in

Tassazione criptovaluta in Finlandia: come funziona

La Finlandia non riconosce le criptovalute come strumento finanziario o valuta, ma riconosce il loro uso come “mezzo di scambio”. Le  società che forniscono accesso alle criptovalute sono disciplinate separatamente in una legge speciale sui fornitori di valuta virtuale. La legge sui fornitori di valuta virtuale definisce la valuta virtuale nel modo seguente:

Ai fini della presente legge

1)  valuta virtuale  un valore in forma digitale

(a) che non sia stato emesso da una banca centrale o da altra autorità e che non abbia corso legale;

(b) che una persona può utilizzare come strumento di pagamento

(c) che possono essere trasmessi, archiviati e scambiati elettronicamente[.]  [3] 

Tuttavia, la legge sui fornitori di valuta virtuale non affronta la tassazione del reddito relativa alle criptovalute, che è disciplinata dalla legge sull’imposta sul reddito. In particolare, le criptovalute sono soggette a diverse disposizioni sull’imposta sul reddito, tra cui 32 § (sulle plusvalenze), 45 § 1 par. (sul guadagno di trasferimento), e 46 § 1 par. (sul calcolo del guadagno di trasferimento).  Poiché le criptovalute non sono riconosciute come valute monetarie legali, le criptovalute non sono coperte dall’esenzione dall’obbligo fiscale per guadagni valutari inferiori a € 500 (circa US $ 610).

 Secondo quanto riferito, nel 2017 i Bitcoin hanno generato milioni di entrate fiscali per lo Stato finlandese. 

B. Sistema fiscale finlandese

La Finlandia tassa il reddito individuale derivante da lavoro dipendente, lavoro autonomo, attività commerciale e hobby. La distinzione tra hobby e attività commerciale si basa sulla dimensione dell’attività e sullo scopo, ovvero se l’obiettivo principale è il profitto. Inoltre, la Finlandia tassa anche i redditi derivanti dalle plusvalenze.

 La  Finlandia non tassa i redditi ricevuti in regalo.  I  contribuenti sono tassati a due livelli, locale e nazionale.  Mentre gli individui pagano sia l’imposta locale che quella statale sul reddito derivante dall’attività lavorativa, l’imposta sul reddito da plusvalenze viene versata solo allo Stato finlandese.  Le plusvalenze sono tassate al 30%.  

II. Trattamento fiscale dei premi di blocco

A. Panoramica sulla tassazione delle criptovalute estratte

La Finlandia tassa le criptovalute sia in fase di acquisizione che in fase di realizzazione. È stato descritto come il “super potere delle criptovalute”.

 In una sentenza del marzo 2019, la Corte suprema amministrativa finlandese ha dichiarato che una vendita della criptovaluta Ether che era stata acquistata con l’obiettivo di realizzare un profitto non era tassabile come plusvalenza ma come reddito da un trasferimento di proprietà.  La Corte suprema amministrativa ha inoltre stabilito che i costi associati all’estrazione di criptovalute sono deducibili in relazione al reddito derivante dall’attività mineraria. Ad esempio, l’estrazione mineraria richiede generalmente molta elettricità e quindi il costo dell’elettricità per l’estrazione è deducibile, così come i costi per i computer e altre attrezzature necessarie nell’estrazione. 

L’autorità fiscale finlandese ha emanato linee guida specifiche per la tassazione delle valute virtuali.   Le linee guida sono state aggiornate di recente il 22 gennaio 2020 e si applicano all’anno d’imposta 2020. Nelle linee guida, l’autorità fiscale finlandese distingue le criptovalute in base al loro utilizzo e al loro metodo di acquisizione. Ad esempio, le criptovalute estratte sono tassate come reddito derivato da un hobby, a meno che l’estrazione non venga effettuata a scopo di lucro su larga scala, quando può essere trattata come un’attività commerciale. L’Agenzia delle Entrate ha inoltre emanato linee guida che ricordano ai contribuenti di specificare nella dichiarazione dei redditi il ​​reddito ricevuto dalle valute virtuali.  In conformità con le linee guida dell’autorità fiscale, le criptovalute estratte devono essere incluse come reddito nell’anno fiscale in corso e “sostanziate da protocolli di ‘prova di lavoro'”.  

B. Trattamento fiscale delle criptovalute in stake

Le criptovalute puntate sono criptovalute ottenute come risultato della lotta contro l’estrazione di altre criptovalute da parte di altri. In genere, il miner protegge il valore delle valute già detenute e guadagna anche ulteriori criptovalute.  L’autorità fiscale finlandese ha descritto l’attività nel modo seguente nelle sue linee guida sulla tassazione delle valute virtuali: “Dal punto di vista della tassazione, si tratta di un guadagno diretto su un bene precedentemente detenuto e, di conseguenza, è considerato un plusvalenza.”

 Secondo la guida,

[l]e momento in cui il reddito viene realizzato ai fini della tassazione è quando il minatore entra in possesso delle nuove unità di valuta virtuale. Il reddito è valutato al valore di mercato della valuta virtuale in quel momento. L’importo del reddito ricevuto è anche il costo di acquisizione lordo per la valuta virtuale appena acquisita. Il costo di acquisizione della vecchia valuta virtuale del minatore rimane invariato. Lo stesso principio può essere applicato anche ad altre situazioni in cui il reddito di un contribuente si basa esclusivamente su un guadagno su valuta virtuale precedentemente posseduta. 

C. Trattamento fiscale dei token ricevuti tramite “Hard Fork”, “Airdrop” o come regali

1. Hard Fork

L’autorità fiscale finlandese descrive la creazione di nuove valute virtuali tramite hard fork come segue:

A volte le blockchain delle valute virtuali sono diventate biforcute. In queste circostanze, a qualsiasi proprietario della valuta virtuale originale viene data una nuova valuta virtuale che ha una denominazione diversa, che corrisponde alla loro detenzione originale o a una percentuale di essa, gratuitamente, senza perdere la loro valuta virtuale originale e senza aver cambiato o diviso il valore della valuta virtuale originale. Tale operazione non comporta una distribuzione di attività effettive o posizioni esistenti in valuta virtuale tra varie altre valute virtuali. Invece, questo è un processo che genera un’aggiunta alla valuta virtuale esistente del proprietario.

Dal punto di vista della tassazione, il costo di acquisizione della valuta virtuale originale rimane invariato e il costo di acquisizione della nuova valuta è di € 0,00. In situazioni come le precedenti, se il contribuente utilizza o esercita la sua nuova posizione (quando le imposte sono valutate come previsto dalla legge sull’imposta sul reddito, ovvero il contribuente è una persona fisica o un patrimonio di una persona deceduta), il calcolo dell’imposta deve essere basato su un presunto costo di acquisizione della posizione.  

Pertanto, le criptovalute create tramite hard fork sono tassate al momento del trasferimento, utilizzando un costo di acquisizione pari a zero. Una criptovaluta biforcuta non è quindi tassata al momento dell’acquisizione, a differenza della tassazione del mining discussa sopra nella Parte II.A.

2. “Airdrop”

L’autorità fiscale finlandese non ha emesso una guida specifica sul trattamento fiscale dei token ricevuti tramite airdrop. Il trattamento degli airdrop a fini fiscali dipenderà dal fatto che vengano trattati come criptovalute estratte, criptovalute puntate, criptovalute forkate o come regalo. L’autorità fiscale finlandese specifica che il principio che si applica alle criptovalute in stake, discusso sopra nella Parte II.B., può applicarsi anche in altri casi quando “il reddito si basa esclusivamente su un guadagno su valuta virtuale precedentemente posseduta”.  Pertanto, un airdrop offerto solo agli attuali detentori di una valuta potrebbe essere considerato un guadagno su proprietà precedentemente detenute e trattato come valuta in palio tassabile come plusvalenza. 

3. Regali

L’autorità fiscale finlandese riconosce che le criptovalute possono essere trasferite come regalo. La  Finlandia non tassa i regali o le vincite della lotteria (a condizione che le vincite provengano da una lotteria finlandese o dello Spazio economico europeo e non richiedano alcun intervento da parte del vincitore).   Ai fini dei trasferimenti di criptovalute entro un anno dal ricevimento della donazione, il valore della criptovaluta al momento della ricezione della donazione sarà determinato dal valore nel momento in cui il donatore ha acquistato la risorsa.  Ad esempio, se la persona A ha acquisito il bene quando valeva 10 dollari e lo ha dato alla persona B quando valeva 20 dollari che entro un anno lo vende per 15 dollari, la persona B è tenuta a pagare le tasse su un profitto.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Evgeny Chichvarkin : biografia, famiglia, salario e patrimonio

Evgeny Chichvarkin : biografia, famiglia, salario e patrimonio

I migliori ETF sulle energie alternative

I migliori ETF sulle energie alternative