in

Google books nei guai?

Si complicano le cose per Google Books. Dopo lo scorso ottobre, quando si era riusciti a trovare un accordo tra il più noto motore di ricerca e gli scrittori statunitensi presentando un piano di transizione che tra l’altro fissava al 5 maggio il termine entro il quale gli editori potevano far valere i propri diritti, la situazione è nuovamente degenerata.

Un giudice federale ha, infatti, accolto la richiesta di un gruppo di editori americani di prorogare il termine di altri 4 mesi, mentre Google era disposto ad accordare una proroga di soli due. Il giudice ha però dato ragione agli editori i quali, quindi, avranno a disposizione un tempo molto più lungo per far valere i propri diritti.
Nel frattempo il Dipartimento di Giustizia statunitense ha aperto un’indagine per accertare se con l’accordo di transizione si pongono le basi per la creazione di una posizione dominante per l’editoria negli USA.

Accuse di questo tipo erano già state sollevate, sebbene questo non dia garanzia che l’inchiesta si chiuda a sfavore di Google.
Ma nelle trattative non sono coinvolti solo gli scrittori americani, ma anche quelli stranieri, visto che Google ha indicizzato le opere delle biblioteche statunitensi che nei loro cataloghi contengono anche volumi stranieri.
Gli editori italiani dal canto loro si dicono soddisfatti della proroga di 4 mesi concessa, annunciando tra l’altro la costituzione di un gruppo di lavoro tecnico nei rapporti tra Google, il Book Right Registry e gli editori europei, coordinato proprio da un rappresentante dell’AIE, Piero Attanasio, che ha spiegato: “AIE ha prodotto una serie di studi tecnici e documenti assunti dalla Federazione degli Editori Europei come posizione comune, che rilevano i problemi presenti nel database del Settlement e le possibili soluzioni.

Si è creato un buon clima di collaborazione che speriamo porti i suoi frutti”. Un po’ tutti, quindi, restano ancora molto prudenti sul da farsi.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Paghetta: anche i bambini sentono la crisi economica

Apple nuovo CEO Tim Cook: guadagna un milione di azioni