in

Le monete con inflazione più bassa

In effetti, l’inflazione colpisce le criptovalute, incluso Bitcoin, che a volte viene definito “resistente all’inflazione”. Quando si tratta di inflazione, Bitcoin funziona in modo molto simile all’oro. Tuttavia, poiché il mining di nuovi Bitcoin viene automaticamente dimezzato ogni quattro anni, i tassi di inflazione diminuiscono inevitabilmente.

L’inflazione esiste anche in tutte le altre monete, anche se alcune hanno un’offerta massima fissa, come Bitcoin, che è limitato a 21 milioni. Questa è una distinzione importante per qualcosa come il dollaro USA, che non ha un limite rigido sull’offerta e può essere stampato fino alla nausea.

I tassi di inflazione delle criptovalute sono anche prevedibili e controllabili, distinguendoli dal denaro fiat.

L’inflazione ha qualche beneficio?

Naturalmente, l’inflazione non è tutta oscura.

In effetti, un livello moderato di inflazione può guidare la spesa in monete, aiutare a far crescere l’economia e impedire alle persone di trattenere le loro monete per troppo tempo. Tuttavia, moderato è la parola chiave qui.

L’emissione annuale tiene anche a bada il tasso di inflazione, il che significa che le monete con emissione annuale inferiore di solito hanno tassi di inflazione più bassi. Naturalmente, è importante non confondere l’emissione con l’offerta totale.

L’emissione sta generando nuove monete o token attraverso vari processi, incluso il mining. Ma l’offerta totale è costituita da tutte le monete “emesse”, meno quelle bruciate.

Con le valute legali, le banche centrali decidono quanto denaro fornire in base alla loro stima della domanda più alta. Nel caso delle criptovalute, tutti i possessori di valuta hanno un voto. Di conseguenza, la comunità di una valuta può decidere se aumentare o ridurre il livello di offerta e tutti i possessori possono votare su di esso in base alla loro quota specifica.

Monete con inflazione più bassa

Come accennato in precedenza, tutte le criptovalute subiscono inflazione. Per alcuni, il tasso di inflazione può essere inferiore all’1%, mentre per altri può superare il 10%. Bitcoin, Ethereum e Cardano sono tra le monete a più bassa inflazione là fuori.

Va notato che l’inflazione è un argomento molto dibattuto nelle criptovalute e le persone usano un’ampia varietà di metriche per supportare la loro moneta preferita come asset deflazionistico. Quella che segue è una stima approssimativa di alcuni dei numeri di inflazione pubblicamente disponibili delle monete popolari.

Bitcoin (Bitcoin)

Tecnicamente parlando, bitcoin è una moneta inflazionistica. Questo perché è stato creato per assomigliare al tasso di inflazione costante dell’oro. La definizione tradizionale di deflazione implica che Bitcoin è deflazionistico. Tuttavia, poiché il suo potere d’acquisto cresce nel tempo, la deflazione si riferisce in realtà a una riduzione della quantità di offerta di monete.

Una moneta a prova di inflazione è una moneta completamente protetta contro le influenze esterne. Ecco perché è meglio chiamare Bitcoin “resistente all’inflazione”. Bitcoin è più un asset “resistente all’inflazione” che “a prova di inflazione”, il che implica una protezione totale contro le influenze esterne.

Poiché è la moneta più grande e conosciuta, Bitcoin è in genere vista come una copertura affidabile contro l’inflazione. Può anche essere pensato come una siepe superiore all’oro. Bitcoin è sempre stata una delle criptovalute a bassa inflazione in circolazione, con il tasso attuale pari all’1,76%.

Ethereum

La seconda moneta più utilizzata a livello globale è Ethereum. Con un tasso di inflazione dello 0,54%, vanta una delle inflazioni più basse tra tutte le criptovalute. Non esiste un’offerta massima, che inizialmente sembra inquietante. Tuttavia, è fondamentale notare che ha una fornitura fissa di 18 milioni di monete, che vengono estratte ogni anno.

Ciò implica che con l’aumentare della quantità di denaro in circolazione, il suo tasso di inflazione continuerà a diminuire gradualmente. È importante notare che Ethereum ha una comunità fiorente e che un importante cambiamento in arrivo potrebbe far scendere ulteriormente il tasso di inflazione.

Cardano

Cardano è una moneta che mira a dare alle nazioni sottosviluppate l’accesso ai vantaggi della tecnologia blockchain. L’offerta massima per Cardano è limitata a 45 miliardi e il 71% di questo è già stato rilasciato. L’inflazione attuale di Cardano è intorno all’1,95%.

Alcune monete ad alta inflazione

Ora che abbiamo menzionato alcune valute a bassa inflazione, non è una cattiva idea esplorare anche due monete ad alta inflazione.

Dogecoin

Poiché Elon Musk ha spesso espresso il suo sostegno alla moneta in pubblico, Dogecoin ha attirato molta attenzione. Inizialmente è stato ridicolizzato come uno scherzo, ma da allora è diventato una delle criptovalute più popolari. Sebbene Dogecoin tecnicamente non abbia un hard cap, la sua offerta annuale è fissata a 5.256 miliardi di monete. Di conseguenza, il tasso di inflazione di Dogecoin continuerà a scendere nel tempo.

Mentre Dogecoin non è affatto vicino a criptovalute come Ethereum, con un tasso di inflazione del 3,86%, è ancora piuttosto basso rispetto a Polkadot.

Cosmos

Cosmos è solo un’altra criptovaluta in competizione con Ethereum e altre rinomate criptovalute. Il tasso di inflazione di Cosmo è attualmente al 5,83%. Il numero di monete impilate, o collocate, nel suo ecosistema determinerà il tasso effettivo. Per incoraggiare i possessori di monete a mantenere le loro criptovalute, Cosmos cerca di ridurre il tasso di inflazione man mano che vengono puntate più unità.

AVAX

Il token nativo di Avalanche, AVAX, è stato creato per guidare le transazioni in tutto il suo ecosistema. AVAX viene utilizzato per supportare le transazioni di rete addebitando commissioni, distribuendo premi e facilitando la governance. Al 24,88%, è sicuramente una moneta ad alta inflazione nel mercato delle criptovalute.

Conclusione

Quindi, il gioco è fatto. Queste sono alcune delle criptovalute con inflazione più bassa sul mercato che probabilmente abbasseranno ulteriormente i loro tassi. La bassa emissione annuale, il crescente potere d’acquisto e il potere dei possessori di monete sul tasso di inflazione futuro rendono l’inflazione della criptovaluta molto diversa da quella di una valuta fiat.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Richiedere un prestito online facilmente: ecco cosa serve

pexels tima miroshnichenko 7567445

Se le mie chiavi private vengono pubblicate: ecco cosa succede