in

Visti e permessi di lavoro in Israele: guida ai tipi di visto e ai requisiti per il permesso di lavoro

I tipi di visto israeliano per lavoratori altamente qualificati includono visti per permessi di lavoro per lavoratori ad alta tecnologia, lavoratori a breve termine, specialisti in campi accademici, scienziati e altro ancora. Gli espatriati dovrebbero essere consapevoli che i permessi di soggiorno temporanei per Israele sono concessi ai lavoratori che soggiornano nel paese per un periodo prolungato, ma i permessi permanenti sono più difficili da ottenere. Non esiste nemmeno un visto per lavoro autonomo, sebbene il paese abbia un programma di imprenditorialità.

Se ti stai chiedendo come richiedere un visto israeliano, ti spieghiamo i dettagli del tipo di visto di lavoro che puoi richiedere. Inoltre, forniamo informazioni sui visti per lavoro autonomo a seconda che tu sia un imprenditore o un investitore statunitense. Per i dipendenti che richiedono il visto di lavoro B/1, la domanda e la procedura per il visto israeliano variano in base al tipo di lavoro che svolgerai nel paese. Questo visto è aperto a esperti, scienziati, lavoratori ad alta tecnologia e altri.

I requisiti per il visto israeliano per il visto di lavoro B/1 in genere includono l’approvazione del Ministero degli Interni, un esame medico e il superamento del colloquio per il visto, tra le altre cose. Il costo del visto israeliano è di 9.675 ILS (2.740 USD) più una tassa di presentazione.

Permessi di lavoro e visti basati sull’occupazione

Un professionista che si trasferisce in Israele per motivi di lavoro o di lavoro può farlo con il permesso di lavoro e il visto di lavoro noto come visto di lavoro B/1.

Come ottenere un visto di lavoro B/1

Il visto di lavoro B/1 è un visto per affari concesso ai lavoratori che sono stati autorizzati a soggiornare in Israele per un tempo limitato per lavoro. Viene rilasciato a esperti, scienziati, lavoratori high tech e artisti. Questo visto può essere esteso. Se lavori in Israele da meno di 30 giorni, ti servirà solo il visto. Se hai intenzione di rimanere e lavorare più a lungo di questo periodo, avrai bisogno anche di un permesso di lavoro. Puoi richiederlo insieme al visto. Dovrai richiederli entrambi nel tuo paese di residenza prima di venire in Israele. Devi rivolgerti a un consolato israeliano.

Requisiti per il visto di lavoro

I requisiti per il visto di lavoro israeliano per questo permesso sono i seguenti:

  • approvazione del Ministero dell’Interno
  • colloquio di visto visa
  • certificato verificato di buona condotta
  • certificazione della visita medica eseguita da una clinica approvata o da un ospedale riconosciuto dalla missione (leggi di più sulla visita medica nella nostra sezione Relocation )
  • biometria (impronte digitali e fotografia)
  • modulo di richiesta del visto per il permesso di lavoro israeliano compilato
  • due foto formato tessera
  • documento firmato dal datore di lavoro che dichiara che intende assumerti

Una volta arrivato, la dogana timbrerà il visto, che sarà valido per 30 giorni. È necessario richiedere un’estensione prima della scadenza dei 30 giorni. Le estensioni sono quindi valide fino a un anno e ti consentono di uscire ed entrare in Israele tutte le volte che desideri.

Specialisti che lavorano in campo accademico e non accademico

Gli specialisti che lavorano in campi accademici o non accademici per più di tre mesi riceveranno il visto B/1 e richiederanno

  • un requisito di stipendio più alto (almeno il doppio del salario medio);
  • CV/curriculum;
  • certificati accademici (se non in inglese, i diplomi dovranno essere tradotti ufficialmente in ebraico e autenticati da un notaio israeliano);
  • copia del passaporto (deve essere valido per un minimo di un anno e tre mesi dall’inizio del processo);
  • Procura;
  • moduli di domanda compilati e firmati;
  • tre foto formato tessera;
  • certificati di matrimonio e di nascita (per i minori di 18 anni) di eventuali familiari al seguito (in originale con apostille);
  • nulla osta di polizia (rilasciato negli ultimi sei mesi);
  • nulla osta medico (rilasciato nei tre mesi precedenti).

Il periodo massimo di permanenza e lavoro per questo tipo di lavoratori è di cinque anni e tre mesi dalla data di inizio in Israele. Il visto richiede solitamente da due a tre mesi per essere elaborato.

Esperti che lavorano nel lavoro a breve termine

Se sei un esperto che lavora fino a tre mesi, ti verrà rilasciato anche un visto B/1 e avrai bisogno di quanto segue:

  • normale stipendio minimo israeliano
  • CV/curriculum
  • certificati accademici (se non in inglese, i diplomi dovranno essere tradotti ufficialmente in ebraico e autenticati da un notaio israeliano)
  • copia del passaporto (deve essere valido per un minimo di un anno e sei mesi dall’inizio del processo);
  • Procura;
  • moduli di domanda compilati e firmati;
  • tre foto formato tessera;
  • nulla osta di polizia (rilasciato negli ultimi sei mesi);
  • nulla osta medico (rilasciato nei tre mesi precedenti).

Il tempo di elaborazione è compreso tra due e tre mesi. Esiste anche una diversa autorizzazione di lavoro breve che ti consente di lavorare nel paese per un massimo di 45 giorni anche con un visto B/1.

Visto di lavoro ad alta tecnologia

Il visto di lavoro AB/1 verrà rilasciato a cittadini stranieri di paesi specifici che desiderano lavorare per aziende cibernetiche e high-tech idonee in Israele. I documenti di cui avranno bisogno includono

  • un requisito di stipendio più alto (almeno il doppio del salario medio);
  • CV/curriculum;
  • diploma/certificato di formazione/lettera di supporto (se non in inglese, i diplomi dovranno essere tradotti ufficialmente in ebraico);
  • copia del passaporto (deve essere valido per almeno sei mesi dalla fine dell’incarico);
  • moduli di domanda compilati e firmati;
  • due foto formato tessera.

Il tempo di elaborazione è di dieci giorni lavorativi.

Visto di ricerca post-dottorato

Per essere rilasciato questo tipo di visto, che può essere esteso fino a quattro anni, il richiedente deve

  • tenere un dottorato di ricerca grado;
  • avere l’approvazione dal Consiglio per l’istruzione superiore (CHE) che l’università è effettivamente un istituto di istruzione superiore;
  • fornire una raccomandazione dall’università;
  • avere un affidavit firmato dall’università in cui si afferma che il dipendente lavorerà solo per quell’università;
  • avere un’assicurazione medica (fornita dall’università);
  • presentare una dichiarazione sanitaria.
Visto di lavoro per giornalista straniero

La particolarità di questo visto è che i giornalisti stranieri richiedono il visto B/1 dopo essere entrati in Israele. I giornalisti devono entrare nel Paese come turisti e richiedere prima una Tessera Giornalista Temporanea. Possono successivamente richiedere il visto al Ministero dell’Interno. Il tempo di elaborazione dalla data di iscrizione è di due o tre settimane.

Visto di lavoro da scienziato

Il visto per lavoro di scienziato è per docenti o ricercatori in possesso di un master e che desiderano lavorare presso un’istituzione riconosciuta dal CHE. Per candidarsi, avranno bisogno

  • una lettera di raccomandazione dell’università;
  • assicurazione sanitaria.

Questo visto può essere esteso fino a 63 mesi.

Costo del visto di lavoro israeliano

Per richiedere il visto di lavoro B/1 valido per almeno sei mesi, dovrai pagare 9.675 ILS (2.740 USD). Ti verrà inoltre richiesto di pagare la quota di iscrizione, che è un ulteriore 1.190 ILS (337 USD).

Visto di famiglia

Ad eccezione degli espatriati che soggiornano in Israele per meno di tre mesi, i titolari del visto di lavoro B/1 possono portare il proprio partner e i propri figli. Ai familiari viene rilasciato un visto di soggiorno temporaneo con il visto di cortesia B/2. Questi visti sono generalmente validi per la stessa durata del visto di lavoro del dipendente. I visti per i familiari al seguito devono essere richiesti contestualmente al visto di lavoro del richiedente.

Ai familiari accompagnatori di lavoratori high tech verrà rilasciato un nulla osta al lavoro (visto di lavoro EAS B/1 per coniugi).

Visti per lavoro autonomo

Poiché non c’è modo di ottenere un permesso di lavoro autonomo in Israele, la cosa più vicina a un visto di lavoro autonomo è il visto per l’innovazione israeliano (noto anche come visto Start-Up) e il visto Expert per gli imprenditori stranieri. Gli investitori americani possono anche richiedere il visto per investitori B/5 Israel.

Come posso ottenere un visto per lavoro autonomo in Israele?

I visti di lavoro autonomo di Israele consentono ai cittadini stranieri e ai migliori talenti di rimanere inizialmente nel paese per due anni tramite il Programma di innovazione. Durante questo periodo, possono ricevere il sostegno dell’Autorità per l’innovazione nell’ambito del programma Tnufa. Gli imprenditori stranieri saranno ospitati in uno dei dodici Landing Pad approvati per imprenditori stranieri. Questi sono spazi che esporranno l’innovatore all’ecosistema dell’innovazione del paese, daranno loro uno spazio di lavoro, infrastrutture tecnologiche e supporto commerciale e logistico. I dodici Landing Pad selezionati sono:

  1. Tel Aviv Global della municipalità di Tel Aviv, società municipale incaricata dello sviluppo di Tel Aviv e del progetto di acceleratore internazionale della città per l’imprenditoria urbana;
  2. Samurai Incubate Inc.—un fondo di investimento e incubatore privato per iniziative tecnologiche;
  3. TechForGood: organizzazioni internazionali che promuovono le start-up sviluppando nuove soluzioni tecniche per problemi sociali, globali e ambientali;
  4. Il Gruppo Trendlines—incubatore tecnologico che identifica, investe e supporta le aziende tecnologiche innovative nelle apparecchiature mediche, nell’agricoltura e nelle tecnologie alimentari;
  5. MATI Haifa—centro di sviluppo dedicato allo sviluppo dell’economia di Haifa incoraggiando l’imprenditorialità tecnologica e imprenditoriale;
  6. L’Università Ebraica di Gerusalemme, centro per l’imprenditorialità dell’università, funge da incubatore di iniziative e assiste la creazione di start-up;
  7. Lighthouse: spazio di lavoro condiviso di innovatori che ricevono supporto sulle questioni fondamentali della creazione e dello sviluppo di un’iniziativa basata sulle esigenze dell’imprenditore;
  8. TheHive Ashdod di Gvahim—un’organizzazione no-profit che aiuta gli immigrati dell’istruzione superiore a integrarsi nel mercato del lavoro israeliano;
  9. Alon MedTech Ventures—incubatore tecnologico per imprenditori e start-up nel campo delle scienze della vita e nel settore dei dispositivi medici;
  10. Terralab Ventures—incubatore tecnologico che investe in aziende in fase iniziale e imprenditori in Cleantech, Medtech e altre aree;
  11. The Kitchen Hub—incubatore tecnologico che investe in iniziative food-tech sementi e pre-seme per affrontare le sfide nella produzione alimentare;
  12. Sviluppo di prodotti digitali Initech: software house che fornisce una gamma di servizi tecnici.

Successivamente, se il loro progetto innovativo si trasforma in azienda, possono richiedere il visto Expert. Con questo permesso, possono rimanere e lavorare alla start-up in Israele per altri cinque anni.

Processo di rilascio del visto per l’innovazione

Per iniziare la procedura di visto, un imprenditore straniero dovrà soddisfare i seguenti requisiti per ricevere un visto Start-Up:

  • hanno un’idea tecnologica che desiderano sviluppare in un prodotto
  • dichiarazione che delinea le fonti di finanziamento che coprono il periodo di soggiorno previsto in Israele
  • business plan con un significativo potenziale di business (incluso il mercato globale)
  • dichiarazione di accettazione firmata da Landing Pad

All’Autorità per l’innovazione devono essere presentati:

  • modulo di domanda
  • fotocopia del passaporto
  • assicurazione sanitaria
  • prova di una fedina penale pulita
  • CV
  • certificati che attestano l’istruzione

Processo di rilascio del visto esperto

Passaggio 1: configurazione del negozio

L’imprenditore con un visto per l’Innovazione valido deve costituire una società israeliana per lo sviluppo del progetto tecnologico nel Paese.

Passaggio 2: richiedere il programma di incentivi

L’innovatore deve richiedere l’approvazione nell’ambito di uno dei programmi di incentivazione dell’Autorità per l’innovazione.

Passaggio 3: attendere l’approvazione e la raccomandazione

Se vieni accettato, riceverai una notifica e una raccomandazione da presentare alla Population Immigration and Border Authority (PIBA) (vedi passaggio successivo).

Passaggio 4: richiedi il visto con PIBA

Una volta che hai tutti i tuoi documenti in ordine, puoi richiedere il tuo visto Expert a PIBA.

Come ottenere il visto per investitori B/5 in Israele/5

Questo visto multi-ingresso è solo per i cittadini statunitensi che desiderano investire in un’attività in Israele. Con questo permesso, puoi vivere nel paese mentre gestisci l’azienda. Il visto consente a dipendenti, investitori o manager stranieri altamente qualificati, insieme ai familiari che li accompagnano, di vivere nel paese a tempo indeterminato.

Non è richiesto alcun investimento minimo; gli investimenti proposti saranno invece valutati sulla base dei singoli meriti. Tuttavia, tieni presente che dovrà essere considerato un importo “significativo” dal Ministero dell’Economia e dell’Industria israeliano.

Gli investitori americani dovranno anche acquistare almeno la metà di un’impresa israeliana attualmente attiva o che sarà presto avviata, contribuire all’economia israeliana e creare posti di lavoro per la gente del posto.

Se l’investitore deve portare con sé lavoratori e manager stranieri, questi devono essere in grado di dimostrare che le competenze e le competenze necessarie per svolgere il lavoro non si trovano tra i talenti locali; da qui la necessità di assumere lavoratori stranieri.

Permessi di soggiorno: temporanei e permanenti

Come diventare un residente permanente israeliano

Se non sei ebreo, ottenere la residenza permanente in Israele è raro. Devi avere un motivo estremamente valido per richiederlo e i permessi vengono concessi solo caso per caso. Le autorità per l’immigrazione e il Ministero dell’Interno valuteranno la tua situazione particolare, le motivazioni e il profilo. È meglio contattare i funzionari per informazioni e indicazioni personalizzate.

Residenza permanente: il visto per investitori B/5

Se vuoi ancora sapere come ottenere la residenza permanente in Israele come non ebreo, c’è un modo particolare per ottenere uno status legale permanente nel paese: il visto B/5 Israel Investor. Questo visto è unico in quanto è il primo del suo genere che consente agli espatriati che non sono ebrei, né imparentati con una persona ebrea/israeliana di sangue o matrimonio, di stabilirsi in Terra Santa con uno status legale permanente. Tuttavia, è aperto solo ai cittadini americani. Ai familiari che accompagnano sarà concesso un visto familiare che consentirà loro di vivere e lavorare finché il familiare che investe si trova nel paese.

Poiché questo visto è così nuovo (maggio 2019), ci sono poche informazioni disponibili sulle tasse di residenza permanente per Israele tramite questo visto. Si consiglia di contattare il consolato israeliano più vicino per ulteriori informazioni.

Requisiti per il visto di residenza permanente in Israele

Alcuni dei requisiti per il visto B/5, insieme a quelli menzionati in precedenza nella sezione precedente, includono:

  • l’attività deve essere senza scopo di lucro;
  • prova che la società fornirà un reddito significativamente maggiore di quello necessario per il tenore di vita dell’investitore e della sua famiglia.

Domanda di residenza permanente israeliana

La domanda per il visto B/5 deve essere presentata al console di una qualsiasi delle missioni diplomatiche israeliane negli Stati Uniti che ospita un addetto commerciale del Ministero dell’Economia e dell’Industria: Washington, New York, Houston o San Francisco.

Procedura di visto per coniugi israeliani

I coniugi stranieri possono essere naturalizzati in Israele e ricevere lo status di residente permanente in base al loro matrimonio con un cittadino israeliano. Se entrambi i coniugi vivono già in Israele, possono richiedere un visto matrimoniale all’ufficio regionale dell’Autorità per la popolazione presso l’ufficio del Ministero dell’Interno più vicino alla loro residenza. Se entrambi i coniugi sono all’estero, il partner straniero può richiedere il visto al consolato israeliano più vicino prima di trasferirsi in Israele.

Mentre il loro caso e la loro richiesta sono esaminati, al coniuge straniero verrà concesso un visto temporaneo (permesso di soggiorno B/1) per sei mesi. Con questo visto, possono vivere e lavorare nel paese. Può essere rinnovato se necessario. Una volta accolta la richiesta, verrà rilasciato un permesso A/5 (altro tipo di residenza temporanea) della durata di un anno, rinnovabile fino a un massimo di quattro anni. Questo è l’inizio del processo di naturalizzazione progressiva del coniuge straniero.

Durante questo periodo di elaborazione, la coppia verrà intervistata e rivalutata sulla genuinità e la prosecuzione del loro rapporto. Al più tardi tre mesi prima della fine del quarto anno di soggiorno, il coniuge straniero può scegliere se vuole diventare cittadino o residente permanente.

L’intero processo può richiedere circa cinque anni per ottenere con successo lo status di residenza permanente come coniuge straniero.

Requisiti

Per effettuare la richiesta del visto di matrimonio, alcuni dei requisiti includono:

  • moduli di domanda compilati e firmati;
  • certificato di matrimonio originale, autenticato e tradotto;
  • foto di entrambi i coniugi;
  • carta d’identità israeliana e passaporto del coniuge israeliano;
  • passaporto del coniuge straniero con validità minima di due anni;
  • lettera firmata dalla coppia che illustra la natura della loro relazione;
  • atto di nascita del coniuge straniero in originale, autenticato e tradotto;
  • certificato pubblico del Paese di origine del coniuge straniero indicante il suo stato personale precedente e attuale;
  • fedina penale pulita;
  • prova della vita in Israele: conti bancari cointestati, contratti di affitto, lettere di sostegno di amici e familiari;
  • dichiarazione giurata redatta da entrambi i coniugi.

Per eventuali minori accompagnatori (figli del coniuge straniero da precedente relazione):

  • certificati di nascita originali, autenticati e tradotti
  • passaporto valido per un minimo di due anni
  • autorizzazione dell’altro genitore del bambino
  • prova dell’affidamento da parte del coniuge straniero per almeno due anni prima della data della richiesta (solo per i minori di 15 anni)

Come richiedere un permesso di soggiorno temporaneo

I visti di soggiorno temporaneo in Israele iniziano tutti con la lettera “A” e includono quanto segue:

  • A/1—per i potenziali immigrati ammissibili secondo la Legge del Ritorno
  • A/2—visto per studenti
  • A/3—per i religiosi chierici
  • Visto A/4—accompagnatore per coniugi e figli minori di titolari di visto A/2 e A/3 (ulteriori informazioni su questo particolare visto nella sezione Visti per famiglie di seguito)
  • Visto A/5—per gli stranieri non idonei per la Legge del Ritorno che stanno per ottenere la cittadinanza israeliana o la residenza permanente, di solito attraverso il matrimonio con un cittadino israeliano o per lavoro umanitario (per informazioni su questo visto, vedere la sezione sopra).

Requisiti e commissioni

A/1 

  • certificato di nascita originale (con i nomi di entrambi i genitori) con certificazione apostille
  • certificati di matrimonio civile, divorzio o morte se applicabile con certificazione apostille
  • passaporto valido per almeno sei mesi dopo il rilascio del visto e fotocopie di tutte le pagine del passaporto straniero
  • prova dell’ebraismo e idoneità al diritto al ritorno
  • rilevamento delle impronte digitali e controllo dei precedenti penali
  • tre fototessere identiche e a colori attuali scattate su uno sfondo chiaro e chiaro, di dimensioni 3,5 cm per 4,5 cm. 

La tariffa per questo visto è di 175 ILS (49 USD). 

A/2

  • consenso di entrambi i genitori o del tutore legale se minorenne
  • domanda compilata e firmata per un permesso di soggiorno temporaneo
  • passaporto (valido oltre un anno dalla data di ingresso previsto)
  • due fototessere
  • lettera di accettazione originale di un istituto di istruzione riconosciuto in Israele
  • estratti conto bancari degli ultimi tre mesi che dimostrino di disporre di fondi adeguati per mantenersi
  • biglietto aereo di andata e ritorno o prova di pagamento per il prossimo anno accademico
  • certificato di nascita originale

Il costo di questo visto è di 90 ILS (25 USD).

A/3

  • modulo di domanda compilato e firmato
  • passaporto valido
  • due fototessere

Il prezzo di questo visto è di 90 ILS (25 USD). 

Visto di famiglia

I requisiti per il visto A/4 includono un modulo di domanda compilato e firmato. Tale domanda viene inviata contestualmente alla domanda del familiare richiedente il visto A/2/A/3. Il richiedente il permesso A/4 avrà anche bisogno di un passaporto valido e di due fototessere. I titolari di visto A/4 non possono lavorare. La tariffa per questo visto è di 90 ILS (25 USD).

 

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Banche e tasse in Israele: guida completa sull’apertura di un conto bancario e sulla gestione delle tasse

Banche e tasse in Israele: guida completa sull’apertura di un conto bancario e sulla gestione delle tasse

Confronto di scambio di criptovaluta tra Coinbase e Bitstamp: qual è il migliore

Confronto di scambio di criptovaluta tra Coinbase e Bitstamp: qual è il migliore