in

Tassazione criptovalute in Spagna: come funziona

Attualmente non esiste una legislazione completa in Spagna sulle criptovalute. 

L a Comisión Nacional de Valores (Commissione nazionale per i valori mobiliari) e il Banco de Espana (Banca di Spagna) hanno rilasciato una dichiarazione congiunta sull’uso delle criptovalute in cui si afferma che non esiste alcuna criptovaluta emessa, registrata, autorizzata o verificata da alcuna agenzia di regolamentazione in Spagna, e le criptovalute non sono assistite da alcuna delle garanzie o salvaguardie previste dalle normative sui prodotti bancari o di investimento.

 

I profitti derivanti da transazioni con criptovalute sono tassabili ai sensi della Legge sull’imposta sul reddito delle persone fisiche. Tuttavia, la Dirección General de Tributos, l’agenzia di politica fiscale all’interno del Ministero dell’Economia, ha stabilito che tali operazioni sono esenti dall’imposta sul valore aggiunto.  

II. Trattamento fiscale dell’estrazione di criptovalute

L’estrazione di criptovalute in Spagna non è popolare perché l’alto costo dell’elettricità necessaria lo rende non redditizio su piccola scala.

Non sono molti i casi noti di aziende minerarie attive in Spagna.

Il reddito ottenuto dall’attività mineraria è considerato reddito d’impresa e l’aliquota fiscale applicabile potrebbe arrivare fino al 48% per le persone fisiche, a seconda della regione autonoma in cui risiedono. L’aliquota dell’imposta sul reddito delle società è del 25%, mentre l’aliquota dell’imposta sul reddito dei non residenti è del 19% per le persone dell’Unione Europea e dello Spazio economico europeo e del 24% per gli altri non residenti.

 

L’Agencia Tributaria (AT), l’autorità per la riscossione e l’applicazione delle imposte all’interno del Ministero dell’Economia, ha emesso una delibera vincolante nel 2016 affermando che l’attività mineraria non è soggetta ad imposta sul valore aggiunto, poiché il servizio reso non ha alcun rapporto con nessun singolo utente della blockchain . Ha inoltre stabilito che, poiché l’attività mineraria non è soggetta ad IVA, la società mineraria non può detrarre l’IVA a monte che ha pagato.

Ha inoltre stabilito che l’estrazione mineraria è un’attività economica soggetta all’imposta sulle attività economiche, che i relativi profitti sono soggetti all’imposta sul reddito e che le spese associate possono essere detratte. 

La tassazione dello staking non è stata specificamente regolamentata. Pertanto, secondo i professionisti fiscali, lo staking dovrebbe essere valutato in relazione a servizi simili il cui trattamento fiscale è già stato chiaramente definito dall’autorità fiscale. 

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Il prezzo di Shiba INU aumenta: il nuovo obiettivo di $ 0,01

Il prezzo di Shiba INU aumenta: il nuovo obiettivo di $ 0,01

Come comprare Bitcoin in Arizona

Come comprare Bitcoin in Arizona