in

Polize più care per gli utenti di Facebook

Comincia davvero a diventare pericoloso diffondere i propri dati personali attraverso social network come Facebook o Twitter. Dal prossimo autunno, infatti, potrebbero diventare più salati i premi assicurativi per le case di questi utenti che favorirebbero, proprio tramite i social network ladri e topi d’appartamento nel loro “mestiere”.

In sostanza quando con una certa superficialità si scrivono dati personali sul web, a finire in linea sono anche tutte quelle informazioni che favoriscono i ladri, soprattutto quando si è fuori per il week-end o le vacanze.
A confermare questa “paura” i numerosi casi esplosi che hanno cominciato ad indispettire le compagnie assicuratrici britanniche, decise ad ingaggiare una battaglia contro gli assicurati troppo “chiacchieroni”.
In primis si potrebbe schierare la Legal & General, che per questo motivo potrebbe in futuro far pagare polizze piu’ care agli iscritti dei social network.

In particolare, in uno studio commissionato dal gruppo assicurativo – condotto dalla societa’ di ricerca europea Opinion Matters – emerge un dato allarmante: gli utenti di Facebook e Twitter non capiscono la gravita’ della situazione. Su 2.092 utenti intervistati, infatti, circa la meta’ non ritiene rischioso divulgare dettagli personali su Internet. Mentre circa quattro persone su 10, il 38% degli utenti, pubblicano invece i dettagli dei piani di vacanza e il 33% scrive se va via per il weekend.
Inoltre, per testare quanto la gente sia pronta ad accettare amici online, Legal & General ha inviato 100 richieste di amici a estranei scelti a caso. Di queste, il 13% sono state accettate su Facebook e il 92% su Twitter, senza alcun controllo.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
jumpstory download20200925 101051

Gioco d’azzardo:numeri da record

RC Auto: le assicurazioni accessorie