in

L’Euribon scende e i mutui cambiano faccia

Leggero calo per l’Euribon, il tasso che le banche utilizzano per regolare le proprie politiche sui mutui ipotecari, che oggi si è attestato su 2,51%, ovvero il livello più basso dal gennaio 2006.
Come si regoleranno le banche?
Al momento l’intero settore è in fermento e qualche novità comincia a profilarsi all’orizzonte.

La Ing Direct ha, ad esempio, deciso di lanciare un nuovo mutuo a tasso variabile ancorato direttamente alla Banca Centrale Europea e non all’Euribon che sino ad ora era stato il parametro per i mutui variabili.
Seguendo la scia del gruppo olandese anche altri istituti hanno pensato di lanciare delle offerte analoghe. Bipiemme ha abbracciato la via degli “Euromutuo” ed ha deciso di implementare quanto già fatto lo scorso novembre.

Con l’approvazione del decreto anti-crisi, infatti, il Governo aveva imposto alle banche di offrire ai propri clienti la possibilità di scegliere un mutuo a tasso variabile agganciato direttamente al tasso della Banca Centrale Europea, e la Bipiemme aveva subito risposto all’invito offrendo questa opzione.
Visti i precedenti c’è quindi da aspettarsi che altri istituti di credito faranno lo stesso, offrendo prestiti ancorati al costo del denaro.
Ma che cosa cambia con queste misure?
Dalle prime analisi emerge che lo spread, ovvero il margine di rincaro, applicato ai mutui ancorati al tasso Bce è più elevato rispetto a quello legato all’Euribon, risultando quindi più cari rispetto a quelli indicizzati all’Euribon.

Ad esempio i “mutui Bce” della Ing, rispetto a quelli Euribon, risultano più cari di 0,25 punti percentuali, mentre Unicredit applica un rincaro di 0,5 punti, Bipiemme un rialzo tra lo 0,3 e lo 0,7 punti percentuali o ancora il “mutuo Ambra” di Banca Sella costa 0,65 punti percentuali in più se legato al tasso Bce.
In controtendenza solo il Banco Popolare che per entrambi i prodotti applica uno spread del 2%.

Ma da cosa dipende il costo maggiore dello spread dei mutui Bce rispetto a quelli Euribon?
La spiegazione si rintraccerebbe nel fatto che il mutuo Bce incorpora una sorta di assicurazione, in virtù del fatto che il tasso Bce è più stabile rispetto agli indici Euribon, che sono molto sensibili alle variazioni del mercato, e quindi molto più esposti a oscillazioni anomale.
Come si fa allora a scegliere?
Ad oggi i mutui Euribon sono meno cari anche grazie al ribasso dell’indice, ma va comunque sempre tenuto presente che le variazioni degli indici Euribon possono essere repentine ed inaspettate, scatenando in ogni momento una situazione analoga a quanto è avvenuto lo scorso anno a causa dei mutui subprime.
L’unica raccomandazione possibile è quindi di stare sempre con gli occhi aperti!

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
jumpstory download20200925 101016

Agriturismi:mete e gusti!

Riforma pensione è ancora scontro