in

Capitalismo delle parti interessate

Il capitalismo degli stakeholder è un sistema in cui le società sono orientate a servire gli interessi di tutti i loro stakeholder. Tra i principali stakeholder vi sono clienti, fornitori, dipendenti, azionisti e comunità locali. Con questo sistema, lo scopo di un’azienda è creare valore a lungo termine e non massimizzare i profitti e aumentare il valore per gli azionisti a scapito di altri gruppi di stakeholder.

I sostenitori del capitalismo degli stakeholder credono che servire gli interessi di tutti gli stakeholder, al contrario dei soli azionisti, sia essenziale per il successo a lungo termine e la salute di qualsiasi azienda. In particolare, sostengono che il capitalismo degli stakeholder sia una decisione aziendale sensata oltre ad essere una scelta etica.

Pubblicità

PUNTI CHIAVE

  • Le aziende dovrebbero servire gli interessi di tutti i loro stakeholder
  • L’attenzione si concentra sulla creazione di valore a lungo termine, non semplicemente sull’aumento del valore per gli azionisti
  • Era la norma negli Stati Uniti fino a quando Milton Friedman sostenne che i dirigenti aziendali sono legati solo ai proprietari (azionisti)
  • I sostenitori ritengono che dovrebbe sostituire il primato degli azionisti

La storia del capitalismo degli azionisti e degli azionisti negli Stati Uniti

Il dibattito sul ruolo e le responsabilità delle imprese nella società ha prodotto varie teorie nel corso della storia. I fautori del capitalismo degli stakeholder, come l’economista Joseph Stiglitz , ritengono che dovrebbe sostituire il primato degli azionisti come principio di governance aziendale. Il primato degli azionisti, o l’idea che una società sia responsabile solo dell’aumento del valore per gli azionisti , è stato reso popolare dall’economista vincitore del premio Nobel Milton Friedmannegli anni ’70. Ha sostenuto che i dirigenti lavorano per i proprietari (azionisti) e l’unica responsabilità sociale di un’azienda è “usare le sue risorse e impegnarsi in attività progettate per aumentare i suoi profitti fintanto che rimane entro le regole del gioco, vale a dire , si impegna in una concorrenza aperta e libera senza inganni o frodi. ” 

I suoi scritti sulla teoria erano così influenti da aver contribuito a plasmare le leggi sul governo societario negli Stati Uniti.Questo periodo ha visto esplodere i compensi basati su azioni di dirigenti e dipendenti nel paese mentre gli interessi dei massimi dirigenti venivano allineati con gli azionisti, che erano sempre più percepiti come stakeholder più importanti. C’è stato anche un aumento delle acquisizioni ostili, con i raider aziendali che trascurano il benessere delle parti interessate non investitori. Nel 1997, l’associazione Business Roundtable ha iniziato ad avallare i principi del primato degli azionisti.

La marea sta cambiando, tuttavia, e le aziende e gli imprenditori chiedono ora un ritorno al capitalismo degli stakeholder, che è attualmente prevalente in Europa ed era precedentemente la norma, anche negli Stati Uniti

Nonostante i confronti con le società focalizzate sugli azionisti, gli stessi investitori possono guidare la carica per istituire il capitalismo degli stakeholder. Gli investitori possono provare a utilizzare le proprie azioni in una società per influenzarne il comportamento, incoraggiandola ad essere più attenta al benessere di tutti gli stakeholder. Nota come difesa degli azionisti, ciò avviene attraverso il dialogo o le risoluzioni degli azionisti. In alternativa, gli investitori utilizzano lo screening negativo per evitare società che danneggiano altri stakeholder, noto come investimento socialmente responsabile (SRI) , o praticano investimenti a impatto acquistando solo azioni di società le cui strategie hanno un impatto positivo sulla società o sull’ambiente.

Stakeholder Capitalism alla Business Roundtable 2019

Nell’agosto 2019, Business Roundtable ha rilasciato una nuova “Dichiarazione sullo scopo di una società” in cui si afferma che tutte le sue aziende associate condividono un impegno fondamentale verso tutti i loro stakeholder. “Il sogno americano è vivo, ma logoro”, ha dichiarato Jamie Dimon, presidente e CEO di JPMorgan Chase & Co. ( JPM ) e presidente di Business Roundtable, in una dichiarazione. “I principali datori di lavoro stanno investendo nei loro lavoratori e nelle comunità perché sanno che è l’unico modo per avere successo a lungo termine. Questi principi modernizzati riflettono l’impegno incrollabile della comunità imprenditoriale di continuare a spingere per un’economia al servizio di tutti gli americani “.

Il filantropo miliardario e co-fondatore di Salesforce.com Inc. ( CRM ) Marc Benioff attribuisce gli impressionanti rendimenti finanziari della sua azienda alla sua politica di valutazione equa di tutti gli stakeholder:

“Il capitalismo, come sappiamo, è morto. Vedremo un nuovo tipo di capitalismo, e non sarà il capitalismo di Milton Friedman, che si tratta solo di fare soldi. Il nuovo capitalismo è che le imprese sono qui per servire i loro azionisti, ma anche i loro stakeholder: dipendenti, clienti, scuole pubbliche, senzatetto e il pianeta. “- Marc Benioff, Presidente e co-CEO di Salesforce

Stakeholder Capitalism a Davos 2020

La 50a riunione annuale del World Economic Forum (WEF) a Davos è incentrata sul capitalismo degli stakeholder con il tema centrale “Stakeholder per un mondo coeso e sostenibile”.

Il professor Klaus Schwab, fondatore e presidente esecutivo del WEF e sostenitore di lunga data della teoria degli stakeholder, ha affermato: “Le persone si stanno ribellando contro le ‘élite’ economiche che credono le abbiano tradite, e i nostri sforzi per mantenere il riscaldamento globale limitato a 1,5 ° C C stanno cadendo pericolosamente a corto. “

Il WEF ha aggiornato il suo “Manifesto di Davos”, una serie di principi su cui si fonda l’evento, per la prima volta in oltre 40 anni. Ora afferma chiaramente che “lo scopo di un’azienda è coinvolgere tutti i suoi stakeholder nella creazione di valore condivisa e sostenuta” e afferma che le aziende dovrebbero avere tolleranza zero per la corruzione, sostenere i diritti umani e pagare la loro giusta quota di tasse.

L’organizzazione e le società contabili Big Four stanno anche sviluppando una serie di metriche e informazioni universali che le aziende possono includere nei loro rapporti annuali per misurare le loro prestazioni sociali e ambientali. “Allineando le aziende con il proprietario e i gestori degli asset attraverso metriche comuni, limitate e significative, garantiremo la disponibilità di capitale sufficiente per raggiungere gli obiettivi di sviluppo sostenibile”, ha affermato Brian Moynihan, CEO di Bank of America e WEF International Business Council (IBC) sedia.

Durante una tavola rotonda a Davos 2020 , Kevin Sneader, amministratore delegato globale di McKinsey & Company, ha affermato che l’economista Adam Smith ha affermato chiaramente che la responsabilità dell’uomo d’affari è dare alla comunità e arricchire tutti. “E penso che abbiamo perso un po ‘la nostra strada nel dimenticarlo”, ha aggiunto.

“Ogni CEO deve sedersi e fare i conti con il fatto che se non ho insegnanti per insegnare ai figli dei miei dipendenti, i dipendenti migliori non verranno a lavorare per la nostra azienda”, ha affermato il presidente di Cisco e Il CEO Chuck Robbins durante la stessa sessione. “Dobbiamo garantire come aziende di disporre di strategie per applicare le nostre capacità, le nostre competenze, la nostra base di dipendenti e le nostre risorse finanziarie per risolvere effettivamente questi problemi”.

Che aspetto ha in pratica?

Il capitalismo degli stakeholder può essere un’ideologia adottata dai leader delle singole aziende o un modello imposto dai governi attraverso leggi e regolamenti. Alcuni dei modi in cui le aziende possono dimostrare in modo indipendente un impegno per il capitalismo degli stakeholder:

  • Pagare salari equi
  • Ridurre il rapporto salariale CEO-lavoratore
  • Garantire la sicurezza sul posto di lavoro
  • Fare lobby per aliquote fiscali più elevate ed evitare scappatoie fiscali
  • Fornire un buon servizio clienti
  • Impegnarsi in pratiche di marketing oneste
  • Investire nelle comunità locali
  • Prevenire i danni ambientali

Non esiste un insieme definito di aspettative delle aziende che assumono un tale impegno. Tuttavia, JUST Capital , una ricerca indipendente senza scopo di lucro, ha intervistato 4.000 americani su quali questioni a loro avviso le aziende statunitensi dovrebbero dare la priorità di più. Le massime priorità delle aziende, secondo gli intervistati, dovrebbero essere pagare un salario equo, agire in modo etico a livello di leadership, pagare un salario dignitoso, fornire benefici ed equilibrio tra lavoro e vita privata, fornire pari opportunità e realizzare prodotti vantaggiosi.

“Il capitalismo degli stakeholder è il voto di fare affari al servizio di tutti gli stakeholder, piuttosto che solo profitti e ritorni. Gli azionisti sono ovviamente importanti, ma è fondamentale che le aziende considerino anche i lavoratori, le comunità, l’ambiente e altro ancora quando definiscono il successo, soprattutto perché così facendo ha dimostrato benefici non solo per la società, ma anche per la linea di fondo. Questo approccio non è né lo status quo né l’abbandono del tutto del capitalismo. Sta semplicemente ricalibrando il sistema per avere una visione più profonda del business e garantire un’economia che funzioni per tutti “. – Paul Tudor Jones, fondatore di Tudor Investment Corporation e The Robin Hood Foundation, co-fondatore e presidente di JUST Capital

Secondo uno studio della Stanford University basato su un sondaggio di oltre 200 CEO e CFO di aziende nell’indice S&P 1500, la maggior parte dei dirigenti ritiene di svolgere già un lavoro soddisfacente incorporando le preoccupazioni delle parti interessate nella propria pianificazione aziendale e non ricevendo un riconoscimento sufficiente. Solo il 50% crede che i propri stakeholder capiscano cosa fa l’azienda per soddisfare le proprie esigenze. Questa cifra è del 33% e del 10% quando la domanda riguarda rispettivamente gli investitori istituzionali e i media.

Critica

I critici del capitalismo degli stakeholder tendono a credere che i leader aziendali siano egoisti e si arricchirebbero se gli fosse permesso di controllare lo scopo e il ruolo delle aziende. Si ritiene che l’enfasi sugli azionisti mantenga i dirigenti adeguatamente limitati e concentrati sull’aumento dei profitti. Questo si dice per garantire che le aziende non diventino stagnanti o non competitive. I critici sostengono anche che il capitalismo degli azionisti è la ragione per cui le società pubbliche negli Stati Uniti hanno un valore immenso rispetto alle società pubbliche in altre regioni come l’Europa, dove la teoria degli stakeholder è più popolare.

Pubblicità

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...

0

Lo stato dell’investimento sostenibile nel 2020

Cos’è la sostenibilità?