in

Le prime 3 cose che le persone sbagliano sul Crypto Mining

Il mining di criptovaluta è l’atto di convalidare le transazioni utilizzando un processore di computer e l’energia elettrica. Ogni rete blockchain ha i propri metodi e ricompense per il mining. Bitcoin ha quello che viene chiamato un programma di ricompensa del blocco che è programmato nel suo codice ed è stato impostato dallo stesso Satoshi Nakamoto.

Sulla rete Bitcoin, la ricompensa iniziale per il mining era di 50 BTC, ma poiché segue un programma di ricompensa, man mano che vengono completati più blocchi la rete diminuisce la quantità di BTC guadagnata per blocco che è chiamata “dimezzamento”. Attualmente, la ricompensa per il mining di un blocco di BTC è di 6,25 BTC.

Il mining di criptovaluta viene effettuato dai processori che convalidano le transazioni su una determinata rete blockchain.

Per eseguire questa convalida, il processore risolve complessi problemi matematici chiamati “hash”. La velocità con cui questo viene eseguito è chiamato “hash rate”. Per incentivare l’utilizzo della propria potenza di elaborazione sulla rete, fornisce ai minatori un’opportunità potenzialmente redditizia per trasformare la potenza di calcolo in denaro. In circostanze ideali, l’estrazione mineraria viene effettuata da qualche parte dove il prezzo dell’energia è economico, per ridurre le spese e quindi aumentare i profitti delle valute estratte dall’estrazione mineraria.

Ora che sappiamo cos’è l’estrazione mineraria, cosa sbagliano le persone?

Idea sbagliata #1: “consumerà tutta l’energia”

Contrariamente ad alcune delle teorie apocalittiche sulla natura dell’uso dell’energia della criptovaluta, il mining di criptovaluta non consumerà tutta l’energia del pianeta. Mentre c’è stata preoccupazione per l’uso di energia delle criptovalute, in particolare le valute che utilizzano il modello proof-of-work (PoW), non assorbiranno tutta l’energia del pianeta.

In realtà, i minatori in genere utilizzano le fonti di energia più economiche che riescono a trovare, il che mette l’energia di scarto al lavoro, come con i nuovi metodi di flare-off di Exxon Mobil.

Mentre Bitcoin rimane dedicato al modello PoW, ci sono altri metodi di consenso che non consumano tanta energia. Ethereum passerà a un modello proof-of-stake, che mette fine al mining sulla sua rete. Mentre questo riduce il consumo di energia, lo fa alterando radicalmente il lato minerario della rete.

Se i minatori ETH sopravvivono o meno al passaggio a ETH 2.0 o rimangono su un fork di ETH 1.0 è un argomento attuale di dibattito. Lo sapremo con certezza solo dopo il passaggio.

Idea sbagliata #2: il mining è fatto solo da grandi organizzazioni

Attualmente, alcune delle più grandi organizzazioni minerarie si presentano sotto forma di magazzini pieni di processori per computer che estraggono enormi quantità di crittografia. Mentre questo può essere un potente metodo di estrazione, non è l’unico modo. Agli albori della criptovaluta, e anche ancora vero oggi, il piccolo minatore era abbastanza comune. Questi minatori erano noti per il mining con schede grafiche progettate per giocare ai videogiochi, ma erano anche utili nel mining di bitcoin. L’ascesa dei minatori BTC di piccole dimensioni ha effettivamente alterato il mercato delle parti di computer.

Oltre a questi due metodi di mining, ci sono minatori di criptovaluta a livello di consumatore che sono molto facili da acquistare. Sono dedicati esclusivamente all’atto del mining di criptovaluta, nel video collegato sopra, LinusTechTips riferisce che stava guadagnando $ 32,46 al giorno dopo il costo dell’energia nel 2018 usando una manciata di questo tipo di minatori.

È molto possibile estrarre criptovaluta a qualsiasi livello, che tu sia un minatore GPU fai-da-te, un magazzino aziendale o un investimento individuale nella tecnologia.

Idea sbagliata #3: devi fare il mining da solo

Non è più vero. Con l’ascesa del mining as a service AKA piattaforme di cloud mining come ElevateGroup, non è nemmeno necessario effettuare un investimento fisico nei minatori e acquistare potenza di calcolo. Ciò comporta vantaggi e svantaggi rispetto all’esecuzione dei propri minatori.

Il vantaggio del cloud mining è che si evita il costo di avvio dell’acquisto di un minatore e della sua configurazione. Invece, ciò che è comune è che gli utenti pagheranno per la potenza di calcolo richiesta. Ciò comporta lo svantaggio della volatilità nei mercati delle criptovalute, poiché alcuni giorni la potenza di calcolo è più preziosa di altri. Un altro vantaggio è che i tempi di inattività non sono di tua responsabilità da gestire, ma dell’azienda da cui stai acquistando servizi di cloud mining. Infine, scegli anche per quanto tempo vuoi offuscare il mio. In genere ciò comporta la firma di un contratto per un determinato periodo di tempo, ma dopo tale periodo è possibile scegliere di non continuare il mining. Ciò evita all’acquirente del servizio di coprire i costi di smaltimento dei rifiuti elettronici o di cadere nella fallacia dei costi irrecuperabili se vanno troppo in profondità.

Gli svantaggi iniziano con la volatilità come menzionato sopra. Poiché si tratta di un servizio emergente, la credibilità non è ancora chiara su chi siano le compagnie minerarie. Significa da dove prendono i loro minatori, l’affidabilità dell’acquisizione di energia e altre informazioni critiche che i potenziali investitori potrebbero voler conoscere prima di investire denaro in esso. Inoltre, non hai tanto controllo su ciò che viene estratto o sul metodo di estrazione stesso, poiché il servizio di mining mantiene il controllo su quello e sulle proprie strutture. Quindi, anche se non devi fare il mining da solo, potrebbe non valere la pena tuffarsi nel cloud mining a meno che tu non abbia fatto la ricerca in anticipo.

Conclusione: ci sono ancora opportunità nel mining di criptovalute

In conclusione, il mining è un’operazione complessa che può essere eseguita da utenti di più scale, sia che tu sia un minatore GPU o stia considerando la costruzione di una vasta gamma di minatori in un magazzino, il mining di criptovalute è ancora praticabile.

Contrariamente ai titoli sensazionalistici, non consumerà tutta l’energia del pianeta. Ci sono diversi sforzi in corso per garantire che le criptovalute facciano parte dei piani di sostenibilità in tutto il mondo che vanno dagli investimenti in energie rinnovabili, ai metodi alternativi di consenso che non sono sistemi PoW e all’utilizzo dell’energia di scarto in modo produttivo. Infine, non è nemmeno necessario fare il mining da soli, grazie allo sviluppo di servizi di cloud mining.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
invest crypto 51

Il futuro è Multichain?

pexels anna nekrashevich 6802044

Come utilizzare la rete Lightning per risparmiare sulle commissioni Bitcoin