in

Tassazione criptovaluta in India: come funziona

Il governo indiano ha dichiarato all’inizio del 2018 che le criptovalute come Bitcoin non hanno corso legale in India. Sebbene il governo non abbia emanato un quadro normativo per le criptovalute,  un disegno di legge intitolato “Divieto di criptovaluta e regolamento della legge sulle valute digitali ufficiali, 2019”,  è stato redatto da un comitato governativo interministeriale ed è in attesa di esame da parte di tutti i dipartimenti interessati e delle autorità di regolamentazione prima che venga introdotto in Parlamento.

Il disegno di legge mira a “proibire l’estrazione, la detenzione, la vendita, il commercio, l’emissione, lo smaltimento o l’uso di criptovalute nel paese”. 

La Reserve Bank of India (RBI) ha emesso una serie di notifiche consigliando cautela sull’uso delle criptovalute.  RBI ha avvertito “utenti, detentori e commercianti del rischio di queste valute e ha chiarito che non ha concesso alcuna licenza o autorizzazione a qualsiasi entità o società per gestire tali schemi o accordi”.

 

Il 6 aprile 2018, la RBI ha emesso una notifica che vietava a banche, istituti di credito e altri istituti finanziari regolamentati di “trattare con valute virtuali”, che stabiliva che “[i]n vista dei rischi associati, è stato deciso che, con con effetto immediato, le entità regolamentate dalla Reserve Bank non devono negoziare VC o fornire servizi per agevolare qualsiasi persona o entità nel trattare o liquidare VC. Tali servizi includono il mantenimento di conti, la registrazione, il trading, la liquidazione, la compensazione, la concessione di prestiti contro token virtuali, l’accettazione di questi come garanzia, l’apertura di conti di scambi che li trattano e il trasferimento/ricezione di denaro in conti relativi all’acquisto/vendita di VC.

Inoltre, la RBI ha affermato che “i soggetti [r]regolati che già forniscono tali servizi devono uscire dal rapporto entro tre mesi dalla data della presente circolare”. Tuttavia, la Corte Suprema dell’India ha annullato la circolare della RBI del 2018 che vietava alle banche di trattare con gli scambi di criptovaluta. La Corte ha rilevato che un divieto generale “era sproporzionato e che le valute virtuali non avevano causato danni visibili alle banche regolamentate dalla RBI”.

 

II. Trattamento fiscale

A. Trattamento generale

Il “prelievo, amministrazione, riscossione e recupero” dell’imposta sul reddito dell’India è disciplinato dall’Income Tax Act, 1961.  [12] L’Income Tax Department è un’agenzia governativa guidata dal Central Board of Direct Taxes e fa parte del Department of Revenue del Ministero delle Finanze, responsabile della riscossione delle imposte dirette. Le autorità fiscali non sembrano aver emesso alcuna guida chiara sulla tassazione delle criptovalute e delle attività legate al mining. Nonostante questa mancanza di chiarezza sulla legalità e sul trattamento fiscale delle criptovalute, sembra che le criptovalute siano tassabili. Secondo un esperto fiscale citato in una pubblicazione del settore, “[t] le leggi sull’accisa in India sono applicabili indipendentemente dallo status giuridico del reddito” e “[anche] se venisse introdotto un divieto, le tasse continuerebbero ad applicarsi al reddito crittografico e non impedirebbe” alle autorità fiscali di “inseguire reddito non contabilizzato o non tassato guadagnato dalla negoziazione di asset crittografici”.  L’Ufficio del vicedirettore dell’imposta sul reddito del Ministero delle finanze indiano, una divisione investigativa del dipartimento dell’imposta sul reddito, “secondo quanto riferito ha inviato lettere agli indiani chiedendo una lunga lista di domande riguardanti i loro rapporti con le criptovalute”, e l’esperto ha osservato che tale gli avvisi vengono emessi quando le autorità fiscali hanno “ragione di ritenere che una persona abbia nascosto o possa nascondere un determinato reddito”. 

In merito al trattamento fiscale, secondo un articolo di una pubblicazione legale online indiana, “bisogna analizzare la natura e il modo in cui la criptovaluta è detenuta dall’assessore. Se è detenuto come investimento, lo stesso può essere considerato un bene di capitale soggetto all’imposta sulle plusvalenze una volta venduto. Tuttavia, se la criptovaluta è detenuta come stock-in-trade nel normale svolgimento delle attività, qualsiasi reddito sarà considerato reddito d’impresa soggetto a tassazione sotto la voce profitti e guadagni da attività o professione. Il periodo di detenzione per la classificazione come attività di capitale a lungo termine o a breve termine può essere di 12 mesi.

Non è stata trovata alcuna guida fiscale ufficiale su attività come mining, staking, airdrop e fork.

Alcuni esperti trattano la criptovaluta acquisita attraverso l’estrazione mineraria come un’attività di capitale auto-acquisita considerata tassabile come una “plusvalenza” ai sensi della Sezione 45 della legge sull’imposta sul reddito. Secondo una società di contabilità in India, “[i] reddito guadagnato facendo trading di criptovaluta non è considerato un reddito normale. È invece trattata come una plusvalenza. In genere, le plusvalenze si applicano ai profitti ottenuti dalla vendita di un bene mobile o immobile”.  Le risorse di criptovaluta create dall’attività mineraria sono “attività di capitale autogenerate. La successiva vendita di tali bitcoin, nel corso ordinario, darebbe luogo a plusvalenze”.  

Tuttavia, per determinare il “costo di acquisizione” (COA) per i beni autogenerati, occorre fare riferimento alla sezione 55 della legge, che non include le criptovalute nel suo ambito, quindi il COA non è determinabile e, pertanto, non sorge alcuna imposta sulle plusvalenze. Secondo una società di commercialisti con sede in India:

Tuttavia, si può notare che il costo di acquisizione di un bitcoin non può essere determinato in quanto si tratta di un bene autogenerato. Inoltre, non rientra nelle disposizioni della Sezione 55 dell’Income-tax Act, 1961, che definisce specificamente il costo di acquisizione di alcuni beni autogenerati.

Pertanto, il meccanismo di calcolo delle plusvalenze fallisce a seguito della decisione della Corte Suprema nel caso BCSrinivasa Shetty. Quindi, nessuna imposta sulle plusvalenze sorgerebbe sull’estrazione di bitcoin.

Questa posizione durerebbe fino a quando il governo non pensa di proporre un emendamento alla Sezione 55 della legge. In questo frangente, visto che le leggi fiscali indiane tacciono completamente sulla tassabilità dei bitcoin, abbiamo ritenuto giusto commentare una probabile opinione contraria da parte delle autorità fiscali. Esiste la possibilità che il dipartimento non consideri affatto i bitcoin come beni capitali. Pertanto, le disposizioni sulle plusvalenze non si applicherebbero affatto. Di conseguenza, le autorità fiscali sul reddito possono scegliere di tassare il valore dei bitcoin ricevuti dall’attività mineraria sotto il titolo “Reddito da altre fonti [  [Enfasi nell’originale.] 

Secondo un articolo di una rivista di diritto, “è difficile dire che tali guadagni sarebbero esenti da imposta a lungo” e “si può fare riferimento all’ufficiale di valutazione ai sensi del § 55A della legge per accertare il valore equo di mercato al momento della creazione di criptovalute e ciò costituirebbe il COA del capitale fisso.”  Nel 2018, il governo indiano ha preso in considerazione l’imposizione di un’imposta su beni e servizi (GST) sul commercio di criptovalute, che includerebbe il trattamento del mining “come una fornitura di servizi poiché genera criptovaluta e comporta ricompense e commissioni di transazione” e richiedendo che “[t ]ax dovrebbe essere riscossa dal minatore sulle commissioni di transazione o sulla ricompensa, e se il valore della ricompensa supera i 20 lakh di Rs [circa 0,27 dollari USA], i singoli minatori dovranno registrarsi sotto GST.  Alla fine di dicembre 2020, il Central Economic Intelligence Bureau, che funge da braccio di riflessione del Ministero delle finanze, ha condotto uno studio e presentato una proposta per imporre una GST del 18% sulle transazioni bitcoin.  

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Prelievo di contanti ATM Bitcoin

Prelievo di contanti ATM Bitcoin

Posso prelevare contanti da Coinbase immediatamente?

Posso prelevare contanti da Coinbase immediatamente?