in

Tassazione criptovaluta in Cile: come funziona

I. Introduzione 

Secondo la Banca centrale del Cile, le valute virtuali non hanno uno specifico riconoscimento legale nel paese e il commercio e le transazioni che coinvolgono la criptovaluta non sono soggette alla regolamentazione o alla supervisione dell’autorità monetaria. 

Una bozza di legge Fintech che, tra le altre cose, regolerebbe le risorse digitali e la criptovaluta, è stata presentata al Ministero delle Finanze l’11 novembre 2020 e dovrebbe essere presentata alla legislatura quest’anno.  

II. Trattamento fiscale dell’estrazione di criptovalute

L’Internal Revenue Service (SII) ha emesso una sentenza sul fatto che le criptovalute siano soggette all’imposta sul valore aggiunto (IVA) e all’imposta sul reddito.  Secondo la sentenza, Bitcoin e altre criptovalute sono considerati beni digitali o virtuali e, poiché non hanno “corporeità”, la loro vendita non è soggetta a IVA.   Il  reddito derivante dall’acquisto e dalla vendita di criptovalute è, tuttavia, soggetto all’imposta sul reddito. 

Non esiste una regolamentazione sull’estrazione di criptovalute in Cile.

Il progetto di legge Fintech include una sezione sulle risorse minerarie e digitali.

Sebbene l’estrazione mineraria non sia vietata, sembra non esserci molto interesse in Cile, principalmente a causa dell’alto costo dell’elettricità che richiede. 

Nessun riferimento alla regolamentazione o tassazione dello staking in Cile è stato trovata.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Previsione dei prezzi di Hard Protocol 2021-2025: dovresti investire?

Previsione dei prezzi di Hard Protocol 2021-2025: dovresti investire?

Tassazione criptovaluta in Canada: come funziona

Tassazione criptovaluta in Canada: come funziona