in

Investi nell’indice Eurostoxx 50

Fatti da sapere sull’indice azionario EuroStoxx 50

Per completare la tua comprensione dell’indice azionario EuroStoxx 50, ecco alcune informazioni aggiuntive riassunte in poche righe che ti presentano i fatti chiave a riguardo:

  • L’indice azionario EuroStoxx 50 è definito dall’associazione dell’indice US Povider e  delle borse valori di Francoforte  e Zurigo tramite il Dow Jones Euro Stoxx.
  • L’EuroStoxx 50 dipende solo dal mercato di quotazione nell’Eurozona e non dall’Unione Europea.
  • Il primo prezzo di questo indice azionario è stato calcolato il 31 dicembre 1991 sulla base di 1 000 punti.
  • Il massimo storico raggiunto dall’indice EuroStoxx 50 è di 5.464,43 punti al momento della chiusura del 6 marzo 2000.
  • Il suo minimo storico è avvenuto il 5 ottobre 1992, cioè a meno di un anno dalla sua prima quotazione, al livello di 920,65 punti al momento della chiusura.
  • La frequenza di diffusione della quotazione dell’indice EuroStoxx 50 è di circa 15 secondi.
  • L’indice EuroStoxx 50 viene negoziato ogni giorno tra le 9:00 e le 17:30.
  • Il calcolo del prezzo dell’indice EuroStoxx 50 viene effettuato sulla base della ponderazione delle società che lo compongono per capitalizzazioni di mercato. Ciò significa che le società con una maggiore capitalizzazione sono più importanti rispetto a quelle con una minore capitalizzazione. Inoltre, il calcolo di tale prezzo non tiene conto dei dividendi generati dai titoli.
  • L’organo responsabile della pubblicazione e della quotazione dell’indice EuroStoxx 50 è l’Advisory Board, che attualmente è composto da nove membri.
  • La composizione dell’indice EuroStoxx 50 comprende 50 diversi titoli di società che appartengono a uno dei 13 paesi membri della zona euro e che sono selezionati in base alla loro capitalizzazione di mercato totale, al volume delle transazioni e al loro settore di attività. Questo indice tiene anche conto di una ponderazione relativamente precisa per paese e per settore di attività al fine di riflettere meglio la realtà della struttura economica della zona euro.
  • Gli altri indici azionari associati all’EuroStoxx 50 sono il Dow Jones Euro Stoxx, che è il grande indice della zona euro e ha 300 azioni, il Dow Jones Stoxx e il Dow Jones Stoxx 50, che sono l’indice grande e l’indice. Limitato, rispettivamente, corrispondente ai valori di 17 paesi dell’Europa occidentale. Questi sono indici di settore.
  • La distribuzione geografica dei titoli che compongono l’indice EuroStoxx 50 è la seguente: il 34% di questi titoli sono titoli francesi, il 23,82% sono titoli tedeschi, il 13,12% sono titoli spagnoli, il 12,46% sono titoli olandesi, l’11,98% sono titoli italiani, Il 3,72% sono azioni olandesi e lo 0,91% sono azioni irlandesi.

Come viene calcolato il prezzo dell’indice Eurostoxx 50?

Il mercato Eurostoxx 50 è stato creato nel 1998 e, contrariamente a quanto si potrebbe pensare, la sua origine non è un’azienda europea ma un’azienda americana. In effetti, è stata la società Dow – Jones, nota anche per il suo indice DJ 30, a creare questo indice azionario europeo. In linea di principio, questo indice dovrebbe rappresentare le 50 capitalizzazioni di mercato più forti, e anche il più rappresentativo delle dodici piazze finanziarie europee, indipendentemente dalla loro origine.

Il mercato Eurostoxx 50 si è tenuto prima della creazione della zona euro. Il suo obiettivo era quello di rispondere alle esigenze degli investitori anglosassoni che volevano ottenere informazioni sulla salute economica generale di questo gruppo di paesi europei e non di paesi indipendentemente l’uno dall’altro. All’inizio era un indice che ci ha permesso di conoscere la salute finanziaria europea.

La scelta di queste società avviene attraverso una classificazione delle 600 più importanti capitalizzazioni di mercato dell’area Euro. Il sistema che permette di calcolare l’indice Eurostoxx 50 è troppo complicato per essere spiegato qui in modo semplice, ma quello che devi sapere è che tiene principalmente conto del posto delle aziende che lo compongono in questa classificazione. Pertanto, sono le variazioni osservate in questa classificazione che influenzano direttamente il prezzo di questo indice.

La composizione di Eurostoxx 50 comprende attualmente le capitalizzazioni di mercato di diversi paesi europei tra cui principalmente Germania, Francia, Paesi Bassi, Italia, Belgio, Spagna, Irlanda, Finlandia e anche Portogallo. Tutti questi titoli fanno parte delle 600 aziende più importanti dell’Unione Europea ma devono anche dimostrare una certa stabilità per integrarsi.

La storia dell’Eurostoxx 50

L’indice azionario Eurostoxx 50 è stato quotato per la prima volta il 26 ottobre 2009, cioè in tempi molto recenti. La sua apertura è stata effettuata con un prezzo di 2.895,76 e chiusa con 2.834,82.

Il livello più basso raggiunto nella serie storica da questo indice è stato 1.937,92 nel 2001 e la chiusura più bassa è a 1.995,01, nel 2011.

Da parte sua, il livello più alto della serie storica si attesta a 3.076,28, nel 2011, mentre il massimo chiuso è stato di 3.068,00, sempre nel 2011.

Composizione dell’indice azionario Eurostoxx 50

L’Eurostoxx 50, come suggerisce il nome, è costituito dal valore delle 50 società della zona euro con la più alta capitalizzazione di mercato totale.

Ogni anno, alla fine di agosto, Stoxx Ltd studia la classifica delle 600 maggiori capitalizzazioni di mercato nella zona euro per modificare, se necessario, la composizione dell’indice Eurostoxx 50. È in questo momento che alcune società vengono sostituite da altre.

Tuttavia, è necessario che una società collochi la propria capitalizzazione di mercato tra i 40 più forti dell’Eurozona per essere inclusa nella classifica dell’indice. Le aziende che si classificano tra 1 e 60 rimangono membri e quelle sopra il 61 ° non appaiono più nell’elenco. Le nuove posizioni sono attribuite a società che non comparivano nella precedente classifica ma che hanno occupato posizioni da 41 a 60, per ottenere le 50 società che compongono l’indice finale.

Come abbiamo visto sopra, l’indice Eurostoxx 50 è composto da 50 società quotate nella zona euro. Noi troviamo:

  • 19 empresas francesas (AirLiquide, Airbus, AXA, BNP, Carrefour , Danone , Essilor, GDF Suez, Société Générale , L’Oréal, LVMH , Orange, Saint-Gobain , Sanofi , Schneider, Total, Unibail, Vinci , Vivendi).
  • 14 empresas alemanas (Allianz, BASF , Bayer , Bayerisch Motoren, Daimler, Deutsche Bank , Deutsche Post, Deutsche Telekom, E.ON, Munich Re, RWE, SAP AG , Siemens AG , Volkswagen ).
  • 6 società spagnole (Banco Bilbao, Banco Santander , Iberdrola , Inditex, Repsol YPF, Telefónica ).
  • 5 empresas italianas (Assicurazioni Generali, ENEL, Eni, Intesa SanPaolo, Unicredit)
  • 4 società olandesi (ASML, ING Group, Philips , Unilever )
  • 1 società belga (Anheuser-Busch Inbev)
  • 1 società finlandese ( Nokia )

Va notato che questa classificazione è quella trovata nel 2014 ma non è fissa.

Trading sul mercato Eurostoxx 50 con CFD:

Grazie ai CFD proposti dalla maggior parte dei broker, è possibile speculare sul valore dell’indice Eurostoxx 50, al rialzo e al ribasso.

Per anticipare i movimenti futuri di questo indice, è necessario tenere conto di tutte le notizie europee e di quella della zona euro. Anche i diversi annunci ufficiali e le cifre dei principali indici europei come l’ Ibex 35 e il DAX 30 possono influenzare i prezzi di questo mercato.

Uno degli organi da monitorare da vicino è la Banca centrale europea, le cui decisioni hanno spesso grandi conseguenze sui mercati europei.

Analisi tecnica storica del prezzo dell’indice EuroStoxx 50

L’analisi tecnica è sicuramente il metodo da scegliere se prevedi di stabilire una strategia di investimento per il prezzo EuroStoxx 50. Per aiutarti a capire come si comporta questo indice nel tempo, ecco un riepilogo dell’indice. Analisi tecnica degli ultimi dieci anni e il principali movimenti che sono stati osservati.

Questo periodo inizia con un punto rialzista raggiunto alla fine del 2007 con un livello di 4.446 punti. Tuttavia, questo aumento è immediatamente seguito da un forte calo causato dalla crisi economica, che di fatto colpisce la maggior parte delle azioni. Nel marzo 2008 il prezzo è sceso prima a 3.500 punti, per poi tentare un recupero a 3.800 punti nel maggio dello stesso anno. Tuttavia, la tendenza al ribasso prende il sopravvento, ancora una volta con una forte volatilità che la porterà al livello di 1 817 punti nel marzo 2009, il minimo storico di questo decennio. Fortunatamente il non proprio franco superamento della soglia psicologica dei 2.000 punti porta a posizioni strategiche per l’acquisto, con un progressivo rialzo del prezzo dell’indice.

Il mese di giugno 2011 segna un nuovo ritorno al ribasso di questo indice, con una perdita significativa che lo fa scendere a 2.026 punti nel settembre 2011. A marzo 2012 il valore riprende parte dei punti persi e raggiunge i 2 600 punti prima di scendere torna a 2 068 punti nel giugno 2012.

Da questo momento specifico inizia una prima e vera tendenza al rialzo che si inserisce nella ripresa economica della zona euro. Dalla fine del 2013 l’indice è riuscito a superare la maggiore resistenza di 3 000 punti e si sta dirigendo verso il livello di 3 300 punti nel giugno 2014. In quel momento abbiamo raggiunto una nuova puntuale correzione al ribasso che gli farà perdere alcuni punti , per raggiungere 2.991 nell’ottobre 2014.

Nonostante questa correzione, l’aumento ha registrato una ripresa impressionante e ha raggiunto il livello di 3 816 punti nell’aprile 2015 dopo un movimento particolarmente volatile. Questo improvviso aumento è, ovviamente, ripagato da guadagni significativi che fanno scendere il titolo al livello di 3.000 punti nell’ottobre 2015 e 2.750 punti nel febbraio 2016, a seguito di un tentativo di recupero a 3.500 punti nel novembre 2015.

Per tutto il 2016, il prezzo dell’EuroStoxx 50 dubiterà della direzione da prendere e si evolverà in modo irregolare in un range compreso tra 2.750 e 3.150 punti, passando a turno sopra e sotto la barriera di 3.000 punti che sembrano rappresentare un perno strategico. Tuttavia, l’inizio del 2017 segna il punto di partenza di un nuovo trend rialzista di fondo che sembra essere relativamente stabile e solido. Ciò consente di raggiungere il livello di 3 660 punti a maggio 2017 e quindi di 3 690 punti a novembre dello stesso anno.

Per anticipare le future variazioni di questo indice azionario, è consigliabile effettuare un’analisi più completa e in tempo reale dei grafici corrispondenti, nonché un’efficace analisi fondamentale.

Domande frequenti

Qual è l’origine dell’indice Euro Stoxx 50?

Pochi lo sanno, ma in realtà l’indice azionario Euro Stoxx 50 non è stato creato da una società dell’Unione Europea. Il nome completo di questo indice azionario è in realtà Down Jones Euro Stoxx 50 Pertanto, l’origine di questo indice è la società Dow Jones. È la stessa società americana che ha creato un altro importante indice azionario, il Dow Jones 30.

Quali paesi troviamo nell’Euro Stoxx 50?

Come già sapete, l’indice Euro Stoxx 50 è composto dalle 50 capitalizzazioni di mercato che maggiormente rappresentano i 19 settori più importanti in termini di capitalizzazione fluttuante della zona euro. Più specificamente, questi valori sono selezionati negli 11 paesi che compongono questa zona euro, che sono Austria, Belgio, Finlandia, Francia, Germania, Irlanda, Italia, Lussemburgo, Paesi Bassi, Portogallo e Spagna.

Dove negoziare l’indice Euro Stoxx 50 oi suoi titoli?

Le piattaforme di trading online offerte da broker CFD specializzati ti consentono di investire nell’Euro Stoxx 50 in diversi modi. Si può quindi scegliere di operare direttamente con il valore di questo indice azionario oppure operare con il prezzo di uno dei 50 titoli che lo compongono poiché, in generale, a queste azioni si può accedere anche da piattaforme di investimento.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Analisi del prezzo delle azioni Essilor

Analisi del prezzo delle azioni Essilor

L’indice azionario italiano FTSE MIB: prezzo e analisi

L’indice azionario italiano FTSE MIB: prezzo e analisi