in

Cos’è un buy-in?

Un buy-in nei mercati finanziari è un evento in cui un investitore è costretto a riacquistare azioni di titoli perché il venditore delle azioni originali non ha consegnato i titoli in modo tempestivo o non li ha consegnati affatto.

Un buy-in può anche essere un riferimento a una persona o entità che acquista azioni o una partecipazione in una società o altra partecipazione. In termini psicologici, il buy-in è il processo in cui qualcuno si mette a bordo con un’idea o un concetto che non è il loro ma che comunque lo attrae.

PUNTI CHIAVE

  • Un buy-in è un riferimento al riacquisto di azioni da parte di un investitore perché il venditore originale non è riuscito a consegnare le azioni come promesso.
  • Un buy-in può anche essere un accordo per acquistare azioni di qualcosa, in alcuni casi per acquistare una partecipazione in una società che ha anche altri proprietari.
  • Al di là dei mercati finanziari, un buy-in è un atto di accordo con o accettare i termini che qualcuno sta offrendo, ad esempio in un lavoro o in un’organizzazione.
  • In un buy-in forzato, le azioni vengono riacquistate per coprire una posizione short aperta, al contrario di un buy-in tradizionale.

Capire i buy-in

Coloro che non riescono a consegnare i titoli come promesso vengono generalmente informati con un avviso di buy-in. Un acquirente invierà un avviso ai funzionari di cambio. Di conseguenza, i funzionari di solito notificano al venditore la mancata consegna. La borsa (ad esempio, NASDAQ o NYSE) supporta l’investitore nell’acquistare le azioni una seconda volta da un altro venditore. In genere, il venditore originale deve compensare qualsiasi differenza di prezzo tra il prezzo originale delle azioni e il secondo prezzo di acquisto delle azioni da parte dell’acquirente.

La mancata risposta all’avviso di buy-in si traduce in un broker che acquista i titoli e li consegna per conto del cliente. Il cliente è quindi tenuto a rimborsare il broker a un prezzo predeterminato.

La differenza tra un buy-in e un buy-in forzato

La differenza tra un buy-in tradizionale e forzato è che in un buy-in forzato, le azioni vengono riacquistate per coprire una posizione corta aperta. Un buy-in forzato si verifica nel conto di un venditore allo scoperto quando il prestatore originario delle azioni le richiama. Ciò può verificarsi anche quando il broker non è più in grado di prendere in prestito azioni per la posizione corta. In alcuni casi, il titolare di un conto potrebbe non essere avvisato prima di un buy-in forzato. Un buy-in forzato è l’opposto della vendita forzata o della liquidazione forzata.

Regolamento dei titoli

Le transazioni in titoli vengono regolate tipicamente in T + 2 giorni lavorativi, dopo la transazione (T = 0), che si applica alla maggior parte dei titoli, come azioni e obbligazioni societarie. Alcune transazioni hanno un regolamento di T + 1 giorno lavorativo, mentre altre possono anche essere regolate lo stesso giorno della data di negoziazione. Le transazioni in giornata sono chiamate transazioni in contanti.

Nelle transazioni di cui sopra, le negoziazioni verranno regolate in base alle rispettive date di regolamento. Tuttavia, se i titoli non vengono consegnati, si verificherà un buy-in.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Acquistare azioni invece di obbligazioni: pro e contro

Acquistare azioni invece di obbligazioni: pro e contro

Le 20 più grandi partecipazioni nell’S & P 500

Le 20 più grandi partecipazioni nell’S & P 500