in

Mercato ribassista vs mercato rialzista (bear market vs bull market): i segnali di pericolo

Mercato ribassista vs mercato rialzista, ovvero Bear market vs Bull market. Qual’è la differenza tra i due? Qui, esaminiamo i segnali di pericolo che ogni investitore deve cercare.

Conoscere la differenza tra un Bear market vs Bull market è cruciale per ogni investitore. Indicano come si sentono i trader riguardo al clima attuale e spesso servono come un potente esempio di quale direzione sta andando il prezzo di un asset.

Come dice un vecchio proverbio di Benjamin Franklin, ci sono due cose che sono inevitabili nella vita: la morte e le tasse. Parole sagge, ma nei mercati le due maggiori certezze sono i mercati ribassisti e quelli rialzisti.

Per fortuna, ci sono alcuni metodi per dedurre l’andamento di questi mercati, aiutandoci a distinguere la differenza tra un mercato rialzista e uno ribassista.

Immaginiamo che l’S & P 500 (o il FTSE 100) abbia raggiunto nuovi massimi. Anche se questo scenario potrebbe ispirarti a festeggiare in grande stile e ad aprire lo champagne, le cose iniziano invece a prendere una svolta inaspettata. Se uno degli indici scende di un minimo del 10%, viene comunemente considerato una correzione.

Tecnicamente parlando, si considera che un mercato ribassista inizi quando i prezzi scendono del 20%, dal loro massimo più recente.

Se ti stai chiedendo se sia migliore un mercato rialzista o ribassista, ecco alcune statistiche che fanno riflettere e che illustrano le sfide associate a una recessione. Complessivamente, ci sono stati almeno 12 mercati ribassisti dalla seconda guerra mondiale. Quando vengono calcolati in media, generano un calo del 32,5% circa.

Uno dei mercati ribassisti più memorabili della storia recente è arrivato nell’ottobre 2007, quando il mondo era alle prese con una crisi finanziaria senza precedenti. Nei successivi 18 mesi fino a marzo 2009, i principali indici azionari statunitensi sono scesi di un sorprendente 57%. I trader hanno dovuto affrontare una lunga attesa prima che le cose tornassero alla normalità, ovvero circa quattro anni. Si tratta di circa il doppio del tempo necessario per una ripresa dopo una svolta ribassista.

Ma cosa causa esattamente un mercato ribassista? Bene, non esistono due arresti anomali uguali, tuttavia, ci sono alcuni temi ricorrenti che possiamo riprendere. I prezzi delle azioni spesso cadono quando si verifica un marcato rallentamento dell’attività economica o quando i livelli di disoccupazione iniziano a salire. Entrambi i fattori possono influenzare la capacità di un’azienda di fare soldi.

Inoltre, non dovresti scartare l’impatto sconcertante che può avere anche una bolla che si forma nei mercati. Il boom delle dotcom ne è stato un ottimo esempio, con speculazioni febbrili su Internet, che lasciavano alle aziende valutazioni altissime che non potevano essere eguagliate dalla performance finanziaria. Bitcoin è recentemente sceso del 52,7% dai recenti massimi di $ 64.863, trascinando la più grande criptovaluta del mondo fino a $ 30.681. Le perdite furono ancora più drammatiche per l’etere. Ci è voluta solo una settimana perché la moneta numero due precipitasse del 60%, da $ 4,362 a soli $ 1,737.

Qual è la differenza tra un mercato rialzista e ribassista?

Ovviamente, è incredibilmente prezioso quando puoi individuare i segnali che indicano se stanno iniziando i mercati ribassisti e rialzisti. Se sta per iniziare una recessione, vale sempre la pena cercare di preservare il proprio capitale e proteggerlo da drastiche perdite di prezzo. Allo stesso modo, se sai che lo slancio positivo è imminente, potresti aumentare le tue posizioni per capitalizzare questi guadagni. Altri sostengono che cercare di cronometrare il mercato è una pessima idea. Invece, è meglio investire a lungo termine e prendere il duro con il liscio.

Come ci si potrebbe aspettare, i mercati rialzisti annunciano un momento in cui i prezzi aumentano continuamente per un periodo prolungato, aumentando di almeno il 20% dopo un calo del 20%. Noterai che c’è un rinnovato ottimismo tra gli investitori durante questi periodi, grazie a dati economici resilienti e spesso risultati finanziari da record delle migliori società. Il prodotto interno lordo sarà a livelli elevati mentre la disoccupazione rimarrà bassa.

Uno dei rischi quando si confrontano i mercati rialzisti e ribassisti è che spesso è difficile sapere quando iniziano e finiscono. Ci vogliono nervi d’acciaio per avere fiducia nelle proprie posizioni e resistere all’impulso di vendere. Nessun asset di prezzo (nemmeno bitcoin) sale in linea retta – e quindi ci si possono aspettare ritracciamenti (qui è dove i prezzi subiscono un modesto calo prima di continuare a salire) anche in un mercato rialzista. 

La leggenda suggerisce che i Bear market, ovvero mercati degli orsi, prendano il loro nome da come gli orsi scavano con le zampe verso il basso. Bull market invece dovrebbe indicare i tori mentre sollevano le corna in aria.

Mercati ribassisti vs mercati rialzisti: il ciclo

È impossibile prevedere cosa accadrà in futuro, come abbiamo visto durante la pandemia COVID-19. Questo è stato un evento senza precedenti che ha fatto deragliare brevemente i mercati. Tuttavia, i mercati azionari sono di natura ciclica e l’analisi storica ci consente di vedere i picchi e le depressioni che si sono formati negli ultimi decenni.

Gli esperti suggeriscono che ci sono quattro fasi nel ciclo di un mercato azionario. Tutto inizia con la fase di accumulo, quando i primi utenti e i trader esperti iniziano ad accumulare asset a valutazioni competitive. Questa può essere una cosa coraggiosa da fare, poiché spesso implica andare controcorrente, con molti venditori che scelgono di uscire dalle loro posizioni.

Successivamente, passiamo alla fase di mark up. Le storie dei media sullo stato attuale del mercato iniziano a diventare più favorevoli e la cosiddetta “maggioranza anticipata” inizia a farsi sentire. Dal punto di vista dell’analisi tecnica, è qui che iniziamo a vedere massimi e minimi sempre più alti.

Tutto ciò suscita la paura di perdere qualcosa tra gli investitori che non sono attualmente sul mercato, mentre altri potrebbero iniziare a sperimentare una sfumatura di avidità.

I campanelli d’allarme dovrebbero iniziare a formarsi quando emergono modelli di trading classici, come i doppi massimi in cui il prezzo di un asset non supera un livello importantissimo. Alcuni potrebbero negare che il mercato rialzista sia finito.

Ultimo ma non meno importante, abbiamo la fase di mark down, in cui i prezzi scendono in modo sostanziale. Se gli investitori non stanno attenti, c’è il rischio che possano finire per vendere con una perdita considerevole, specialmente se hanno acquistato più tardi nel ciclo. Tutto ciò ci riporta alla fase di accumulo e il ciclo ricomincia.

In generale, per coloro che adottano una visione a lungo termine dei mercati, l’attività ribassista e rialzista è solo un rumore che è meglio ignorare

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Chi sono le persone più ricche al mondo grazie alle criptovalute?

Chi sono le persone più ricche al mondo grazie alle criptovalute?

Chia Coin: cos’è e come funziona?

Chia Coin: cos’è e come funziona?