in

La storia degli NFT: tutto quello che c’è da sapere

Mentre la maggior parte delle persone associa NFT a Ethereum in questi giorni, la realtà è che questo fenomeno è iniziato sulla blockchain di Bitcoin. Nei primi giorni di Bitcoin, un concetto noto come “monete colorate” ha guadagnato una certa notorietà come un modo per emettere altri tipi di attività in cima alla blockchain.

L’idea era che queste monete colorate, che erano fondamentalmente solo satoshi usati per rappresentare qualcos’altro, potessero essere utilizzate per consentire agli utenti Bitcoin di emettere qualsiasi cosa, dalle azioni di un’azienda agli articoli di gioco per i videogiochi. Molti utenti di Bitcoin, come l’eventuale creatore di Ethereum Vitalik Buterin, sono rimasti affascinati da questo concetto di emissione di risorse alternative in cima alla blockchain di Bitcoin.

Tuttavia, le varie prime proposte di monete colorate per Bitcoin non hanno finito per guadagnare molta trazione. La moneta colorata più notevole di tutti i tempi potrebbe essere stata l’offerta iniziale di monete (ICO) associata al portafoglio Mycelium Bitcoin. Questo è stato emesso sul protocollo delle monete colorate Colu.

L’eccitazione intorno alle monete colorate su Bitcoin alla fine ha portato a protocolli aggiuntivi costruiti sulla blockchain di base di Bitcoin che avevano anche i propri token nativi come Counterparty e Mastercoin.

La controparte in particolare ha portato allo sviluppo di alcuni set di oggetti da collezione NFT che sono più simili a quelli che si vedono oggi su Ethereum. Spells of Genesis e Rare Pepes sono stati due giochi collezionabili NFT che hanno avuto particolare successo su Counterparty.

Tuttavia, va notato che Bitcoin non è mai stato realmente destinato a fungere da database per questi token alternativi, e a molti utenti Bitcoin non piaceva l’idea di intasare prezioso spazio di blocco con token che rappresentavano la proprietà sulle immagini delle rane, in quanto ciò avrebbe reso più costose le semplici transazioni Bitcoin.

Gli NFT passano a Ethereum

Naturalmente, il già citato Buterin avrebbe continuato a lanciare Ethereum nel 2014. Sarebbe su questa piattaforma che gli NFT vedrebbero una rinascita nel 2017 con le versioni di Cryptopunks e Cryptokitties. Queste erano fondamentalmente alternative agli Spells of Genesis e Rare Pepe NFT che erano stati precedentemente lanciati su Counterparty. Forse più in particolare, Cryptopunks non ha seguito lo standard ERC-721 quando è stato lanciato, in quanto non esisteva ancora. Invece, i Cryptopunk sono stati originariamente lanciati come token ERC-20, che sono più strettamente associati alle offerte iniziali di monete (ICO) che erano popolari all’epoca.

Detto questo, il progetto Wrapped Cryptopunks ha reso questo set da collezione NFT compatibile con lo standard ERC-721. Cryptokitties è stato lanciato più tardi nel 2017 rispetto a Cryptopunks e questo gioco basato su blockchain è stato il primo caso d’uso importante dello standard ERC-721. Coloro che erano in giro all’epoca ricorderanno che Cryptokitties è diventato così popolare che hanno iniziato a intasare la blockchain di Ethereum e causare un forte aumento dei costi di utilizzo della rete.

Gli sviluppatori dietro Cryptokitties sono stati infine in grado di trasformare il loro successo in un round di finanziamento da $ 15 milioni da alcuni dei più grandi nomi della Silicon Valley. Successivamente, lo standard ERC-721 è stato integrato nei popolari portafogli Ethereum come Metamask e nei mercati NFT come OpenSea ha iniziato ad emergere.

Gli NFT iniziano ad andare oltre Ethereum

Proprio come gli NFT si sono spostati da Bitcoin a Ethereum, ora c’è un’altra transizione che si verifica mentre entriamo in un universo multi-catena.

Mentre molti dei progetti NFT più popolari di oggi si trovano su Ethereum, ci sono anche un gran numero di app NFT che utilizzano blockchain alternative per una serie di motivi.

Ad esempio, NBA Top Shot, che è il gioco collezionabile NFT di maggior successo di tutti i tempi basato sulle vendite, utilizza la blockchain Flow, sviluppata dal team dietro Cryptokitties. Più recentemente, il set di oggetti da collezione NFT più popolare è stato Axie Infinity e quei token sono emessi sulla blockchain Ronin. WAX è un’altra piattaforma blockchain che ha guadagnato popolarità nel regno degli NFT. Anche Binance Smart Chain sta entrando in azione, poiché gli NFT di Andy Warhol e Salvador Dali hanno fatto parte del lancio di Binance NFT Marketplace.

Inoltre, il boom NFT ha portato un rinnovato interesse intorno al concetto di Bitcoin, poiché più piattaforme NFT sono state rilasciate o sono attualmente in fase di sviluppo sulle reti Liquid e RSK di livello due. Mentre ultimamente c’è stata molta eccitazione intorno agli NFT, è importante ricordare che non c’è alcuna garanzia che questa sia una nuova tecnologia che cambierà il mondo. Ricorda di considerare che questo fenomeno potrebbe alla fine finire per assomigliare alla moda dei Beanie Babies prima di mettere tutti i tuoi soldi in NFT.

Ethereum mantiene ancora un sacco di popolarità, tuttavia, con NFT come Bored Ape Yacht Club, VeeFriends e altro ancora.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
pexels peter kambey 11286700

Criptovaluta in Cina: riassunto della storia della criptovaluta

pexels alesia kozik 6771177

Quanto tempo ci vuole per inviare Bitcoin?