in

Cosa sono le note partecipative?

Le note partecipative denominate anche P-Notes, o PN, sono strumenti finanziari richiesti dagli investitori o dagli hedge fund  per investire in titoli indiani senza doversi registrare presso il Securities and Exchange Board of India (SEBI). Le P-Notes fanno parte del gruppo di investimenti considerati investimenti derivati ​​offshore (ODI). Citigroup ( C ) e Deutsche Bank ( DB ) sono tra i maggiori emittenti di questi strumenti.

Eventuali dividendi o plusvalenze raccolti dai titoli vengono restituiti agli investitori. I regolatori indiani generalmente non sono a favore delle note partecipative perché temono che gli hedge fund che agiscono tramite note partecipative causeranno volatilità economica negli scambi indiani.

Spiegazione delle note partecipative

Gli investitori istituzionali esteri (FII), emettono gli strumenti finanziari agli investitori di altri paesi che desiderano investire in titoli indiani. Un FII è un investitore o un  fondo di investimento registrato in un paese diverso da quello in cui sta investendo. 

Questo sistema consente agli investitori stranieri non registrati di acquistare azioni indiane senza la necessità di registrarsi presso l’organismo di regolamentazione indiano. Questi investimenti sono vantaggiosi anche per l’India. Forniscono accesso a denaro veloce al mercato dei capitali indiano. A causa della natura a breve termine degli investimenti, le autorità di regolamentazione hanno meno linee guida per gli investitori istituzionali stranieri. Per investire nei mercati azionari indiani ed evitare l’ingombrante processo di approvazione regolamentare, questi investitori scambiano note partecipative.

PUNTI CHIAVE

  • I broker e gli investitori istituzionali esteri (FII) devono registrarsi presso il Securities and Exchange Board of India.
  • Le note di partecipazione consentono agli investitori non registrati di investire nel mercato indiano.
  • Le note di partecipazione, denominate P-Notes o PN, sono strumenti derivati ​​di attività indiane sottostanti.
  • Le note partecipative sono investimenti popolari perché l’investitore rimane anonimo.

Come funzionano le note partecipative?

Le note di partecipazione sono strumenti derivati offshore con azioni indiane come attività sottostanti. I broker e gli investitori istituzionali stranieri registrati presso il Securities and Exchange Board of India (SEBI) emettono le note di partecipazione e investono per conto degli investitori stranieri. I broker devono segnalare ogni trimestre lo stato di emissione delle loro note partecipative al consiglio di regolamentazione. Le note consentono agli investitori stranieri con un patrimonio netto elevato, hedge fund e altri investitori di partecipare ai mercati indiani senza registrarsi presso il SEBI. Gli investitori risparmiano tempo, denaro e controlli associati alla registrazione diretta.

Pro e contro delle note partecipative

Le note partecipative possono essere facilmente scambiate all’estero tramite approvazione e consegna. Sono popolari perché gli investitori assumono posizioni anonime nei mercati indiani e gli hedge fund possono svolgere le loro operazioni in modo anonimo. Alcune entità indirizzano i loro investimenti attraverso note partecipative per trarre vantaggio dalle leggi fiscali disponibili in alcuni paesi.

Tuttavia, a causa dell’anonimato, i regolatori indiani incontrano difficoltà nel determinare il proprietario originale e il proprietario finale di una nota partecipativa. Pertanto, notevoli quantità di denaro non contabilizzato entra nel paese attraverso note partecipative. Questo flusso di fondi non monitorati ha sollevato alcune bandiere rosse.

Questioni normative della nota partecipativa

SEBI non ha giurisdizione sul commercio di note partecipative. Sebbene gli investitori istituzionali stranieri debbano registrarsi presso il comitato di regolamentazione indiano, le note partecipative scambiate tra investitori istituzionali stranieri non vengono registrate. I funzionari temono che questa pratica possa portare all’uso delle P-Notes per riciclaggio di denaro o altre attività illegali.

Questa incapacità di tenere traccia del denaro è anche il motivo per cui lo Special Investigation Team (SIT) vorrebbe misure di conformità più rigorose per la negoziazione di note partecipative. Il SIT è un team specializzato di ufficiali nelle forze dell’ordine indiane, composto da personale addestrato per indagare su crimini gravi.

Tuttavia, quando in passato il governo ha proposto restrizioni commerciali sulle banconote, il mercato indiano è diventato estremamente volatile. Ad esempio, nell’ottobre 2007, il governo ha annunciato che stava valutando la possibilità di limitare il commercio di note partecipative. L’annuncio ha fatto precipitare l’indice Sensex di 1.744 punti durante la sessione del giorno, che all’epoca era superiore all’8%.

Questa perturbazione del mercato era in risposta alle preoccupazioni degli investitori e del governo che il contenimento delle P-Notes avrebbe avuto un impatto diretto sull’economia indiana. Questo perché gli investitori istituzionali stranieri aiutano ad alimentare la crescita dell’economia, delle industrie e dei mercati dei capitali indiani e una regolamentazione crescente renderebbe più difficile l’ingresso nel mercato del denaro straniero. Alla fine il governo ha deciso di non regolamentare le note partecipative.

Normativa sullo stato attuale delle note partecipative

Le note partecipative rimangono vulnerabili alle decisioni normative. Alla fine del 2017, le autorità di regolamentazione indiane hanno stabilito che P-Notes non può assumere posizioni in derivati ​​sui mercati indiani per ragioni diverse dalla copertura. Come riportato da EconomicTimes.IndiaTimes.com, questo rigoroso intervento normativo ha causato un calo degli investimenti tramite P-Notes per tutto il 2018, raggiungendo infine un minimo di oltre 9-1 / 2 anni a novembre 2018. Tuttavia, gli investimenti sono rimbalzati a dicembre 2018 dopo che le autorità di regolamentazione si sono allentate alcuni dei requisiti più restrittivi.

Esempio del mondo reale

P-Notes può essere utilizzato per acquistare qualsiasi titolo indiano che un investitore desidera attraverso una serie di passaggi.

Un investitore deposita fondi presso le operazioni statunitensi o europee di un investitore istituzionale straniero registrato (FII), come HSBC o Deutsche Bank. Gli investitori informano quindi la banca del titolo o dei titoli indiani che desiderano acquistare. I fondi vengono trasferiti dall’investitore al conto FII e FII emette le note di partecipazione al cliente e acquista il titolo o le azioni sottostanti nelle quantità corrette dal mercato indiano.

L’investitore ha diritto a ricevere dividendi, plusvalenze e qualsiasi altro pagamento dovuto agli azionisti che detengono le azioni della società indiana. L’FII riporta tutte le sue emissioni ogni trimestre alle autorità di regolamentazione indiane, ma secondo la legge, non rivela l’identità dell’investitore effettivo.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Cos’è una posizione aperta?

Cos’è una posizione aperta?

Cos’è una società per azioni?

Cos’è una società per azioni?