in

Un “frazionamento azionario” andrebbe a beneficio di BTC o di ETH

Il frazionamento azionario è uno strumento che le aziende utilizzano per aumentare il numero totale di azioni di una società. Ciò aumenta la liquidità del titolo aumentandone la disponibilità. I frazionamenti azionari non cambiano fondamentalmente la valutazione di un titolo. La capitalizzazione di mercato rimane la stessa, ma il prezzo di ogni azione rifletterà la variazione del volume.

Ad esempio, se si verificasse un frazionamento azionario e il numero di azioni raddoppiasse, il prezzo di ciascun titolo sarebbe la metà poiché c’è il doppio del numero di azioni che riflettono la stessa valutazione. Le azioni sono distribuite agli azionisti in base al numero di azioni che attualmente detengono nel rapporto del frazionamento azionario.

I frazionamenti azionari si verificano principalmente per aumentare la liquidità delle azioni e renderle più convenienti senza perdere valore.

In genere segnalano che una società è sana, poiché la sua valutazione è solitamente elevata prima della scissione.

Inoltre, introducendo un frazionamento azionario, le società rendono le loro azioni più appetibili per gli investitori. Gli investitori sono generalmente più disposti a investire in 100 titoli con una valutazione di $ 10 rispetto a 1 azione con una valutazione di $ 1.000.

Ora che le nostre basi sulla divisione azionaria sono coperte, esploriamo come sarebbe un frazionamento azionario nel caso di bitcoin.

Come sarebbe un frazionamento azionario per BTC

Ci sono due scenari da esplorare per bitcoin. Il primo è se bitcoin dovesse cambiare il suo numero totale di monete. Il secondo scenario è se il numero di unità in un singolo bitcoin è cambiato. Esploriamo ogni scenario in dettaglio.

Non più di 21 milioni di Bitcoin

Uno dei pilastri fondamentali su cui si fonda Bitcoin è il principio della scarsità assoluta. Se il numero di bitcoin esistenti dovesse mai cambiare, sarebbe devastante per la proposta di valutazione del BTC – che la sua offerta in modo affidabile non cambi mai.

La convinzione nel valore di Bitcoin nasce dalla lettura che ha una fornitura fissa di 21 milioni. Questo è codificato in ogni minatore e nodo che gestisce la blockchain bitcoin. Pertanto, il concetto di frazionamento azionario, in teoria, non cambierebbe la capitalizzazione di mercato di Bitcoin, ma così facendo, minerebbe proprio ciò che crediamo dia a Bitcoin il suo valore.

Ma un vero frazionamento azionario non cambia realmente il valore dell’attività sottostante, divide solo l’attività in più unità. Ecco perché il secondo scenario sembra più plausibile:

Più unità in un Bitcoin

Un buon caso può essere fatto per dividere bitcoin in più di 100 milioni di unità. In questo caso, invece di 100 milioni di unità, ogni bitcoin potrebbe essere diviso in un miliardo di unità (aumento di 10x) o un trilione di unità (un aumento di 10.000 volte in unità). Non cambia nulla sul prezzo di 1 BTC, ma c’è una differenza percettiva nel numero di unità che qualcuno possiede.

In tandem con il consentire una maggiore divisibilità in bitcoin, potrebbero essere introdotti altri fattori per rendere bitcoin un investimento più attraente. Ad esempio, invece di avere BTC (~ $ 16k ciascuno) come unità di base per l’acquisto sulle piattaforme, gli scambi potrebbero decidere di vendere satoshi (~ $ 0,00016 ciascuno).

Quest’ultimo dà l’impressione che qualcuno stia ottenendo molto più bang per il loro dollaro, anche se non c’è differenza in ciò che stanno acquistando. L’industria non ha bisogno di guardare oltre la distorsione unitaria mostrata nell’ascesa monolitica di Shiba Inu (SHIB). Potrebbe essere nel migliore interesse dei sostenitori di bitcoin sostenere questo cambiamento per schiacciare il pregiudizio unitario sperimentato dai nuovi arrivati al bitcoin..

È importante notare che questo non cambierebbe nulla sui fondamenti di Bitcoin e lo farebbe solo apparire più economico agli utenti non iniziati.

Come sarebbe un frazionamento azionario per ETH?

Rispetto a BTC, ETH è molto più malleabile. Non ha un’offerta fissa a cui è legato o da cui guadagna valore. Mentre la valutazione di ETH è determinata dalla sua capitalizzazione di mercato e dalla quantità di ETH in circolazione, ha la capacità di introdurre nuove monete e bruciare quelle esistenti. Ciò offre a ETH una fornitura illimitata e un modo per ridurla quando desiderato per abbinare la crescita e mantenere un prezzo stabile sulle sue tariffe del gas.

L’Ethereum London Hard Fork nell’agosto 2021 si è effettivamente impegnato in quello che viene definito un raggruppamento azionario inverso. Questo è l’opposto di ciò che accade in un frazionamento azionario. Invece di introdurre nuove monete o azioni nell’offerta, vengono tolte dalla circolazione. Inoltre, l’Hard Fork di Londra ha introdotto l’EIP-1559 che ha riformato il mercato delle commissioni di transazione e il modo in cui sono stati gestiti i rimborsi del gas.

Tasse elevate per il gas ETH

L’introduzione di una suddivisione azionaria in ETH potrebbe creare una nuova dinamica e aumentare sostanzialmente la sua utilità. Le tariffe sul gas sono state un problema persistente per ETH nel corso della sua storia e ciò che ha contribuito a portare a una transizione verso un meccanismo di consenso proof-of-stake.

Più persone utilizzano la rete Ethereum e cercano di inviare transazioni, maggiori saranno le commissioni. Più blockchain L2 e dApp vengono sviluppate sulla blockchain di Ethereum, maggiore è il volume di transazioni che dovranno essere elaborate. La fusione con proof-of-stake non conteneva nulla per affrontare direttamente le elevate tariffe del gas.

Un frazionamento azionario e l’introduzione di più monete nel sistema non influiranno sul volume delle transazioni, ma potrebbero aiutare a ridurre le commissioni sul gas riducendo il prezzo complessivo di ciascun ETH. Se ciò avrà successo, i frazionamenti azionari su ETH potrebbero essere uno strumento efficace. Allo stesso modo, se il volume delle transazioni diminuisse o il prezzo dell’ETH diventasse troppo basso, potrebbe essere attuato un raggruppamento azionario inverso.

Naturalmente la distorsione unitaria è meno un problema su ETH perché è molto più economica di BTC su base unitaria.

Prendere spunto dalla finanza tradizionale

Il concetto di introdurre un frazionamento azionario nelle criptovalute dimostra quanto sia diverso ogni singolo progetto l’uno dall’altro. Ad esempio, in un progetto, potrebbe aiutare ad adattarsi alla stabilità a lungo termine di una crittografia, come ETH, aumentando la liquidità del progetto. Considerando che, in un altro progetto come BTC, se mai dovesse verificarsi un frazionamento azionario, quasi certamente collasserebbe il progetto stesso.

Ci sono più aspetti da prendere in considerazione, e solo perché un frazionamento azionario può essere giusto per un progetto, solleva domande su chi è in ultima analisi responsabile della sua attuazione, chi ne guadagna di più e se potrebbe essere abusato.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
pexels alexander zvir 12657527

3 cose che le persone sbagliano sull’auto-custodia

pexels fauxels 3184292

La migliore strategia per investire in Bitcoin