in

È sicuro lo stoccaggio “a freddo”?

Il recente crollo dell’ormai fallito scambio crittografico FTX deve essere uno dei casi più forti fatti per l’auto-custodia e la conservazione a freddo nella storia della criptovaluta. Questo è senza dubbio un momento cruciale con un messaggio chiaro: quando dai le tue chiavi private a terzi, è probabile che le perderai.

Quindi, non dovrebbe sorprendere che gli investitori crittografici si stiano affollando verso soluzioni di conservazione a freddo. Ad esempio, la società di portafogli hardware Ledger ha visto le vendite salire alle stelle la settimana successiva al disastro FTX, mentre Trezor ha registrato un aumento del 300% dei ricavi delle vendite a causa del contagio FTX.

È ovvio che gli investitori Bitcoin e cripto sono pronti a iniziare a esplorare le loro opzioni e stanno spostando le loro risorse digitali in soluzioni di cold storage.

Ma quanto è sicura la conservazione a freddo? Scopriamolo nell’edizione odierna di Ask Cryptovantge.

La conservazione a freddo offre una sicurezza eccezionale

Se gli eventi recenti ci hanno insegnato qualcosa, deve essere che le nostre monete crittografiche guadagnate duramente non sono sicure quando sono conservate in uno scambio. Ricordi il detto “non le tue chiavi, non le tue monete?” Non è una nuova lezione.

I portafogli di conservazione a freddo come il Ledger Nano S Plus o il Trezor Model-T, d’altra parte, offrono un’eccellente sicurezza e sono considerati i più sicuri di tutti i portafogli.

Sembrano simili a un’unità USB e combinano la facilità d’uso di un’interfaccia digitale con la sicurezza di un dispositivo offline. Confrontalo con avere una cassaforte in banca a casa dove tieni i tuoi oggetti di valore.

A differenza dei portafogli software, i portafogli di conservazione a freddo sono sviluppati in modo tale da non doversi mai fidare del software sul dispositivo mobile per contenere le chiavi private.

In base alla progettazione, i portafogli di conservazione a freddo impediscono alle tue chiavi private di lasciare il tuo dispositivo.

Un altro ottimo motivo per utilizzare la conservazione a freddo è il fatto che ti insegna ad essere autosufficiente quando si tratta delle tue monete crittografiche. Bitcoin, ad esempio, è stato creato come valuta peer-to-peer che non richiede intermediari di terze parti come governi, banche o altre istituzioni.

Quindi, quando usi un portafoglio di conservazione a freddo, stai effettivamente diventando la tua banca. Potrebbe non essere necessariamente per tutti, ma può essere confortante e responsabilizzante sapere di avere il controllo completo sulle proprie risorse crittografiche.

Naturalmente, non è necessario possedere un portafoglio hardware per acquistare, archiviare o inviare criptovalute, ma lo consigliamo vivamente perché migliorerà significativamente la sicurezza riducendo il rischio che la tua criptovaluta venga rubata. O da hacker o CEO di scambi crittografici e dai loro compari. Ecco uno sguardo più da vicino ad alcuni dei migliori portafogli hardware.

Quali sono gli svantaggi della conservazione a freddo?

Fortunatamente, non ci sono troppi inconvenienti nell’utilizzare la conservazione a freddo come soluzione per mantenere la tua criptovaluta al sicuro. Forse, l’unico vero svantaggio della conservazione a freddo è che le tue risorse sono meno liquide e quindi più difficili da negoziare rapidamente. Tuttavia, a meno che tu non sia un day trader, questo non dovrebbe essere un problema.

Alcuni altri piccoli inconvenienti potrebbero essere il fatto che potrebbe essere necessario del tempo per capire come funziona il tuo portafoglio di conservazione a freddo. Soprattutto per i nuovi utenti crittografici, questo può rivelarsi un compito scoraggiante. Ricorda, la sicurezza supera sempre la convenienza. Infine c’è lo svantaggio che i portafogli hardware costano denaro, quindi è richiesto un investimento iniziale.

Naturalmente, se si sceglie di utilizzare un portafoglio di carta, che è anche considerato una soluzione di conservazione a freddo, la curva di apprendimento scoraggiante non sarebbe affatto un deterrente. I danni causati dall’acqua e il fuoco potrebbero essere però.

Conclusione

Sebbene la maggior parte delle soluzioni di cold storage siano leggermente più ingombranti dei portafogli software, sono anche molto più sicure. È anche molto improbabile che un portafoglio freddo venga violato. Anche se gli hacker fossero in qualche modo in grado di mettere le mani sul tuo dispositivo fisico, dovrebbero comunque indovinare il tuo codice pin segreto. Dopo tre tentativi falliti, il dispositivo verrebbe ripristinato le impostazioni di fabbrica.

Alla fine della giornata, è tua esclusiva responsabilità mantenere le tue monete crittografiche al sicuro. Quindi, investi in un portafoglio hardware, ottieni le tue criptovalute dagli scambi e nelle celle frigorifere.

Ricorda, il recente crollo dell’FTX di Sam Bankman-Fried e i suoi presunti imbrogli criminali sono solo gli ultimi promemoria che l’auto-custodia e la conservazione a freddo sono i metodi più sicuri che hai per mantenere il controllo delle tue chiavi private e quindi delle tue monete crittografiche.

Senza dubbio, arriveranno altri promemoria e deruberanno le fortune degli investitori crittografici. Ma non il tuo, perché la tua fortuna sarà conservata al sicuro in un portafoglio di celle frigorifere.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
pexels fauxels 3184292

La migliore strategia per investire in Bitcoin

pexels alesia kozik 6781008

Principali indicatori per i trader di criptovalute