in

Cosa sono i Fee Tiers o livelli di commissione?

I livelli di commissioni si riferiscono alla struttura delle commissioni che determina l’importo addebitato quando gli investitori depositano o ritirano denaro ed eseguono operazioni su uno scambio di criptovalute. Ogni borsa ha la propria struttura di commissioni che spesso differisce a seconda del volume e dei tipi di transazioni.

Alcuni scambi di criptovalute forniscono una varietà di modi per depositare denaro fiat che vanno dai trasferimenti bancari e PayPal all’uso della carta di credito e di debito, che può comportare commissioni che vanno dal 2% al 5%.

Le commissioni di trading sono confezionate in molte forme a seconda dell’importo speso e se viene utilizzata la funzione di swap, conversione o strumento di trading. Mentre un certo numero di borse offre opzioni di swap o conversione che sono più convenienti per i nuovi trader, queste sono spesso le più costose.

È quindi importante rivedere e calcolare le spese in modo che le commissioni possano essere mantenute al minimo.

Le commissioni di trading sono spesso addebitate sotto forma di una commissione fissa che aumenta o diminuisce quando il valore dello scambio è inferiore o superiore a un livello specifico (ad esempio, una commissione di 0,99 dollari è addebitata per scambi inferiori a 10 dollari, e più per scambi più alti), o una commissione percentuale utilizzando un modello “maker-taker”.

Nel modello “maker-taker”, le commissioni sono spesso una percentuale del commercio totale, ed è importante notare che gli utenti vengono addebitati quando l’operazione viene eseguita e abbinata, e non quando viene creato l’ordine di compravendita. Per alcune borse, queste commissioni possono essere ridotte pagando con il token di utilità della piattaforma e spesso si traduce in tassi percentuali più bassi che vengono addebitati con un maggiore volume di scambi e frequenza oltre un livello specificato.

Le piattaforme possono anche offrire livelli VIP con incentivi e benefici esclusivi, come tariffe scontate.
Un ordine di compravendita incorrerà in una commissione di maker se non viene abbinato immediatamente con l’ordine di un acquirente o di un venditore sul libro degli ordini. Questi scambi saranno invece aggiunti all’order book, aggiungendo liquidità. Un esempio potrebbero essere gli ordini limite (che indicano il prezzo massimo e minimo a cui un trader è disposto a comprare o vendere) che non vengono soddisfatti immediatamente.
Per quanto riguarda le commissioni taker, esse vengono sostenute se l’operazione viene abbinata immediatamente a un ordine sul libro degli ordini. Un esempio potrebbero essere gli ordini di mercato (quando un trader inserisce un ordine al prezzo di mercato per le criptovalute e altri beni sulla borsa) che di solito sono completamente soddisfatti.

Infine, ci sono anche commissioni di prelievo che possono essere addebitate agli utenti quando ritirano i loro beni e li convertono in denaro fiat nei loro conti bancari, o spostano le loro criptovalute da una piattaforma all’altra, che variano da importi fissi a percentuali.

Questo incoraggia i trader e gli utenti a prendere decisioni più calcolate e meno impulsive, minimizzando la probabilità che lo scambio sia inondato da richieste di scambio eccessive o frammentarie, e fornendo anche entrate e fondi per la piattaforma o lo scambio.

Le commissioni raccolte spesso vanno nella crescita e nello sviluppo delle piattaforme di scambio, e nel contesto degli scambi decentralizzati, ai fornitori di liquidità e agli investitori della piattaforma attraverso programmi di yield farming e liquidity mining.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
invest 00003

Cos’è un falling wedge?

pos costi benefici

POS: quanto costa alle aziende, che servizi offre