in

Come leggere e utilizzare l’indicatore di movimento direzionale?

L’indicatore di movimento direzionale determina la direzione del prezzo e la forza di una tendenza.

Cos’è l’indice di movimento direzionale?

L’indice di movimento direzionale, noto anche come indicatore di movimento direzionale (DMI), è stato sviluppato nel 1978 da J Welles Wilder, che ha anche creato indicatori di trading come l’indicatore di intervallo medio reale e l’indice di forza relativa.

Il DMI viene utilizzato per valutare la direzione del prezzo di un asset e la forza dell’azione dei prezzi. Questo indicatore tecnico è particolarmente utile per le strategie di trading di tendenza perché consente ai trader di identificare le tendenze con un forte slancio.

Il DMI può essere applicato in diversi intervalli di tempo e utilizzato per valutare i movimenti dei prezzi di diversi tipi di attività. I componenti essenziali di questo indicatore sono l’indicatore negativo (-DI) e l’indicatore positivo (+ DI), che sono tracciati sul grafico DMI.

Sono calcolati insieme all’indice direzionale medio o ADX. I rispettivi valori sono stimati con i prezzi massimi e minimi associati e i rispettivi prezzi di chiusura precedenti.

L’indice DMI si trova solitamente sotto il grafico dei prezzi come un grafico composto da tre diverse linee. Nella tabella seguente viene presentata una configurazione dell’indicatore di movimento direzionale.

I componenti utilizzati nel grafico Indice di movimento direzionale sono:

  • Indicatore di direzione positivo (+ DI).

    Ciò è associato a una tendenza al rialzo. Si basa sulla differenza tra il prezzo di oggi e il prezzo di ieri e vengono sommati i valori ottenuti dai periodi selezionati.

  • Indicatore direzionale negativo (-DI). Ciò è associato a una tendenza al ribasso. Si stima sulla differenza di prezzo tra i prezzi bassi di oggi e di ieri. I risultati per i periodi selezionati vengono aggiunti e viene formata la riga -DI.
  • Periodo DI. Si riferisce al numero di periodi utilizzati nei calcoli per questo indicatore. Mentre il numero predefinito di periodi dipende dalla piattaforma di trading, l’impostazione comune è 14 periodi. Tuttavia, i trader possono modificare il numero di periodi in base ai tempi analizzati o alle loro strategie di trading.

Sebbene l’indice di movimento direzionale possa a volte essere tracciato da solo, composto solo da due linee per + DI e – DI, viene spesso visualizzato con la linea ADX.

Ogni componente ha uno scopo specifico e i segnali di trading vengono rilevati in base al movimento di ciascuna linea e ai potenziali incroci tra le linee. La distanza tra le linee viene considerata quando si valuta la forza potenziale di un movimento di prezzo.

Come utilizzare l’indice di movimento direzionale?

Anche se la formula dell’indice di movimento direzionale e iq calcoli alla base dell’indicatore possono essere percepiti come leggermente complicati, identificare i segnali utilizzando il DMI è facile da capire. Per capire come leggere l’indice del movimento direzionale, i trader dovrebbero prestare attenzione al modo in cui ogni linea si muove e al modo in cui intervengono tra loro. 

Un modo per utilizzare l’indice di movimento direzionale per determinare la forza di una tendenza è attraverso i valori ADX associati. Una tendenza potenzialmente forte può essere identificata quando il valore ADX è superiore a 25. E una tendenza debole si verifica se il valore ADX è inferiore a 20. I trader possono adattare i valori di base associati a una tendenza forte o debole e possono impostare il loro valore di riferimento per rilevare una forte tendenza a 30, 40 o superiore.

I trader dovrebbero anche guardare al movimento di + DI e -DI insieme alla linea ADX quando cercano di identificare che posizione prendere, se lunga o corta. In un certo senso, mentre ADX fornisce una panoramica della forza del trend, DI positivo e DI negativo valutano la direzione dell’azione dei prezzi. Un’opportunità per una posizione lunga può essere rilevata quando il + DI attraversa la linea -DI dal basso e la barra in cui è registrato il crossover sopra -DI è etichettata come barra del segnale. In questa situazione, i trader guarderanno anche alla linea ADX per valutare l’esistenza di un trend e la sua forza.

Un’opportunità per prendere una posizione corta si presenta in una situazione in cui il -DI incrocia il + DI dal basso. La barra in cui viene rilevato il crossover rappresenta la barra del segnale. I trader dovrebbero anche esaminare il valore ADX per valutare la forza della tendenza rilevante. Un esempio di potenziali incroci tra + DI e -DI è fornito nella tabella sottostante.

I cerchi bianchi mostrano i punti in cui le due linee DI si incrociano, segnalando la direzione del prezzo associata. Il cerchio segnato sul lato sinistro del grafico (riga 1) + DI incrocia il -DI dal basso verso l’alto, il che segnala che il prezzo aumenterà. Le barre dei prezzi mostrano che il prezzo si muove con una tendenza al rialzo per il periodo successivo. È anche evidente che la tendenza è più forte quando le due linee si allontanano.

Il secondo cerchio vicino al centro del grafico mostra il punto in cui -DI incrocia il + DI dal basso, segnalando una potenziale diminuzione del prezzo, che si manifesta sul grafico dei prezzi. Il potere dell’indicatore DMI è che i trader possono utilizzarlo per identificare potenziali segnali di acquisto e probabilmente identificare quando chiudere la posizione e aprire una posizione corta, conseguentemente approfittando in entrambe le direzioni anche con lo stesso asset sottostante. 

Naturalmente, potrebbero esserci altre impostazioni a seconda delle strategie di trading, ma i trader comunemente cercano di valutare le posizioni di ciascuna linea nell’indicatore DMI. Con l’implementazione di una strategia dell’indice di movimento direzionale, i trader cercano di valutare lo slancio e la direzione dei prezzi.

Sebbene l’indice di movimento direzionale sia un indicatore di trading di tendenza, i trader possono anche utilizzarlo per identificare i movimenti di prezzo laterali e accogliere i segnali nella loro strategia di trading di intervallo. In genere si prevede che un movimento delimitato da un intervallo venga visualizzato quando il valore ADX è inferiore a 20. 

Anche se i crossover DI possono apparire come un modo semplice per identificare i segnali di trading, i trader dovrebbero confermare questi segnali con altri indicatori di trading perché potrebbero verificarsi falsi segnali. Alcuni dei limiti di base dell’indice del movimento direzionale sono legati al modo in cui reagisce alle variazioni di prezzo a breve termine o quando la volatilità è elevata. DMI può dare segnali sbagliati nei periodi di bassa volatilità poiché ha ridotto la sensibilità alle fluttuazioni dei prezzi a breve termine. In alternativa, i segnali potrebbero essere in ritardo durante l’alta volatilità.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Banche e tasse in Norvegia: guida completa sull’apertura di un conto bancario e sulla gestione delle tasse

Banche e tasse in Norvegia: guida completa sull’apertura di un conto bancario e sulla gestione delle tasse

Spiegazione dell’indicatore di Zig Zag: come leggerlo e come usarlo

Spiegazione dell’indicatore di Zig Zag: come leggerlo e come usarlo