercato.

Aumento del tasso di interesse della BoJ

Come regola generale, quando l’economia si espande o cresce troppo velocemente, la Banca del Giappone può avviare un ciclo di irrigidimento per controllare la spesa e mitigare l’aumento dell’inflazione, poiché può creare una bolla e portare a futuri problemi di stabilità economica.

In questo caso, la BoJ può decidere di aumentare i tassi di interesse, poiché tassi di interesse più elevati significano che le persone si indebiteranno di meno e spenderanno di meno, rallentando o addirittura riducendo l’inflazione.

Qui, si prevede che lo JPY si apprezzerà rispetto ad altre valute, i titoli di Stato aumenteranno, mentre le azioni e gli indici negoziati alla Borsa di Tokyo, come il Nikkei 225, diminuiranno poiché gli investitori tendono a reindirizzare il proprio capitale lontano dalle attività più rischiose.

Taglio del tasso di interesse della BoJ

È vero anche il contrario: quando un’economia si restringe, la politica monetaria può allentarsi per stimolare l’economia.

In questo caso, la BoJ può decidere di diminuire i tassi di interesse, poiché tassi di interesse più bassi teoricamente motiveranno le persone a prendere in prestito e quindi a spendere, oltre a incoraggiare le imprese a fare più investimenti e aumentare l’occupazione, con conseguente rilancio dell’economia.

Qui, lo JPY e i titoli di stato dovrebbero deprezzarsi, mentre le azioni e gli indici scambiati alla Borsa di Tokyo aumenteranno, poiché la redditività di molte società dovrebbe aumentare, mentre gli investitori sarebbero tentati di tornare a investire in attività più rischiose con l’obiettivo di ottenere maggiori guadagni.

Come negoziare con le decisioni della Banca del Giappone?

Il trading delle notizie e degli eventi che circondano la riunione della BoJ è sempre entusiasmante e può essere potenzialmente vantaggioso per i trader.

Seguendo il contenuto delle decisioni del MPM sulla politica monetaria, come le linee guida per le operazioni sul mercato monetario, oltre alle sue opinioni sugli sviluppi economici e finanziari può proiettare una prospettiva economica e offre indizi se la BoJ taglierà i tassi di interesse, aumenterà i tassi di interesse o mantenerli.

Ad esempio, notizie economiche positive possono indicare un imminente aumento dei tassi di interesse, con conseguente rafforzamento dello JPY.

Se la notizia è negativa, potrebbe accadere il contrario, il che significa che potremmo aspettarci una diminuzione dei tassi di interesse, con conseguente indebolimento dello JPY.

Di conseguenza, un tasso superiore al previsto è considerato positivo / rialzista per lo JPY, mentre un tasso inferiore al previsto è considerato negativo / ribassista per lo JPY.

Molti trader basano le loro posizioni sugli annunci MPM. Inoltre, sapere quando è programmato l’imminente incontro della BoJ consente di pianificare una strategia di trading e prepararsi in anticipo alla volatilità che quasi certamente circonderà l’evento.

Ma anche in situazioni in cui i tassi di interesse rimangono invariati, l’anticipazione che circonda eventi importanti come la riunione della BoJ ha spesso un effetto importante sul mercato.

Pertanto, come trader, è importante rendersi conto che la politica monetaria giapponese condotta dalla BoJ è uno dei fattori più importanti che influenzano vari tipi di attività a livello fondamentale, creando quindi opportunità di trading potenzialmente eccezionali. Questi includono lo yen e le sue valute globali accoppiate, i titoli di stato, le azioni e gli indici locali e altri titoli.

Ora che sai di più sulla Banca del Giappone e sulla sua influenza sui vari strumenti di trading, è importante che tu segua le notizie fondamentali e soprattutto i cambiamenti nella politica monetaria tenendo traccia della prossima riunione della BoJ sul calendario economico.

Cosa succederà dopo? Preparati a prendere il sopravvento con l’ampia selezione di asset correlati allo JPY e strumenti di trading all’avanguardia di AvaTrade!

Principali FAQ di Bank Of Japan

  • Qual è la missione della Banca del Giappone?

    Secondo il suo statuto, la Banca del Giappone è responsabile dell’attuazione della politica monetaria, dell’emissione di valuta e banconote, della fornitura di servizi di regolamento e cambio per garantire la stabilità della valuta, delle operazioni relative al Tesoro e ai titoli di stato e alla compilazione dei dati come così come l’analisi e la ricerca economica. Stranamente, la missione non menziona la stabilità dei prezzi come la maggior parte delle altre banche centrali, tuttavia la Banca del Giappone ha mantenuto a lungo un obiettivo di inflazione per contribuire a garantire la stabilità dei prezzi.

  • La Banca del Giappone è di proprietà privata?

    La Banca del Giappone è una delle poche banche centrali al mondo che non è interamente di proprietà del governo (Svizzera e Belgio sono altre due). In effetti, la legge della Banca del Giappone del 1942 specifica che il governo dovrebbe possedere un minimo del 55% della banca centrale. Negli ultimi anni non è stato chiaro chi detenga una quota importante nella banca centrale giapponese, sebbene FactSet elenchi Horizon Asset Management con sede a New York come l’unico azionista, con circa il 10% delle azioni in circolazione. Il titolo della Bank of Japan viene scambiato al Nasdaq con il ticker 8301.

  • La Banca del Giappone è indipendente?

    La Banca del Giappone ha ottenuto la sua indipendenza solo dal 1998. Prima era controllata da funzionari governativi. Tuttavia, da quando ha ottenuto la sua indipendenza, ci sono state richieste di revisione della legge che garantiva l’indipendenza alla Banca del Giappone. Ciò consentirebbe al governo di fissare obiettivi politici per la banca e di ritenerli responsabili del loro soddisfacimento. Attualmente l’unico obiettivo misurato della banca è quello di raggiungere un obiettivo di inflazione, ma non c’è nessuna entità che li ritenga responsabili del raggiungimento di tale obiettivo, il che potrebbe spiegare gli oltre due decenni di deflazione sperimentati in Giappone.

Vedi un’opportunità di trading?
Apri un account adesso!

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Investimenti 35

Carta di credito contactless abilitata NFC in India

Investimenti 6

Il miglior software di trading di opzioni