in ,

Visti e permessi di lavoro in Giappone: come funziona

La guida ai tipi di visto e ai requisiti per il permesso di lavoro

Sia che tu stia cercando un permesso di soggiorno temporaneo o permanente, ci sono molti diversi tipi di visto giapponese tra cui scegliere per gli espatriati. Questi sono in gran parte tutti basati sul lavoro e il tipo di lavoro che fai determinerà la categoria di visto per cui richiederai (ad esempio, artista, ingegnere, ricercatore, ecc.). In totale, il Giappone ha quasi 30 diversi visti di permesso di lavoro, compresi quelli per lavoratori altamente qualificati e visti per lavoro autonomo.

Se vieni nel Paese del Sol Levante per qualcosa di diverso dal turismo, uno dei requisiti principali per richiedere un visto per il Giappone è il Certificato di idoneità (COE). Questo certificato è il primo passo nel processo di richiesta e visto per il Giappone perché afferma che il richiedente è legalmente in grado di venire in Giappone, sia che si tratti di lavoro, famiglia o altro motivo qualificante. Dovrai richiedere e ricevere questo certificato prima di arrivare in Giappone. Allo stesso modo, nonostante ciò che potresti aspettarti, inizierai il processo di richiesta della tua carta di soggiorno giapponese (“carta verde”) in aeroporto quando arrivi per la prima volta nel paese dell’isola.

Il costo dei visti giapponesi rimane relativamente lo stesso, indipendentemente dal tipo di visto che stai richiedendo. Il prezzo cambia solo se si preferisce un visto a ingresso singolo o multiplo. Allo stesso modo, i requisiti per il visto per il Giappone richiedono in gran parte un diploma universitario e un COE, ma a seconda del tipo di lavoro che svolgerai potresti dover presentare un portfolio di lavoro o altro materiale di supporto.

Coloro che sono interessati alla residenza permanente dovranno esaminare il sistema di punti di immigrazione del Giappone. Questo sistema valuta i candidati in base ai risultati accademici, all’esperienza lavorativa e ad altri fattori qualificanti. Gli espatriati che ottengono un punteggio elevato hanno maggiori possibilità di qualificarsi per la residenza permanente entro uno o cinque anni.

Permessi di lavoro e visti basati sull’occupazione

Il tipo di permesso di lavoro o visto di lavoro di cui hai bisogno in Giappone dipenderà dal tipo di lavoro che svolgi. Il Giappone ha quasi 30 diversi visti di lavoro e a lungo termine per espatriati da richiedere in base al loro lavoro e al motivo per cui si trasferiscono in Giappone.

Tipi di visti di lavoro che puoi richiedere

  • Artista
  • Direttore aziendale
  • Ingegnere/specialista in discipline umanistiche/servizi internazionali
  • Intrattenitore
  • Istruttore
  • Cessionario intrasocietario
  • Giornalista
  • Servizi legali/contabili
  • Servizi medici
  • Assistenza infermieristica
  • Professore
  • Attività religiose
  • Ricercatore
  • Manodopera specializzata
  • Tirocinio tecnico di formazione

Il periodo di tempo che ciascun permesso consente a un espatriato di rimanere in Giappone varia a seconda del permesso che stai richiedendo e delle tue esigenze e circostanze individuali. Per la maggior parte dei permessi sopra elencati, la durata può variare da tre mesi a uno a cinque anni. Nessun visto di lavoro è valido per più di cinque anni.

Visto per lavoratore specializzato specificato

Oltre alle suddette categorie di visti di lavoro, il governo giapponese ha recentemente introdotto anche il visto per competenze specifiche ( tokutei ginou , ). Diviso in due tipi, questo visto ha lo scopo di incoraggiare i lavoratori stranieri a venire in Giappone e colmare le lacune occupazionali in alcuni settori lavorativi. In totale, il governo spera che questo visto attiri circa 500.000 nuovi lavoratori stranieri in Giappone entro il 2025.

Abilità specificate Visa 1-SSV1

I candidati che richiedono questo visto devono superare un test di lingua giapponese e esami tecnici. Il tuo livello di conoscenza del giapponese dipenderà dal lavoro che svolgerai, ma potrebbe esserti richiesto di passare al livello N4.

I lavoratori qualificati che richiedono questo visto lavoreranno nelle seguenti aree:

  • agricoltura
  • lavorazione dei materiali
  • assistenza infermieristica
  • costruzione navale
  • ristoranti
  • assistenza a terra in aeroporto e manutenzione degli aeromobili
  • cibo e bevande
  • alberghi
  • macchinario industriale
  • elettronica e macchine elettriche
  • pulizia degli edifici
  • costruzione
  • manutenzione veicolo
  • pesca

Questo visto è valido solo per un anno e rinnovabile fino a cinque anni. I lavoratori non possono portare con sé le loro famiglie. Se un lavoratore vuole rimanere in Giappone per più di cinque anni o vuole che la sua famiglia si unisca a lui, può richiedere il visto 2-SSV2.

Competenze specificate Visa 2-SSV2

A differenza del visto 1-SSV1, questo visto può essere rinnovato a tempo indeterminato e i titolari di visto possono portare la propria famiglia in Giappone. Attualmente, i lavoratori che vivono e lavorano in Giappone con Visa 1-SSV1 possono richiedere questo visto solo dopo aver raggiunto livelli di specializzazione più elevati nel loro campo.

Requisiti per il visto di lavoro in Giappone

Sebbene i requisiti specifici possano variare da visto a visto, questi sono i requisiti generali di cui avrai bisogno quando richiedi un permesso di lavoro in Giappone:

  • un’offerta di lavoro da parte di un’azienda giapponese
  • il tuo passaporto
  • modulo di richiesta del visto
  • fotografia
  • Certificato di idoneità

Dato il tipo di visto che stai richiedendo, potresti anche dover fornire un CV e i tuoi titoli o certificati universitari originali.

Certificato di idoneità

Il certificato di idoneità è un documento importante quando si richiede un visto di lavoro giapponese. Questo certificato è rilasciato dall’Agenzia per i servizi di immigrazione del Giappone. Puoi inviare questo modulo di persona presso un consolato o un’ambasciata giapponese in un altro paese, oppure puoi inviarlo per posta.

I requisiti per presentare il certificato includono:

  • modulo di domanda compilato;
  • fotografia formato tessera;
  • busta di ritorno compilata e timbrata.

Ti verrà inoltre richiesta una documentazione aggiuntiva in base al tipo di visto di lavoro che stai richiedendo. Ad esempio, a coloro che richiedono un visto per ricercatori verrà chiesto di fornire quanto segue:

  • materiale che mostra lo schema dell’organizzazione ricevente
  • diploma, CV e altri documenti che certificano la tua posizione professionale
  • documentazione attestante l’attività, la sua durata, carica e remunerazione

Gli ingegneri dovranno dimostrare:

  • copie della registrazione della società e una dichiarazione di profitti e perdite dell’organizzazione beneficiaria;
  • materiali che mostrano la sostanza aziendale dell’organizzazione ricevente;
  • diploma o certificato di laurea con specializzazione in materia attinente all’attività per la richiesta del visto;
  • documenti attestanti la tua carriera professionale;
  • documenti attestanti l’attività, la sua durata, la carica e la retribuzione.

Per un elenco completo dei documenti richiesti per ciascun modulo di domanda di visto per il permesso di lavoro in Giappone, consultare il sito Web del governo.

In alcuni casi, il visto di lavoro può essere rilasciato senza il certificato di idoneità, ma il richiedente potrebbe dover fornire documenti aggiuntivi e il tempo di elaborazione potrebbe richiedere più tempo. In altri casi, senza questo certificato non è possibile rilasciare un visto. Ad ogni modo, è meglio che i candidati ottengano questo certificato. Gli unici espatriati che possono ricevere rapidamente un visto senza un certificato di idoneità sono i trasferimenti intra-aziendali che lavorano per società quotate in borsa.

Costo del visto per il Giappone

Il costo per un visto di lavoro in Giappone dipende sia dal tipo di visto che stai richiedendo, dalla tua nazionalità, sia dal fatto che tu voglia un ingresso singolo o multiplo. Un visto per ingresso singolo significa che devi consultare i funzionari dell’immigrazione (e potrebbe essere soggetto a una tassa) ogni volta che desideri lasciare e rientrare in Giappone. Un ingresso multiplo significa che puoi andare e venire a tuo piacimento.

In generale, un visto per ingresso singolo sarà di circa 3.000 JPY (30 USD). Un visto per ingressi multipli costa 6.000 JPY (60 USD).

Altri visti

Se sei interessato a un visto per affari o per famiglia, puoi leggere di più su di loro nelle sezioni seguenti. I visti per affari sono gli stessi dei visti per lavoro autonomo . I visti familiari sono anche chiamati visti dipendenti .

Visti per lavoro autonomo

Gli espatriati interessati a un visto per lavoro autonomo in Giappone dovranno richiedere un visto per investitori o affari. Questo è un visto di auto-sponsorizzazione per le persone interessate a stabilire la propria attività in Giappone piuttosto che lavorare per un’azienda giapponese.

Sebbene questo tipo di visto e opportunità di lavoro fornisca una maggiore flessibilità quando si vive in Giappone, il processo di richiesta del visto è difficile. Il Giappone ha una forte cultura del lavoro con i dipendenti che rimangono fedeli a un’azienda per tutta la loro carriera e i dipendenti sono spesso visti come membri della famiglia allargata. Gli espatriati interessati a lavorare in proprio in Giappone dovrebbero prepararsi per una strada difficile e per il presunto presupposto della società giapponese che non sono lavoratori seri e dedicati.

Visti per lavoro autonomo in Giappone: requisiti

Poiché in Giappone non esiste un visto per lavoro autonomo, dovrai invece creare un’attività per mantenerti. Ci sono alcuni modi in cui gli stranieri possono farlo. Il primo è entrare in Giappone con un visto di lavoro attraverso una società giapponese, rimanendo in Giappone per un anno e costruendo una rete per avviare la tua attività.

Per alcuni espatriati, questo è un modo ideale per diventare un lavoratore autonomo in Giappone perché molte aziende giapponesi sponsorizzeranno il tuo visto anche se lavori solo per loro. È anche possibile avviare la tua attività in questo modo e quindi richiedere un visto per investitori come qualcuno che sta avviando una nuova società in Giappone.

Se inizi la tua attività da zero, dovrai richiedere il visto per investitori con quanto segue:

  • prova di un investimento di 500.000 JPY (4.600 USD)
  • piano aziendale
  • copie della registrazione della società e una dichiarazione di profitti e perdite
  • materiale che mostra il numero del personale a tempo pieno (avrai bisogno di almeno un altro membro del personale a tempo pieno oltre a te stesso)
  • copie delle carte di soggiorno o del certificato di registrazione e documenti relativi ai pagamenti salariali del personale
  • prova di un ufficio commerciale ufficiale
  • prova degli importi dell’investimento
  • la tua carta di soggiorno giapponese
  • prova di aver pagato regolare reddito e tassa di soggiorno

Un altro modo per richiedere un visto per investitori è fare domanda con una società già costituita. Affinché una società sia considerata già costituita, dovrà avere almeno tre anni. Dovrai quindi inviare quanto segue insieme al modulo di domanda, che può essere trovato sul sito web del Ministero degli Affari Esteri giapponese :

  • prova che guadagni almeno 250.000 JPY (2.300 USD) all’anno (tieni presente che più guadagni, maggiori sono le tue possibilità di ottenere il visto);
  • estratti conto mensili;
  • fatture di clienti precedenti;
  • contratti firmati da clienti precedenti;
  • prova dei contributi dell’imposta sul reddito;
  • indirizzo ufficiale dell’ufficio.

Indipendentemente da quale delle due opzioni di investitore decidi di candidarti, avrai anche bisogno di un diploma universitario e di eventuali certificati applicabili per il campo in cui lavorerai.

Costo del visto per lavoro autonomo

Proprio come con gli altri visti di lavoro, il costo di un visto per affari/investitori auto-sponsorizzato varierà tra 3.000-6.000 JPY (30-60 USD) a seconda che si desideri un visto a ingresso singolo o multiplo.

Permessi di soggiorno: temporanei e permanenti and

Sapere come richiedere prima un visto di residenza temporanea o permanente in Giappone dipende da quanto tempo intendi rimanere. Per soggiorni di breve durata per turismo o affari, i cittadini di alcuni paesi possono entrare in Giappone senza visto per un periodo compreso tra 15 e 90 giorni. Puoi trovare questo elenco completo di paesi sul sito web del Ministero degli Affari Esteri giapponese .

I requisiti e le tariffe per un permesso di soggiorno temporaneo variano a seconda della nazionalità. Per tutte le nazionalità, dovrai almeno mostrare il passaporto, la carta di arrivo e il modulo di dichiarazione doganale (fornito in aereo; leggi di più sotto) all’arrivo in Giappone. Molti cittadini di tutto il mondo possono arrivare temporaneamente senza pagare una tassa, ma controlla con il tuo consolato per esserne sicuro. Se devi pagare una commissione, dovrebbe essere compresa tra 1.000 e 2.000 JPY (10-20 USD). Per la maggior parte degli espatriati, la richiesta di permesso di soggiorno temporaneo verrà presentata in aeroporto al momento dell’arrivo.

Per alcune nazionalità, è possibile rinnovare il soggiorno di breve durata per altri 90 giorni facendo domanda presso un ufficio governativo locale o lasciando il Giappone e tornando immediatamente. Tuttavia, per la maggior parte degli espatriati che desiderano vivere e lavorare in Giappone per più di tre mesi, sarà necessario un visto a lungo termine.

Come ottenere la residenza in Giappone

Se vuoi sapere come ottenere la residenza permanente in Giappone, dovrai iniziare ottenendo un visto di residenza a lungo termine. Per fare ciò, è necessario avviare la procedura di richiesta prima di arrivare in Giappone. Se entri in Giappone con un visto turistico e inizi un lavoro, dovrai comunque lasciare il paese e avviare la domanda dall’estero. Non puoi cambiare un visto turistico in un visto a lungo termine o di lavoro. Tuttavia, una volta che hai un visto a lungo termine, è possibile cambiare o alterare il suo stato.

Fase uno: certificato di idoneità

Se hai un’offerta di lavoro o ti trasferisci in Giappone per studiare, il tuo sponsor dovrebbe occuparsi di richiedere il Certificato di idoneità (COE) per te. Questo documento serve come processo di selezione preliminare che afferma che sei legalmente autorizzato a entrare in Giappone. Se non hai un’offerta di lavoro né sei sponsorizzato da una scuola, è comunque possibile ottenere un COE. Dai un’occhiata al sito web dell’Agenzia per i servizi di immigrazione del Giappone per vedere in quale categoria potresti rientrare e i documenti necessari per richiedere il COE.

Una volta ottenuto il COE, lo porterai al consolato giapponese più vicino. Invia il COE insieme al passaporto. I tempi di attesa variano a seconda del consolato. Riceverai quindi un visto d’ingresso, che utilizzerai quando entrerai in Giappone. Questo visto d’ingresso avrà una data di scadenza, che in genere è di due mesi dal giorno in cui ricevi il passaporto. Questa è la data di scadenza in cui devi entrare in Giappone: il che significa che devi entrare in Giappone prima di questa data, altrimenti il ​​visto non sarà valido.

Fase due: carta di soggiorno

A meno che tu non abbia molto tempo a disposizione e non voglia salpare per i mari, arriverai in Giappone in aereo (è un’isola dopotutto). Sull’aereo riceverete una carta di atterraggio e un modulo di dichiarazione doganale. Se non lo fai, assicurati di chiederne uno perché saranno necessari quando passerai la dogana.

Questi moduli sono standard. Ti verrà chiesto di elencare:

  • le sue informazioni di contatto;
  • numero di passaporto;
  • origine di partenza e destinazione finale;
  • indirizzo dove soggiornerai in Giappone;
  • durata prevista del soggiorno;
  • scopo del soggiorno;
  • qualsiasi merce dichiarata.

Se non conosci l’indirizzo di dove alloggi, puoi semplicemente elencare la città o il nome del tuo hotel.

Se arrivi in ​​uno dei principali aeroporti del Giappone, come Narita, Haneda, Chubu o Kansai, dovrai iscriverti a una linea separata da tutti gli altri in coda per un visto all’arrivo. È meglio mostrare il tuo visto COE/di ingresso a un membro del personale dell’aeroporto e farti indirizzare verso l’area corretta. Ti verranno prese le impronte digitali e la fotografia, e poi aspetterai che la tua carta di soggiorno plastificata venga fatta proprio lì in aeroporto.

Tieni presente che tutti coloro che entrano in Giappone hanno le impronte digitali e la fotografia scattata per motivi di sicurezza. Se non ricevi una carta plastificata, significa che non hai ricevuto la tua carta di soggiorno.

In Giappone, una carta di soggiorno è chiamata carta zairyu .

Terzo passo: registra la tua residenza

Una volta arrivato in Giappone, avrai due settimane per registrare la tua residenza presso il municipio locale. Dovrai farlo nello stesso comune in cui vivi, quindi trovare un posto dove vivere subito all’arrivo è imperativo. Tuttavia, è anche possibile modificare il tuo indirizzo sulla carta di soggiorno quando ti trasferisci, quindi anche la registrazione con una residenza temporanea è un’opzione.

Quando ti registri, lo farai con la carta di soggiorno che hai ricevuto in aeroporto e il tuo passaporto. Il processo dovrebbe richiedere meno di un’ora.

Una volta completati questi passaggi, ti dovrebbe essere rilasciato il visto a lungo termine. Per quasi tutti gli espatriati, questo visto dovrà essere legato a una forma di occupazione o come familiare a carico di un residente giapponese. La durata del soggiorno dipenderà dal tipo di visto, ma la maggior parte sarà da uno a cinque anni.

Tariffa per il visto a lungo termine

La tariffa per il visto dipenderà dal fatto che tu voglia un visto per ingresso singolo o multiplo. I visti per ingresso singolo costeranno 3.000 JPY (30 USD). L’ingresso multiplo sarà di 6.000 JPY (60 USD).

Come ottenere la residenza permanente in Giappone

Negli ultimi anni, il Giappone ha in qualche modo allentato i suoi requisiti per la residenza permanente. Un tempo gli stranieri potevano richiedere lo status di residenza permanente solo dopo dieci anni di permanenza in Giappone. Ora, gli espatriati possono richiedere lo status di residenza permanente già da uno a cinque anni se soddisfano determinati requisiti.

Questi requisiti si basano su un sistema a punti. Quando completi una domanda di residenza permanente in Giappone, compilerai un modulo che ti attribuirà un punteggio in base a diversi fattori: la tua professione, anni di lavoro nella tua professione, qualifiche accademiche e risultati lavorativi, età, licenze e certificati che potresti possedere e stipendio. Le persone con punteggi alti avranno dottorati, posizioni di alto livello e/o più anni di esperienza lavorativa. Puoi anche aumentare il tuo punteggio dimostrando la conoscenza della lingua giapponese.

Per qualificarsi per la residenza permanente da uno a cinque anni di vita in Giappone, dovrai totalizzare un minimo di 70 punti. Quelli con un punteggio di 80 punti o superiore possono ottenere la residenza permanente dopo un solo anno.

Requisiti per il visto di residenza permanente in Giappone

Sebbene il periodo di tempo necessario per vivere in Giappone vari in base a ciascun individuo, questi sono i requisiti generali per chiunque richieda la residenza permanente in Giappone:

  • prova dell’assenza di precedenti penali durante la residenza in Giappone;
  • soddisfare i requisiti del tuo visto attuale, che ciò significhi che sei ancora sposato o impiegato;
  • prova di mezzi finanziari adeguati;
  • prova di aver contribuito alle tasse e alla previdenza sociale;
  • certificato di residenza;
  • prova di reddito;
  • passaporto originale e una copia;
  • carta di soggiorno.

Vantaggi per residenti permanenti in Giappone

Uno dei vantaggi di avere una residenza permanente in Giappone è non avere più la necessità di cambiare lo stato del visto se cambi lavoro. Inoltre, non ti sarà più richiesto di rinnovare il visto, anche se dovrai comunque rinnovare la carta di soggiorno ogni sette anni. Per coloro che desiderano possedere una proprietà in Giappone, sarà anche più facile ottenere un prestito da una banca giapponese.

Visto per coniuge

Un visto per coniugi in Giappone equivale a un visto a carico o a un visto familiare. I visti a carico includono bambini e altri membri della famiglia che i residenti possono richiedere come dipendenti. I visti per coniugi possono essere utilizzati sia per le coppie dello stesso sesso che per quelle di sesso opposto.

Il processo per ottenere un visto per coniugi in Giappone è semplice. La maggior parte dei documenti richiesti saranno quelli a sostegno dello status di residenza giapponese del coniuge sponsor. Una volta ottenuto questo, il richiedente che richiede il visto coniugale avrà bisogno di quanto segue:

  • certificato di idoneità
  • fotografia formato tessera
  • copia autenticata del registro di famiglia
  • certificato di matrimonio o di nascita (se richiesto come coniuge o figlio)

L’unico costo aggiuntivo incluso con questo visto è un registro di famiglia. Questo di solito non è più di 500 JPY (7 USD).

Non esiste un visto per fidanzati in Giappone.

 

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Banche e tasse negli Emirati Arabi Uniti: come funziona

Banche e tasse negli Emirati Arabi Uniti: come funziona

Confronto di scambio di criptovaluta tra Binance e CoinExchange: qual è il migliore

Confronto di scambio di criptovaluta tra Binance e CoinExchange: qual è il migliore