in

Previsioni sul Prezzo del Platino nel 2024

Il Platino ha affrontato una profonda carenza di offerta nel 2023. Come influenzerà questo deficit di approvvigionamento il mercato nell’anno a venire?

Andamento del Platino nel 2023

Dopo aver registrato un surplus significativo di 776.000 once nel 2022, le dinamiche del mercato del Platino hanno iniziato a invertire il corso lo scorso anno, a causa di una forte domanda e di una diminuzione dell’offerta del metallo prezioso.

L’inizio del 2023 ha visto il World Platinum Investment Council (WPIC) prevedere che il Platino sarebbe scivolato in un deficit di circa 556.000 once per l’anno, basandosi sull’aumento della domanda dal settore automobilistico e sulle forti importazioni dalla Cina.

Il Platino è ampiamente utilizzato nei convertitori catalitici, che contengono uno o più dei metalli del gruppo del platino (PGM). Questi agiscono come catalizzatori per abbattere le emissioni nocive e separare l’azoto dall’ossigeno nelle molecole di ossido di azoto.

Il metallo è anche sempre più utilizzato nella produzione di idrogeno verde, prodotto da fonti rinnovabili anziché dai combustibili fossili. I PGM vengono utilizzati per creare membrane a scambio protonico come catalizzatori per separare idrogeno e ossigeno dalle molecole d’acqua. Le tecnologie dell’idrogeno hanno già più di US$570 miliardi di investimenti annunciati entro il 2030 e hanno il potenziale per aggiungere significativamente alla crescita della domanda di platino.

E ovviamente, il Platino gode di una considerevole domanda da parte degli investitori che cercano un rifugio sicuro.

Prospettive per il 2024

Secondo il World Platinum Investment Council (WPIC), il Platino dovrebbe mantenere un deficit di approvvigionamento anche nel 2024.

Nonostante la previsione di un deficit, il prezzo del Platino ha chiuso l’anno a US$987,25, significativamente inferiore al picco annuale di US$1.124,28 registrato il 21 aprile, in quanto le scorte esistenti sono entrate in gioco.

Conclusioni

Come l’industria automobilistica si adatta a normative sulle emissioni più stringenti, i convertitori catalitici richiedono carichi più elevati di PGM, il che significa che la domanda di Platino rimarrà alta per i prossimi anni.

Il metallo sta anche affrontando una domanda crescente specificamente per il suo utilizzo nella produzione di idrogeno verde, che è un settore emergente destinato a diventare una parte importante della transizione energetica, in particolare oltre il 2035.

Tuttavia, con le scorte esistenti ancora in gioco, gli investitori potrebbero dover attendere per vedere il movimento del prezzo del Platino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzi del Nichel nel 2024

Revisione della Fine dell’Anno 2023 sul Mercato dei Psichedelici