in

Come richiedere il bonus baby sitter 2024

Il bonus baby sitter è una misura introdotta dal Governo per sostenere le famiglie con figli minori di 14 anni in un periodo di particolare difficoltà economica. Il suo obiettivo è quello di agevolare la conciliazione tra lavoro e famiglia, mettendo a disposizione dei genitori un sostegno economico per l’assistenza dei propri figli durante l’orario lavorativo o per l’acquisto di servizi di baby sitting. Tuttavia, non tutti possono richiedere il bonus e le modalità di erogazione possono variare a seconda delle situazioni personali. In questo articolo cercheremo di fornire tutte le informazioni utili su come richiedere il bonus baby sitter nel 2024, le soglie di reddito e i requisiti necessari per accedere alla misura.

Come funziona il bonus baby sitter ?

Il bonus baby sitter è un contributo economico che viene erogato dall’INPS ai genitori con figli minori di 14 anni per sostenere le spese relative all’assistenza dei propri figli. L’importo del bonus può variare a seconda della situazione economica del nucleo familiare e può essere utilizzato per pagare un servizio di baby sitting o per coprire le spese relative all’affidamento del minore a strutture autorizzate, come asili nido o centri estivi. Il bonus può essere richiesto anche in caso di adozione o affidamento preadottivo di minori.

Per accedere al bonus baby sitter è necessario rispettare alcuni requisiti, tra cui il possesso di un reddito ISEE inferiore a una determinata soglia e la regolarità contributiva dell’azienda presso cui si lavora. Inoltre, il bonus può essere richiesto solo da uno dei due genitori, a patto che quest’ultimo sia occupato e non usufruisca di permessi retribuiti o altri strumenti previsti dalla normativa in materia di congedi parentali. Infine, l’erogazione del bonus avviene tramite accredito sul conto corrente bancario o postale indicato nella domanda presentata all’INPS.

Chi può richiedere il bonus baby sitter ?

Il bonus baby sitter può essere richiesto dai genitori o dagli affidatari di minori che siano residenti in Italia e abbiano figli di età inferiore ai 14 anni. Tuttavia, non tutti i nuclei familiari possono accedere alla misura, in quanto sono previste delle soglie di reddito ISEE al di sotto delle quali il bonus può essere richiesto. Attualmente, per l’anno 2024, la soglia massima del reddito ISEE per poter accedere al bonus baby sitter è pari a 25.000 euro.

Inoltre, per richiedere il bonus baby sitter è necessario che uno dei genitori sia occupato con un contratto di lavoro subordinato o autonomo e non usufruisca di permessi retribuiti o altre forme di congedi parentali. In caso contrario, il bonus non può essere richiesto da nessuno dei due genitori.

Per gli affidi preadottivi e le adozioni internazionali, invece, il bonus può essere richiesto solo a partire dalla data del provvedimento giudiziale o amministrativo che stabilisce l’affidamento o l’adozione del minore.

Qual è l’importo del bonus baby sitter e come viene erogato?

L’importo del bonus baby sitter può variare a seconda della situazione economica del nucleo familiare e dell’età del figlio assistito. Attualmente, per il 2024, il bonus può arrivare fino a un massimo di 1.200 euro annui per ogni figlio di età inferiore ai 3 anni e fino a 600 euro annui per ogni figlio di età compresa tra i 3 e i 14 anni.

Il bonus baby sitter viene erogato dall’INPS tramite accredito sul conto corrente bancario o postale indicato nella domanda presentata online. Il pagamento avviene in due soluzioni: la prima rata corrisponde al 50% dell’importo annuale spettante e viene erogata entro il mese successivo alla presentazione della domanda; la seconda rata, invece, corrisponde all’importo residuo e viene erogata entro il mese di novembre dell’anno successivo.

È importante precisare che l’erogazione del bonus baby sitter è subordinata alla verifica della regolarità contributiva del datore di lavoro presso cui lavora uno dei genitori richiedenti. In caso di irregolarità contributive, infatti, il bonus non potrà essere erogato fino al ripristino della regolarità stessa.

Come presentare la domanda per richiedere il bonus baby sitter ?

Per richiedere il bonus baby sitter è necessario presentare una domanda all’INPS tramite il portale dedicato. La domanda può essere presentata dal genitore o dall’affidatario del minore e deve essere corredata della documentazione richiesta, tra cui il modello ISEE in corso di validità e la dichiarazione sostitutiva dell’attestazione dei redditi.

È possibile presentare la domanda a partire dal 1° gennaio dell’anno successivo a quello per cui si richiede il bonus e fino al 31 dicembre dello stesso anno. È importante precisare che, per l’anno 2024, la scadenza per la presentazione delle domande è fissata al 31 dicembre 2024.

Una volta presentata la domanda, l’INPS provvederà alla verifica della regolarità contributiva del datore di lavoro presso cui lavora uno dei genitori richiedenti. In caso di esito positivo, il pagamento del bonus avverrà nelle modalità previste dalla normativa.

È possibile verificare lo stato di avanzamento della propria domanda accedendo alla sezione “Servizi on-line” del sito dell’INPS. In caso di eventuali anomalie o mancanze nella documentazione presentata, l’INPS contatterà direttamente l’interessato per richiedere le integrazioni necessarie.

Tempi e modalità di erogazione del bonus baby sitter

L’erogazione del bonus baby sitter avviene in due soluzioni: la prima rata corrisponde al 50% dell’importo annuale spettante e viene erogata entro il mese successivo alla presentazione della domanda; la seconda rata, invece, corrisponde all’importo residuo e viene erogata entro il mese di novembre dell’anno successivo.

È importante precisare che l’erogazione del bonus baby sitter è subordinata alla verifica della regolarità contributiva del datore di lavoro presso cui lavora uno dei genitori richiedenti. In caso di irregolarità contributive, infatti, il bonus non potrà essere erogato fino al ripristino della regolarità stessa.

In caso di modifiche nella situazione economica o familiare del richiedente (ad esempio, variazione del reddito ISEE o nascita di un altro figlio), è possibile presentare una nuova domanda per la revisione dell’importo spettante.

Inoltre, è importante tenere presente che il bonus baby sitter non può essere cumulato con altre forme di agevolazioni previste dalla normativa in materia di congedi parentali o permessi retribuiti. In caso contrario, infatti, si potrebbe incorrere in sanzioni amministrative e restituzione degli importi eventualmente indebitamente percepiti.

In conclusione, il bonus baby sitter rappresenta un’importante misura di sostegno alle famiglie con figli minori di 14 anni, finalizzata ad agevolare la conciliazione tra lavoro e famiglia. Tuttavia, per poter accedere al bonus è necessario rispettare alcuni requisiti e soglie di reddito ISEE, oltre a presentare la domanda entro i termini previsti. L’importo del bonus può variare a seconda della situazione economica del nucleo familiare e dell’età del figlio assistito, mentre l’erogazione avviene in due rate secondo le modalità previste dalla normativa.

È importante precisare che il bonus baby sitter rappresenta una delle tante misure di sostegno previste dalla normativa in materia di welfare e che esistono altre forme di agevolazioni per le famiglie con figli minori, come ad esempio i congedi parentali retribuiti o le detrazioni fiscali per le spese sostenute per l’assistenza dei minori. In ogni caso, è sempre opportuno verificare la propria situazione personale e valutare attentamente quale sia la soluzione più adatta alle proprie esigenze. 

Subscribe
Notificami

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Che bonus ci sono per le donne in gravidanza 2024

Come disdire contratto Telecom fisso e ADSL

Come compilare modulo disdetta Linkem