in

Identikit del precariato italiano

Si riaccende il dibattito sulla questione del posto fisso, soprattutto dopo l’intervento sul tema da parte del Ministro dell’Economia, Giulio Tremonti.
La situazione in Italia continua ad essere sul fronte lavoro piuttosto preoccupante.
Stando agli ultimi dati, infatti, sono oltre 3,5 milioni le persone che hanno un posto precario, di cui ben il 58,7% donne.

A rivelarlo una recente indagine della Cgia di Mestre, che ha anche sottolineato come l’esercito dei precari si concentri soprattutto al Sud e come il fenomeno interessi i settori alberghiero, della ristorazione e dell’agricoltura.
L’indagine della Cgia di Mestre ha anche tracciato un’identikit del precario italiano, sottolineando come il fenomeno interessi i dipendenti a termine involontari, i dipendenti part time involontari, i collaboratori che presentano contemporaneamente tre vincoli di subordinazione e i liberi professionisti e lavoratori in proprio – le cosiddette Partite Iva – che presentano contemporaneamente tre vincoli di subordinazione.

In termini territoriali, la Calabria vanta un record, con il 23,3% di precari sul totale degli occupati. A seguire la Sicilia (con il 22,1%), la Sardegna (con il 21,3%), la Puglia (19,5%) e la Basilicata (17,2%). In questa classifica al contrario, all’ultimo posto si trova la Lombardia che vanta – in termini assoluti, il maggior numero di precari ma che incidono per appena il 12% del totale degli occupati in regione.

Suddivisi per settore produttivo, spiega il report della Cgia, sono i servizi pubblici e sociali quelli a più alto tasso di precarietà (il 28,1% degli occupati del settore), gli alberghi e i ristoranti (con il 25,9%) e l’agricoltura (24,6%). Chiude l’intermediazione monetaria con l’8,9%.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
jumpstory download20200925 101002

Prestiti, erogazioni concentrate al sud

USA: crollo nascite causa crisi