in

Le prime 3 cose che le persone sbagliano sulla DeFi

Idea sbagliata #1: la DeFi sostituirà le banche

Le banche e i sistemi finanziari tradizionali possono essere senza dubbio un dolore al collo, soprattutto quando si cerca di accedere ai servizi di prestito. C’è anche il rischio di avere il tuo account congelato per i motivi più fragili.

L’idea, tuttavia, che la DeFi sarà la fine delle banche è un mito inverosimile. Il crollo del mercato finanziario nel 2008 ha dato vita a Bitcoin e l’accettabilità transfrontaliera delle criptovalute rendono attraente la DeFi, ma è improbabile che detronizzino le banche.

La tecnologia blockchain che alimenta l’ecosistema DeFi non è esclusiva della DeFi e le banche possono sempre prendere in prestito o imitare la tecnologia. Barclays Bank nel Regno Unito ha già iniziato il processo di coinvolgimento dei contratti intelligenti nei suoi processi di pagamento.

Diverse altre banche, tra cui la Bank of America e la Development Bank of Singapore, sono in varie fasi di test dei servizi di smart contract.

Le banche di solito sono lente a cambiare, ma è improbabile che si siedano sulle loro mani e permettano alla DeFi di relegarle nell’oblio, non se possono copiare anche la tecnologia.

Idea sbagliata #2: la DeFi è più sicura della finanza tradizionale

La finanza decentralizzata è spesso propagandata come il sistema finanziario più sicuro.

La probabilità di errore umano è minima e gli utenti possono interagire direttamente con il contratto intelligente. Esistono anche diverse misure di salvaguardia messe in atto per verificare e registrare le transazioni. Ciò è in contrasto con i sistemi finanziari centralizzati che lasciano spazio sia all’errore umano che alla manipolazione. La DeFi, tuttavia, offre rischi unici e alcuni di essi sono irreversibili.

I protocolli e le app DeFi vengono talvolta violati e i fondi degli utenti vengono rubati.

In molti casi, gli utenti perdono questi fondi in modo permanente. Con i sistemi centralizzati, ci sono leggi normative in vigore che richiedono loro di rimborsare gli utenti parzialmente o completamente. Tali garanzie sono rare se non inesistenti in DeFi.

Certik ha riferito che oltre $ 1,3 miliardi sono stati rubati in hack dei protocolli DeFi nel 2021. Il 2022 sembra pronto per essere un anno peggiore per gli hack DeFi, più di $ 1,6 miliardi sono stati rubati dall’ecosistema DeFi solo nei primi quattro mesi del 2022, più dell’intero 2021.

Gli hacker di solito sfruttano i difetti nel codice di un contratto intelligente che spesso passano inosservati agli sviluppatori. La DeFi può essere più sicura dalla censura, ma i fondi sono altrettanto vulnerabili alle minacce informatiche di quelli nei sistemi centralizzati.

Idea sbagliata #3: la DeFi garantisce il completo anonimato

Un vantaggio comunemente discusso della DeFi è che non richiede KYC e come tale gli utenti possono utilizzare l’ecosistema in modo anonimo. La DeFi consente la creazione e il trading di valute digitali sulla blockchain. Questi scambi e i portafogli che li intraprendono sono comunque registrati sulla blockchain. Le informazioni sono disponibili anche a chiunque abbia accesso alla blockchain. Se le autorità o le forze dell’ordine decidono di rintracciare l’iniziatore di una transazione o il proprietario di un portafoglio, tutto ciò che devono fare è seguire la traccia del denaro fino a quando non vengono depositati in un conto bancario.

Ciò che rende unica la tecnologia blockchain è la natura decentralizzata del sistema che consente a migliaia di nodi di verificare e registrare le transazioni. Quindi condividono queste informazioni con il pubblico per migliorare la trasparenza. Questi registri non rivelano l’identità di una persona, ma rendono impossibile per uno essere completamente anonimo.

Nel febbraio 2022, il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ha arrestato una coppia di New York per una rapina da $ 4,5 miliardi di Bitcoin che hanno effettuato nel 2016. Il duo aveva spostato i fondi in un portafoglio dopo aver rubato i fondi nel 2016. Il Dipartimento di Giustizia è stato tuttavia in grado di rintracciare i proventi della vendita dei beni sui conti di una delle persone coinvolte. Questo per quanto riguarda l’anonimato.

Conclusione: la DeFi è rivoluzionaria ma ha dei limiti

La finanza decentralizzata è stata una delle nicchie di maggior successo nelle criptovalute da quando ha fatto il suo debutto nel 2018. Con la DeFi, è possibile accedere a popolazioni non bancarie senza la necessità di registrazioni bancarie spesso rigorose. L’ecosistema ha incentivato prestiti e prestiti con APY appetitosi e bassi tassi di interesse sui prestiti. Le fattorie di rendimento sono state un focolaio di attività per gli investitori in cerca di profitto. È stato rivoluzionario e, come spesso accade con innovazioni uniche, presto fioriscono idee sbagliate su di esse.

Ci sono limiti alle funzionalità e ai servizi che la DeFi può offrire. Questo non lo rende meno di un’innovazione unica. Mentre altri paesi come la Cina continuano a reprimere le criptovalute, l’adozione della DeFi come alternativa continuerà a stimolare la crescita e le idee sbagliate.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
pexels anna nekrashevich 6802044

Come utilizzare la rete Lightning per risparmiare sulle commissioni Bitcoin

invest crypto 55

Come posso evitare di essere truffato in Crypto