in

Previsioni azioni PayPal: grandi piani per il 2021- 2022

Le previsioni sulle azioni di PayPal continuano a essere buone. Con un primo trimestre stabile e nuovi prodotti in arrivo, la maggior parte degli analisti prevede una crescita

Le previsioni azionarie di PayPal per il 2021 indicano che assisteremo a una ripresa delle impennate dell’azienda come lo scorso anno. Nonostante il settore dell’e-commerce sia uno spazio in rapida evoluzione, e spesso spietato, il gigante dei pagamenti è riuscito a mantenere la sua leadership di mercato. Inoltre, come mostra il recente lancio del suo servizio di criptovaluta, PYPL non è un’azienda che sta ferma.

Il prezzo delle azioni PayPal non è stato così gravemente influenzato dalle vendite del coronavirus dello scorso marzo come lo sono state le altre azioni. La società aveva iniziato il 2020 a $ 108,76, scendendo del 25% ai minimi di 52 settimane a $ 82,07. Da allora, l’ondata di PYPL è stata a dir poco sbalorditiva. Al momento in cui scriviamo, il titolo viene scambiato a $ 247, in aumento di quasi il doppio rispetto al suo punto più basso di meno di un anno fa.

Quindi PayPal è un buon titolo da acquistare ora o è probabile che assisteremo a un pullback da questi massimi record? Ecco come sono le previsioni delle azioni PayPal per il resto del 2021. 

Previsioni azioni PayPal 2021: numeri promettenti

Durante il primo trimestre del 2021, PayPal aveva 392 milioni di conti attivi, un aumento di 14,5 milioni rispetto all’ultimo trimestre del 2020. Il COVID-19 ha accelerato il passaggio dai negozi fisici allo shopping online, con restrizioni che significavano più acquisti da casa. 

Uno dei motivi per cui le previsioni sulle azioni di PayPal sono state così allettanti risiede nel modo in cui questa azienda semplifica il completamento degli acquisti online, consentendo alle persone di concedersi un pó di sano shopping direttamente dal divano.

I ricavi netti totali di PayPal sono aumentati di uno sbalorditivo 29% su base annua, con un fatturato estremamente positivo di 6,03 miliardi di dollari. Anche se questo è leggermente in calo rispetto all’ultimo trimestre di $ 6,12 miliardi del 2020, questo potrebbe essere spiegato dalle persone che spendono di più durante il Natale. Le commissioni della piattaforma, che vengono addebitate ai commercianti ogni volta che viene elaborato un pagamento, si sommano sicuramente al totale.

La società ha anche dichiarato di essere pronta a sfruttare questo slancio e la previsione del prezzo delle azioni PayPal riflette come l’azienda abbia alcuni assi nella manica per contrastare la forte concorrenza di artisti del calibro di Apple Pay e Google Pay nei mesi a venire.

Ad esempio, la piattaforma ora consente agli utenti negli Stati Uniti di pagare gli acquisti con criptovalute, con il CEO Dan Schulman che afferma:

“Abbiamo ottenuto un’enorme quantità di risultati davvero fantastici in corso tatticamente con i nostri sforzi crittografici.”

La società è fiduciosa che il suo lavoro in corso negli Stati Uniti, dove le persone possono acquistare, vendere e detenere Bitcoin, Bitcoin Cash, Litecoin ed Ethereum con PayPal, si espanderà in altri mercati. 

Nel corso del 2020, l’azienda ha reagito rapidamente al COVID-19, consentendo ai commercianti di accettare pagamenti tramite codici QR poiché i rivenditori cercavano urgentemente modi per accettare pagamenti senza contatto. 

PayPal ha anche saltato sul carro del “compra ora, paga dopo” che consente agli acquirenti di dividere il costo degli articoli di grandi dimensioni in rate mensili, con Schulman che afferma di “non aver mai visto un lancio di un prodotto con quel tipo di scala così rapidamente”. Tuttavia, alcuni paesi in tutto il mondo, tra cui il Regno Unito, hanno cercato di reprimere i servizi “compra ora e paga dopo” temendo che possa far indebitare più consumatori.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Qual è la migliore criptovaluta da estrarre nel 2021?

Qual è la migliore criptovaluta da estrarre nel 2021?

Perché l’IPO di Deliveroo è andata così male?

Perché l’IPO di Deliveroo è andata così male?