in

Come creare un piano di trading

Non c’è una regola per cui devi avere un piano di trading per iniziare a fare trading, ma senza uno, hai le stesse probabilità di vincere alla lotteria come riuscire nel trading.

Non ci sono garanzie nella vita, ma quando si tratta di trading, un piano di trading attentamente elaborato servirà come investimento essenziale per il tuo viaggio di trading.

Un piano di trading è come una mappa che può aiutarti a navigare nel processo di trading dall’inizio alla fine. Può aiutarti a scegliere il mercato migliore per te, determinare i punti di ingresso e di uscita e controllare il tuo rischio. Un piano ben progettato può mantenerti responsabile e concentrato, avviandoti sulla strada del successo.

Posso scaricarne uno?

Puoi, ma molto probabilmente non sarà la soluzione migliore per la tua specifica esperienza di trading. Ogni piano deve essere unico e personalizzato per il trader se deve guidare le tue decisioni in modo efficace. Se hai appena iniziato a fare trading , potresti voler utilizzare il piano di un altro trader come guida per crearne uno tuo. Tieni presente che ogni persona ha una diversa quantità di denaro da investire, nonché una diversa capacità di rischio e tolleranza al rischio.

Fai un po’ di pianificazione

Vuoi sapere come creare un piano di trading per far ripartire il tuo portafoglio? Innanzitutto, è necessario pianificare in anticipo prima di mettere su carta il piano finale. Inizia facendoti un elenco di domande.

  • Perché voglio fare trading?
  • Quanto tempo voglio dedicare al trading?
  • Cosa spero di realizzare?
  • Quanti soldi posso permettermi di impegnare?
  • Qual è il mio livello di comfort del rischio?
  • Quali regole devo aiutarmi a gestire il rischio?
  • Ho in mente mercati e strategie?
  • Come conserverò i registri delle mie attività di trading?

Sebbene possano sembrare simili, il tuo piano e la tua strategia non sono le stesse cose. Pensa al tuo piano di trading come a una guida generale per il tuo processo decisionale, mentre la tua strategia sarà più specifica.

Vantaggi del piano di trading

Molto probabilmente non pianificheresti un viaggio senza controllare una mappa per le indicazioni stradali . Potresti farlo funzionare se stavi cercando un senso di avventura, ma potresti anche finire bloccato in un ingorgo con chilometri di strade in costruzione.

Un solido piano di trading può aiutarti a tenerti fuori da un ingorgo commerciale. Potrebbe aiutarti a evitare decisioni spontanee basate sull’emozione piuttosto che sulla logica . Il tuo piano dovrebbe dirti in anticipo quando dovresti andare all in, mantenere la calma o ridurre le perdite.

Con un piano di trading in mano, avrai già fatto i compiti. Ciò significa che puoi prendere decisioni informate e muoverti rapidamente.

Facendo affidamento sul tuo piano, aggiungerai alla tua esperienza di trading. Nel tempo, vedrai perché alcune operazioni funzionano bene e altre falliscono. Quando esamini i tuoi record nel loro insieme, sarai in grado di scoprire dove hai avuto successo, dove hai commesso errori e dove le tue abilità di trading potrebbero rafforzarsi.

Creare il tuo piano di trading

Dovrai concederti un sacco di tempo e spazio per elaborare il tuo piano di trading. Assicurati di essere ben riposato e in grado di concentrarti. Se sei stressato o distratto, non sarai in grado di fare del tuo meglio.

Quando ti siedi per mettere insieme il tuo piano di trading, dovresti prima rispondere alle domande sopra. Quindi, passa ai passaggi successivi elencati di seguito.

Pronto? Ecco cosa devi fare:

Scrivilo

Sia che tu usi il tuo computer o carta e penna della vecchia scuola, dovrai mettere per iscritto il tuo piano di trading. Metterlo per iscritto rende ufficiale il piano. Sarai più propenso a prendere sul serio il piano e a seguirlo.

Stabilisci il tuo “perché”

Hai già pensato alla tua motivazione per il trading. Forse ti piace l’eccitazione. Vuoi imparare facendo. Speri di fare un po’ di soldi e creare un gruzzolo per il futuro. Sei stanco della vita dalle 9 alle 17 e vorresti lavorare per te stesso facendo trading. Qualunque sia il tuo motivo, inseriscilo nel tuo piano di trading. Scrivilo.

Imposta un programma

Quanto tempo potrai dedicare al trading? Il tuo tempo di trading è la prima cosa al mattino, alla sera o durante la pausa pranzo al lavoro?

Non dimenticare di concedere del tempo per imparare ciò che devi sapere, valutare il mercato e mettere in pratica le tue abilità con il trading di carta .

Tieni presente che avrai bisogno di tempo extra se prevedi di effettuare più operazioni ogni giorno. Se vuoi giocare a lungo, permettendo alle tue risorse di maturare, non dovrai dedicare tanto tempo su base giornaliera.

Dichiara i tuoi obiettivi

La tua motivazione è il tuo trading “perché”. I tuoi obiettivi sono il “cosa” di trading, ciò che vuoi ottenere partecipando al trading.

Gli obiettivi di trading di tutti sono diversi, ma dovrebbero avere alcuni fattori in comune.

Gli obiettivi devono essere:

  • Raggiungibile – Non diventerai multimiliardario in una settimana. Certo, i tuoi obiettivi dovrebbero avere una natura ambiziosa, ma dovrebbero anche essere realizzabili entro limiti ragionevoli.
  • Applicabile: l’ acquisto di un’isola privata è un obiettivo, ma non si applica al commercio. Rimani fedele ai tuoi obiettivi di trading nel tuo piano.
  • Misurabile – “Diventa ricco” è un obiettivo soggettivo ma non misurabile. “Fai crescere il tuo portafoglio di 20” è misurabile e saprai quando raggiungerai quell’obiettivo.
  • A tempo – Non hai bisogno di un cronometro. Il trading non è uno sprint. I tuoi obiettivi devono avere un lasso di tempo allegato. Sei mesi, un anno, 2 anni: la durata dipende da te.
  • Preciso: amplia il tuo portafoglio. Questo è un buon obiettivo, ma non è dettagliato. Fai crescere il tuo portafoglio di una certa percentuale in un certo periodo di tempo. Questo è il tipo di precisione di cui ha bisogno il tuo piano di trading.

Imposta il tuo stile

Quando scegli che tipo di trader sarai, devi considerare il tempo che prevedi di dedicare al trading, il tuo livello di comfort con il rischio e il tuo temperamento personale.

Alcuni diversi stili di trading includono:

  • Trading di posizione:  comporta il mantenimento di posizioni stabili per un periodo di tempo, forse anche anni, basandosi sulla prospettiva di redditività.
  • Swing trading :  questa è la via di mezzo, mantenere posizioni per alcuni giorni o alcune settimane.
  • Day trading :  questo può ridurre alcuni rischi e costi poiché non manterrai durante la notte. Invece, aprirai e chiuderai una varietà di operazioni durante un giorno.
  • Scalping:  questo può essere veloce e furioso, con più operazioni in pochi minuti o addirittura secondi, con l’aspettativa di un numero di piccoli guadagni che si sommano.

Decidi come vuoi bilanciare rischio e ricompensa

Il rischio può essere sia corroborante che spaventoso. Assicurati di mettere per iscritto la tua tolleranza al rischio nel tuo piano di trading. La tolleranza al rischio non è una scelta che vuoi fare nella foga del momento o con le emozioni alle stelle.

Determina il rapporto rischio/rendimento che fa per te. Molti trader si affidano a un rapporto minimo di 1:3, il che significa che il tuo potenziale profitto sarà almeno il doppio della possibile perdita. Per determinare il rapporto tra rischio e rendimento, esamina l’importo che stai mettendo in confronto al possibile guadagno. Se rischi euro 200 con la possibilità di guadagnare euro 1.000, stai guardando un rapporto rischio-rendimento di 1: 5.

Assicurati di guardare il tuo equilibrio tra rischio e rendimento da due angolazioni: in termini di ogni operazione separata e attraverso la tua strategia di trading complessiva. Sappi che anche se le tue operazioni perdono più spesso di quanto non vincono, puoi comunque uscirne in vantaggio, a seconda del tuo rapporto rischio-rendimento.

Stabilisci la quantità di denaro che puoi impegnare nel trading

Se vivi secondo l’adagio, “Vai alla grande o vai a casa”, potresti avere una tolleranza al rischio elevato, ma ciò non significa necessariamente che tu abbia una capacità ad alto rischio. Qual è la differenza?

La tolleranza al rischio è l’importo che ti senti a tuo agio nel sottoporre a possibili perdite. La capacità di rischio è l’importo che puoi comodamente perdere. Non rischiare più soldi di quelli che puoi permetterti. Il tuo obiettivo dovrebbe essere quello di realizzare un profitto, di non perdere (o addirittura avvicinarti a perdere) la tua maglietta.

Mentre sviluppi il tuo piano di trading, prendi in considerazione lo scenario peggiore: la massima perdita su ogni operazione.

Se non sei ancora in una fase della tua vita in cui hai abbastanza soldi per iniziare a fare trading, puoi comunque giocare. Esercitati nel trading di carta senza contanti reali in modo da poter sviluppare le tue abilità. Impara tutto ciò che puoi senza rischi reali finché non hai il capitale per iniziare.

Regalati un pre-test

Non preoccuparti; non sarai classificato. Un pretest è la tua occasione per capire cosa sai e cosa ti serve per studiare un po’ di più.

I piani di trading variano a seconda del mercato che ti interessa. Se non conosci le azioni del forex, non sarai in grado di creare un piano di trading efficace e ti preparerai per un disastro commerciale.

Ognuno ha un diverso livello di conoscenza dei mercati e delle classi di attività. Se sei un principiante, non hai nessun posto dove andare se non salire. Decidi cosa vuoi scambiare, quindi fai un tuffo profondo. Impara tutto quello che puoi.

Se la tua scelta iniziale è troppo volatile per i tuoi gusti, comporta troppi rischi con l’aumento dei prezzi o non si adatta al tuo programma di formazione stabilito da te, puoi scegliere un altro mercato. Facendo tutte le tue ricerche online e diventando esperto, maggiore è la tua probabilità di successo nel trading.

Imposta alcuni limiti

Dovrai limitare i mercati in cui scegli di fare trading, in particolare se sei un trader principiante. Ogni mercato ha caratteristiche distintive. Per le tue migliori possibilità di successo, assicurati di conoscere intimamente il mercato prescelto prima di espanderti. Scopri tutte le stranezze e le peculiarità del tuo mercato. Alcuni trader approfondiscono così tanto i dettagli da esaminare determinati intervalli di tempo in un mercato.

Sapere quando entrare e quando uscire

Dovrai stabilire regole di ingresso e uscita che si adattino al tuo livello di comfort individuale. Sii più specifico di “Compra basso, vendi alto”. Pensa a stop loss , margini di profitto e qualsiasi altro obiettivo per te importante. Trova un equilibrio in modo che le tue regole siano sufficientemente dettagliate da essere utili senza essere così complicate da non poter prendere una decisione tempestiva.

Se ti attieni alle tue regole e lavori entro i limiti del tuo fondo, imparerai ad accettare le perdite e ad imparare da esse, tenendo d’occhio i risultati a lungo termine. Le regole di ingresso e uscita possono aiutare a tenere a bada le emozioni.

Inizia subito la registrazione dettagliata dei dati

Se vuoi che il tuo piano di trading abbia il maggior successo possibile, assicurati di tenere un diario dettagliato della tua cronologia di trading.

Puoi utilizzare un taccuino rilegato o un file di testo sul tuo computer. Scegli il formato con cui ti senti più a tuo agio, quindi non sei tentato di saltare questo passaggio importante. Inizia ora, così puoi abituarti al diario al punto che diventa una parte normale della tua routine di trading.

I dettagli tecnici di ogni operazione sono fondamentali, ma non raccontano l’intera storia. Dovresti anche tenere traccia delle ragioni alla base della tua decisione commerciale e persino dei tuoi sentimenti riguardo al commercio.

Hai seguito il tuo piano di trading? Se no, perché no? Come è andato il commercio per te? Più sarai specifico, più utile sarà il tuo diario man mano che il tuo trading cresce.

Fai un autocontrollo

Quando crei il tuo diario di allenamento, dovresti rivederlo regolarmente. Ti aiuterà a vedere gli schemi nelle tue operazioni. Può aiutarti a scoprire dove e come hai avuto successo abitualmente e dove puoi utilizzare qualche miglioramento.

Se non stai rischiando più di quanto puoi permetterti, non lasciarti abbattere dalle perdite. Nessuno vince sempre il gioco del trading. A lungo termine, un piano di trading ben congegnato e ben eseguito dovrebbe aiutarti a ottenere più vittorie che perdite.

Linea di fondo

Non c’è una regola per cui devi avere un piano di trading per iniziare a fare trading, ma senza uno, hai le stesse probabilità di vincere alla lotteria come riuscire nel trading.

Devi dedicare una quantità significativa di tempo e lavorare al tuo piano di trading. C’è molto da imparare e molto a cui pensare prima di avvicinarsi alla linea di partenza. I compiti ne varranno la pena. Con un solido piano di trading, farai il lavoro in anticipo, quindi il tuo trading effettivo sarà più semplice ed efficiente.

Mentre puoi certamente trovare esempi di piani di trading online, i piani di trading più efficaci sono specifici e unici per ogni trader. La tua personalità, il livello di comfort, le emozioni e gli obiettivi dovrebbero far parte del tuo piano di trading. Aderire al piano di trading di qualcun altro non ti ripagherà.

Una volta che hai un solido piano di trading in atto, assicurati di seguirlo. Non dovresti cambiare il tuo piano di trading per un capriccio.

Detto questo, man mano che acquisisci esperienza e rivedi il tuo diario di trading, lascia spazio per gli aggiustamenti. Se trovi alcuni elementi ripetutamente inefficaci, dovresti modificare il tuo piano di trading. Lo scopo del piano non è di ergersi come un oggetto immutabile, ma di servire il tuo successo.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Come investire 50.000 euro: le migliori strategie di investimento

Come investire 50.000 euro: le migliori strategie di investimento

I migliori strumenti per la ricerca di azioni

I migliori strumenti per la ricerca di azioni