in

I migliori ETF Small Cap

Investire in nuove società è intrinsecamente rischioso, ma è difficile ignorare il potenziale di guadagni fuori misura. Aziende affermate come Microsoft e Apple sono diventate monoliti e non hanno più il potenziale per raddoppiare o triplicare le dimensioni.

Le società a piccola capitalizzazione possono crescere in modo esponenziale e molte non sono ancora nelle grinfie degli investitori istituzionali.

Le aziende più piccole hanno un certo tasso di fallimento, quindi investire solo in 1 o 2 società (di cui probabilmente sai molto poco) non è una scelta saggia.

È qui che entrano in gioco gli ETF a piccola capitalizzazione.

Migliori ETF Small Cap:

  • Il migliore in assoluto:  iShares Russell 2000 ETF
  • Il meglio per i trader attivi:  iShares Core S&P Small Cap ETF
  • Il miglior fondo internazionale:  Vanguard FTSE All-World ex-US Small Cap ETF
  • Il miglior fondo per la crescita:  SPDR S&P 600 Small Cap Growth ETF
  • Il miglior fondo:  Vanguard Small Cap Value ETF
  • Il miglior fondo per il reddito:  WisdomTree US Small Cap Dividend ETF

Cosa sono gli ETF Small Cap?

Le società a bassa capitalizzazione sono alcune delle più recenti società pubbliche quotate in borsa, caratterizzate da una capitalizzazione di mercato compresa tra $ 250 milioni e $ 3 miliardi .

Le aziende con meno di $ 250 milioni sono chiamate microcap, mentre le grandi capitalizzazioni arrivano a $ 10 miliardi o più. Con una capitalizzazione di mercato superiore a $ 250 milioni, le aziende segnalano agli investitori che hanno liquidità sufficiente per il trading.

Le società a piccola capitalizzazione non ricevono molte analisi nelle pubblicazioni finanziarie e sono ampiamente ignorate dagli investitori istituzionali.

Ciò offre agli investitori di tutti i giorni un raro vantaggio sugli squali se possono tollerare la volatilità.

Le aziende in questa fascia tendono a battere l’indice S&P 500 nel tempo, ma oscillano selvaggiamente di anno in anno. Ad esempio, ecco i ritorni in maiuscolo durante la bolla delle dot-com:  

  • 1999: 21,25% di rendimento
  • 2000: -3,02% di rendimento
  • 2001: 2,49% di rendimento
  • 2002: -20,48% di rendimento
  • 2003: rendimento del 47,25%

Diversi indici replicano le azioni a bassa capitalizzazione, in particolare il Russell 2000.

Il Russell 2000 è gli ultimi due terzi del più ampio indice Russell 3000, che replica le 3.000 più grandi società quotate in borsa in America.

Molti ETF seguono il Russell 2000, insieme all ‘S & P 600 e al Wilshire 5000 . Il Wilshire è un indice di mercato totale di ogni società quotata in borsa in America, che in realtà è inferiore a 3.500 azioni totali.

Pro e contro degli ETF Small Cap

Come con qualsiasi cosa, troverai pro e contro. Esaminiamo l’elenco dei pro e dei contro degli ETF a piccola capitalizzazione.

Vantaggi degli ETF Small Cap

  • Più potenziale di crescita rispetto alle azioni a grande capitalizzazione: le azioni a bassa capitalizzazione sono spesso nuove società con idee entusiasmanti e molto spazio per crescere. È più probabile che titoli di queste dimensioni registrino guadagni esponenziali rispetto alle società a grande capitalizzazione.
  • Diversificazione extra : gli ETF offrono agli investitori un paniere di azioni in 1 titolo, ma ci sono solo 30 società nel DJIA e 505 nell’S & P 500. Aprendosi alle società più piccole, sarai in grado di ottenere una diversificazione dai principali indici che spesso si muovono di pari passo l’uno con l’altro.
  • Buone aziende ingiustamente ignorate : la copertura degli analisti manca nello spazio delle small cap, il che consente a molte aziende di qualità di passare inosservate. Questa è una brutta notizia per gli investitori istituzionali, ma una buona notizia per tutti gli altri. Trovare un ottimo stock prima che gli squali ci mettano i denti è una ricevuta per grandi rendimenti.
  • Flessibilità : le società a piccola capitalizzazione sono più agili e aperte al cambiamento rispetto alle aziende consolidate. Realizzare pivot all’ingrosso può essere complicato per le aziende consolidate; le società a bassa capitalizzazione possono riprendersi rapidamente da passi falsi o cambiare direzione senza dover combattere con oneri burocratici.

Contro degli ETF Small Cap

  • Condizioni mature per la frode : la mancanza di copertura da parte dei media finanziari può essere un’arma a doppio taglio poiché le aziende sotto il radar sono spesso focolai di truffatori e pratiche losche. Le small cap poco scambiate con flottanti bassi sono particolarmente suscettibili agli schemi di pump-and-dump.
  • Aumento della volatilità : come mostrano i dati sui rendimenti sopra, le azioni a bassa capitalizzazione sono soggette a oscillazioni selvagge di anno in anno. Nel tempo, le small cap hanno battuto le large cap, ma la volatilità di anno in anno potrebbe essere eccessiva per alcuni investitori.
  • Più suscettibile ai cambiamenti economici : Benjamin Graham ha scritto di investire in società con grandi fossati e margini di sicurezza, qualcosa che per definizione manca alle small cap. A causa della loro mancanza di riserve di liquidità, cicli economici lenti o recessioni economiche possono essere devastanti per le azioni a bassa capitalizzazione.

Qualità dei migliori ETF Small Cap

I migliori ETF a bassa capitalizzazione avranno:

  1.  Rapporti di spesa bassi
  2.  Ampia liquidità
  3.  Diversificazione dai principali indici

I migliori ETF Small Cap

Utilizzando i criteri sopra elencati, Benzinga ha scelto i migliori ETF small cap in 6 diverse categorie. 

1. Migliore in generale: Vanguard Small Cap Value ETF (VBR)

Il valore a piccola capitalizzazione potrebbe sembrare un ossimoro, ma Vanguard ha ideato un fondo in grado di esporre gli investitori a titoli a bassa capitalizzazione sulla base di diversi fattori di valore, come il rapporto prezzo / valore contabile, debito / capitale proprio, flusso di cassa e rendimento da dividendi.

L’ETF Vanguard Small Cap Value cerca di offrire agli investitori ampi rendimenti concentrandosi sui nomi degradati nel settore delle small cap . Il valore è stato costantemente battuto dalla crescita dopo la Grande Recessione, ma VBR è ancora il migliore del gruppo grazie al suo basso tasso di spesa dello 0,07% e 13 miliardi di dollari di asset in gestione.

A differenza degli altri fondi in questo elenco, VBR replica l’indice CRSP US Small Value e detiene oltre 800 azioni. I finanziari (33% delle partecipazioni) e gli industriali (20%) hanno un peso maggiore qui che in altri fondi comparabili.

In media, ogni giorno vengono scambiate oltre 300.000 azioni VBR , il che offre molta liquidità ai trader. Si noti che il fondo tende maggiormente verso i nomi con capitalizzazione di mercato più alta nello spazio, inclusi alcuni titoli che si qualificano come mid cap.

2. Il meglio per i trader attivi: iShares Core S&P Small Cap ETF (IJR)

L’ETF iShares Core S&P Small-Cap ottiene punti importanti per la sua liquidità e costi, nonostante detenga molte meno azioni rispetto alla maggior parte degli ETF in questo elenco.

Potresti avere difficoltà a trovare un ETF a bassa capitalizzazione con più liquidità.  L’ indice di spesa dello 0,07% non è il più basso, ma è comunque un prezzo equo per questo tipo di esposizione. IJR esiste da quando la bolla delle dot-com ha iniziato a sgonfiarsi nel 2000 e vanta oggi un impressionante patrimonio di 41 miliardi di dollari . Inoltre, il fondo replica l’indice S&P Small-Cap 600 ma sceglie le sue partecipazioni.

Attualmente possiede solo 602 azioni, escluse molte delle società più piccole e illiquide nello spazio. Ciò non solo mantiene i costi ragionevoli, ma offre a IJR la massima liquidità di qualsiasi ETF a bassa capitalizzazione.

3. Miglior fondo internazionale: Vanguard FTSE All World ex US Small Cap ETF (VSS)

I fondi internazionali a piccola capitalizzazione possono essere difficili da acquistare (o possedere), ma fortunatamente Vanguard ha il suo ETF FTSE All World ex-US Small Cap.

Il fondo replica l’indice FTSE Global ex US Small Cap Net Tax, che fornisce una semplice esposizione ponderata per il mercato alle azioni internazionali a bassa capitalizzazione. Il fondo è un po ‘più costoso delle opzioni domestiche con un  rapporto di spesa dello 0,13%, ma è ancora relativamente economico considerando le azioni coinvolte. Giappone, Canada e Regno Unito sono i 3 paesi con la ponderazione più alta, con azioni giapponesi che costituiscono il 16% delle partecipazioni del fondo.

Il fondo ha un patrimonio gestito di oltre 5 miliardi di dollari e negozia una media di 230.000 azioni al giorno. A causa della natura illiquida per le small cap estere, gli spread per VSS hanno una media dello 0,11% . Tuttavia, in uno spazio in cui le azioni internazionali ottengono l’ultimo posto sull’autobus, il costo e la liquidità di VSS sono giusti.

4. Miglior fondo per la crescita: SPDR S&P 600 Small Cap Growth ETF (SLYG)

Per la maggior parte degli investitori a piccola capitalizzazione, l’obiettivo è una rapida crescita. Se stai cercando di entrare al piano terra delle nuove società più interessanti, rivolgi la tua attenzione all’ETF SPDR S&P 600 Small Cap Growth.

Sì, Standard and Poor è elencato due volte nel titolo del fondo, ma questo fondo offre un’esposizione unica alle small cap. SLYG segue l’indice S&P Small Cap 600 Growth con un paio di avvertimenti. Le azioni devono soddisfare 3 standard che coinvolgono caratteristiche come la crescita delle vendite, la variazione degli utili in prezzo e lo slancio. È un po ‘più costoso di altri nella lista allo 0,15% . Nonostante l’esiguo numero di partecipazioni, il fondo ha ancora oltre $ 2 miliardi di asset e negozia in media quasi 400.000 azioni al giorno.

5. Fondo Best Value:  iShares Russell 2000 ETF

Le principali partecipazioni dell’ETF iShares Russell 2000 includono un mix settoriale di sanità, finanza, industria, beni di consumo discrezionali e tecnologia dell’informazione e includono società come Penn National Gaming Inc., Sunrun Inc. e Caesars Entertainment Inc. – I rendimenti climatici sono, scambia questi vantaggi per il suo rapporto di spesa più elevato dello 0,19%. Tuttavia, un accesso a 2000 azioni domestiche a piccola capitalizzazione in un unico fondo e il suo obiettivo di investire nel 90% delle sue attività in titoli dell’indice sottostante e in ricevute di deposito meritano un’altra occhiata.

6. Miglior fondo per il reddito: WisdomTree US Small Cap Dividend ETF (DES)

Ci sono molte opportunità di rendimento in azioni di piccola classe e l’ETF WisdomTree US Small Cap Dividend fornisce reddito senza sacrificare una crescita eccessiva. DES ha il rapporto di spesa più alto di qualsiasi fondo nel nostro elenco, pari allo 0,38%, ma tale costo è leggermente compensato perché il fondo paga dividendi ogni mese.

Il fondo segue l’indice WisdomTree US Small Cap Dividend e valuta la sua partecipazione in base al rendimento da dividendi, non alla capitalizzazione di mercato.

Settori più sicuri e remunerativi come i servizi di pubblica utilità, i beni di consumo discrezionali e gli immobili sono ampiamente presenti nel fondo, con meno enfasi sulla tecnologia e sui finanziari. Sono in gestione solo 2 miliardi di dollari di asset , ma in media vengono scambiate più di 200.000 azioni al giorno.

Ottieni gli ETF Small Cap giusti per il tuo portafoglio

Le small cap sono molto più rischiose delle large cap nel breve termine, ma la storia ha dimostrato che gli investitori che possono sopportare la volatilità sono ricompensati con guadagni fuori misura su periodi di tempo più lunghi.

Gli ETF a piccola capitalizzazione sono un ottimo punto di partenza per qualsiasi portafoglio inclinato in modo aggressivo, sebbene gli investitori debbano comprendere il rischio / rendimento di questo tipo di strategia prima di investire denaro in queste società relativamente oscure.

Vuoi saperne di più sugli investimenti? Dai un’occhiata alle scelte di Benzinga per i migliori broker online, il trading di azioni gratuito ei migliori ETF tecnologici.

Domande frequenti

Gli ETF a piccola capitalizzazione sono volatili?

1

Gli ETF a piccola capitalizzazione sono volatili?

chiesto
2020-10-28

Dan Schmidt

1

Gli ETF a piccola capitalizzazione sono volatili ei prezzi fluttuano con i mercati.

Rispondi al link

ha risposto
2020-10-28

Benzinga

Quanto del mio portafoglio dovrebbe essere in ETF a piccola capitalizzazione?

1

Quanto del mio portafoglio dovrebbe essere in ETF a piccola capitalizzazione?

chiesto
2020-10-28

Dan Schmidt

1

Potresti investire il 20% del tuo portafoglio in ETF a piccola capitalizzazione per trarre vantaggio dalla crescita.

Rispondi al link

ha risposto
2020-10-28

Benzinga

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Investimenti 35

Come acquistare azioni Yelp

Investimenti 8

Come acquistare azioni Sears (SHLDQ)