in

Tassazione criptovaluta in Jersey: come funziona

Jersey ha introdotto una legislazione che regola gli scambi di criptovalute con un fatturato annuo di £ 150.000 (circa US $ 210.000) o più. Questi scambi sono supervisionati dalla Jersey Financial Services Commission e devono essere conformi alle leggi antiriciclaggio e contro il finanziamento del terrorismo, compresi i requisiti di conoscenza del cliente. Non esiste una legislazione o regole fiscali che si applichino specificamente ai criptoasset, ma per aiutare a fare chiarezza, sono state emesse linee guida sul loro trattamento fiscale nell’ambito del quadro legislativo esistente.

I. Introduzione

Il governo di Jersey ha scelto di non introdurre “un pieno regime prudenziale e di condotta degli affari” per i criptoasset, poiché ha ritenuto che fosse troppo presto per regolamentarli, dato che sono nelle prime fasi di sviluppo e ciò potrebbe limitare lo sviluppo e innovazione.   Invece, ha seguito le raccomandazioni di un documento di consultazione del 2015 per regolamentare le criptovalute solo nella misura necessaria per garantire il rispetto delle leggi antiriciclaggio e per contrastare il finanziamento del terrorismo.

 Le leggi antiriciclaggio e contro il finanziamento del terrorismo (AML/CFT) del Jersey sono state estese alle criptovalute, con le modifiche che sono entrate in vigore il 26 settembre 2016.   La “valuta virtuale” è definita nel Proceeds of Crime Act come una valuta piuttosto che una merce, consentendo così di rientrare nel quadro normativo preesistente ed essere regolata dalla Jersey Financial Services Commission (JFSC).  
Anche le valute virtuali sono state introdotte nell’ambito del Money Laundering (Jersey) Order 2008,   che richiede alle persone che gestiscono un'”attività di servizi monetari” di registrarsi presso il JFSC  e di conformarsi alle leggi AML/CFT della giurisdizione se hanno un fatturato annuo superiore a £ 150.000 (circa US $ 210.000).

Tali leggi impongono a tali imprese di adottare politiche e procedure per prevenire e individuare il riciclaggio di denaro e il finanziamento del terrorismo, nominare un responsabile della conformità e un responsabile delle segnalazioni in materia di riciclaggio di denaro e garantire che siano attuate misure di tenuta dei registri e di adeguata verifica della clientela, come misure di conoscenza del cliente, prima di entrare in un rapporto d’affari con una persona, o prima di condurre un “una tantum” per tutte le transazioni superiori a € 1.000 (circa US $ 1.220). 

II. Tassazione

Non sembrano esserci disposizioni legislative o regole specifiche che si applichino esclusivamente alla tassazione dei criptoasset. Per aiutare a fare chiarezza, il governo di Jersey ha emesso una guida sul trattamento fiscale dei criptoasset nell’ambito del quadro legislativo esistente, in particolare per quanto riguarda l’estrazione di criptoasset, lo scambio di criptoasset con valute convenzionali e l’uso di criptoasset per pagare le merci e servizi.    

Le transazioni occasionali che comportano lo scambio di criptovalute con conseguente guadagno o perdita non sono generalmente tassabili. Lo scambio di criptovalute da e verso valute convenzionali o altre criptovalute da parte di imprese o entità è soggetto all’imposta sul reddito se l’attività è considerata negoziazione o se le caratteristiche della negoziazione sono soddisfatte. Le  aziende che utilizzano criptovalute nelle transazioni commerciali sono tassabili ai sensi delle norme sull’imposta sul reddito e devono convertire qualsiasi transazione nella valuta locale (sterlina). Nei casi in cui beni e servizi vengono pagati in criptovalute, la transazione deve essere convertita nella valuta locale per applicare l’importo corretto dell’imposta sui beni e sui servizi (GST).  

A. Estrazione

Il governo afferma che il reddito generato dall’estrazione di criptovalute su scala ridotta o irregolare non deve generalmente essere considerato un’attività di trading e che l’attività mineraria da sola non rende una persona soggetta all’imposta sul reddito. Anche i  costi associati all’estrazione mineraria non sono generalmente deducibili come spesa. Mining accompagnato da “negoziazione di criptovalute su una scala sufficientemente commerciale da poter essere considerata come negoziazione in applicazione dei principi dei ‘Badges of Trade” può costituire un’eccezione a questa regola generale. Le entità registrate per GST e che ricevono entrate dal mining di criptovalute sono generalmente considerate al di fuori dell’ambito di GST, poiché il governo di Jersey non considera che questa non sia un’attività “nel corso o nel proseguimento degli affari”. 

Non sembra esserci alcuna legislazione o politica fiscale nel Jersey che si applichi specificamente a fork, airdrop, staking o falsificazione per la prova della puntata.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Recensione del portafoglio Bitcoin GreenAddress: cos’è, come funziona, è affidabile?

Recensione del portafoglio Bitcoin GreenAddress: cos’è, come funziona, è affidabile?

James Ryan: biografia, famiglia, salario e patrimonio

James Ryan: biografia, famiglia, salario e patrimonio