in

Banche e tasse in Israele: guida completa sull’apertura di un conto bancario e sulla gestione delle tasse

Gestire le finanze in Israele non deve essere una seccatura con la giusta preparazione. Non appena ti sarai sistemato, potrai facilmente aprire un conto presso una delle cinque principali banche israeliane. Quando lo fai, tieni presente che è pratica standard nelle banche israeliane addebitare quasi tutti i servizi. Assicurati di chiedere in anticipo le commissioni bancarie e di avere una chiara comprensione di quali saranno.

Comprendere i conti bancari e il sistema fiscale in Israele è qualcosa con cui ogni nuovo espatriato dovrà fare i conti una volta arrivato in Terra Santa. Ad esempio, sapevi che diverse banche in Israele offrono conti per non residenti? Il processo per aprire il tuo account potrebbe richiedere un po’ più di tempo poiché dovrai superare una serie di controlli. Tuttavia, questi tipi di conti spesso presentano vantaggi come tassi di interesse migliori ed esenzioni da determinate tasse e altre commissioni. Questa potrebbe essere una buona notizia considerando che le tasse in Israele sono tra le più alte al mondo, arrivando addirittura al 50% di tasse sul reddito!

Come aprire un conto bancario in Israele

Se ti stai chiedendo come aprire un conto bancario in Israele per non residenti, questa sezione ti guiderà attraverso i passaggi. Forse ti starai chiedendo: “Posso aprire un conto bancario in Israele?” Continuate a leggere per scoprirlo.

Aprire un conto bancario come non residente

Come non residente, la risposta è sì, puoi. Molte istituzioni offrono conti bancari non residenti per le persone con residenza all’estero. Questi hanno alcuni vantaggi come esenzioni da determinate tasse e commissioni e tassi di interesse ancora migliori.

Se non parli ebraico

Le informazioni bancarie online sono in genere in ebraico, ma la maggior parte delle istituzioni ha traduzioni in inglese, nel caso tu sia un espatriato anglofono. Tieni presente, tuttavia, che le informazioni potrebbero essere limitate rispetto alla versione ebraica. Se hai domande o dubbi, potresti considerare di trovare una banca con personale che parli inglese. Questo non dovrebbe essere un problema nelle grandi città.

Se hai problemi, InterNations GO! I servizi di liquidazione di ‘s possono aiutarti a organizzare servizi professionali con persone che parlano la tua lingua come consulenti finanziari, ecc. Ti consigliamo anche le migliori opzioni bancarie, inclusi conti con più valute e alternative di trasferimento internazionale.

Tipi di conti bancari in Israele

Le opzioni bancarie in Israele includono istituti di credito commerciale, di investimento, di sviluppo e cooperativo. Tutte le banche operano sotto la supervisione della Banca centrale nazionale, che gestisce anche la valuta nazionale del paese.

Le carte di credito internazionali sono ampiamente accettate in Israele, quindi non dovresti avere problemi ad aprire il tuo conto bancario all’arrivo.

Aprire un conto bancario israeliano

Per configurare il tuo account, molto probabilmente dovrai recarti in banca di persona. È possibile aprire una banca dall’estero online. Tuttavia, sarai soggetto agli stessi controlli e molto probabilmente richiederà una videochiamata con qualcuno della filiale.

Quando vai in banca di persona, non hai bisogno di un appuntamento in anticipo. Tuttavia, assicurati di concederti abbastanza tempo poiché la firma di tutti i documenti richiederà del tempo. La persona in banca esaminerà tutti i dettagli del tuo conto e ti fornirà le istruzioni per l’attività bancaria online e telefonica, l’utilizzo delle tue carte, ecc. Tieni presente che potresti non avere tutto subito in ordine, ma dovresti avere accesso sul conto entro un giorno.

Requisiti per aprire un conto bancario come non residente

Molto probabilmente dovrai soddisfare i criteri di idoneità per aprire un conto non residente. Ciò include il numero di giorni all’anno in cui prevedi di essere nel paese. Ad esempio, dovrai trascorrere meno di 183 giorni in Israele in un anno per poter beneficiare di un account non residente. Qualsiasi cosa più di 183 giorni ti etichetterà come residente. Potrebbe anche essere necessario mantenere una residenza familiare, una casa permanente, un posto di lavoro, interessi economici o legami personali all’estero per poter beneficiare di un conto non residente. Per aprire il tuo account, avrai bisogno di:

  • passaporto;
  • un secondo documento d’identità;
  • documenti di immigrazione;
  • numero di previdenza sociale (per espatriati statunitensi);
  • contanti o assegno per aprire il conto;
  • seconda parte in caso di apertura di un conto cointestato;
  • Nota del conto Future Bank (dovresti riceverla in aeroporto all’arrivo in Israele).

Commissioni bancarie e deposito minimo

Le commissioni bancarie in Israele includono quanto segue:

  • Commissioni bancomat per i prelievi: questo importo può variare a seconda di quanto stai prelevando. Potrebbe anche esserci un massimo di quanto puoi prelevare.
  • commissioni per il prelievo con un cassiere: ti verranno addebitate più delle normali commissioni bancomat quando lavori con qualcuno in banca per prelevare i tuoi contanti di persona.
  • commissioni di transazione: si applicano a tutte le transazioni che avvengono all’interno del tuo account.
  • canone mensile del conto—Questo è pagabile anche se non usi il tuo conto o se c’è un movimento minimo sul tuo conto.

Altre commissioni significative possono includere il costo di un libretto degli assegni, tassi di cambio, commissioni per la protezione da scoperto, commissioni mensili per carte di credito, commissioni per trasferimenti internazionali, commissioni per bonifici e bonifici regolari e una commissione per il deposito di valute estere.

Alcune banche offrono tariffe scontate ai nuovi arrivati ​​in Israele, quindi assicurati di chiedere informazioni alla tua banca. Ad esempio, la Banca di Gerusalemme fornisce conti bancari gratuiti in Israele per conti residenti all’estero. In questo caso, “nessuna commissione” significa esenzione dalle commissioni di gestione o nessuna commissione di prelievo per un periodo limitato.

L’importo minimo necessario per aprire il conto inizialmente è di almeno 100 ILS (28 USD).

Cose da sapere sulle banche in Israele

Le banche in Israele hanno due tipi di bancomat: uno per le transazioni e uno per le informazioni. Se hai bisogno di prelevare denaro, puoi farlo solo presso l’ATM transazionale. Dall’altra macchina, puoi controllare il tuo saldo, stampare il tuo estratto conto, ottenere una nuova password, ecc.

Le migliori banche in Israele

Le prime 5 banche del paese sono:

  • Hapoalim: sconti per i nuovi immigrati offerti; ATM e filiali in tutto il paese;
  • Leumi: vengono forniti account non residenti e c’è la possibilità di aprire il proprio account online;
  • Discount Bank: opzioni di conto per giovani, soldati e altri gruppi; offre sconti a nuovi clienti;
  • Mizrahi Tefahot—servizio clienti flessibile con opzioni sia telefoniche che online; il principale prestatore di mutui in Israele;
  • First International: è specializzato in conti aziendali e conti premium per clienti facoltosi.

Hapoalim e Leumi sono le prime 2 istituzioni del paese, controllando il 60% del mercato in Israele. Per un elenco completo di altre banche in Israele, fare clic qui .

Le migliori banche internazionali

Le banche internazionali in Israele includono quanto segue:

  • HSBC
  • Barclays
  • Citibank

Le banche online in Israele sono una novità. Infatti, nel settembre 2019, la Banca d’Israele ha approvato il primo nuovo istituto finanziario del paese in quattro decenni: una banca completamente digitale (senza istituzioni fisiche). La banca online dovrebbe essere lanciata nel 2021.

Qual è il sistema fiscale in Israele?

Com’è il sistema fiscale in Israele? Il sistema fiscale in Israele è riscosso su base personale, a differenza di prima quando era su base territoriale. L’imposta sul reddito è calcolata su una scala mobile: più guadagni, più sarai tassato. Le tasse in Israele sono tra le più alte al mondo con circa il 25% del reddito medio familiare.

Tipi di tasse per espatriati in Israele

Il paese desertico ha incentivi fiscali per i nuovi immigrati ebrei. Ciò include reddito, plusvalenze e benefici fiscali sulle importazioni. Ci sono anche aliquote ridotte per il reddito passivo (es. affitto appartamento e interessi).

Ci sono punti di indennità concessi per alcune persone, che riducono l’importo delle tasse da pagare. Ogni punto vale circa 650 USD (circa 2.261 ILS):

  • Uomo israeliano: 2,25 punti
  • Donna israeliana – 2,75 punti
  • minore (sotto i 18 anni)—1 punto
  • bambino di età compresa tra 0 e 5 anni: 4,75 punti per il padre e 5,25 punti per la madre
  • soldati congedati—2 o 1 punto a seconda della durata del servizio
  • persone che hanno completato Sherut Leumi—2 o 1 punti a seconda del tempo servito

Altre persone che possono beneficiare di questi punti di credito includono famiglie monoparentali, nuovi immigrati, adolescenti, famiglie con figli disabili o un partner disabile che non può lavorare, studenti paganti, residenti in città di confine o in via di sviluppo, persone che pagano il mantenimento dei figli, ecc.

L’aliquota dell’imposta sul reddito delle società nel paese è del 23%. Le società residenti sono soggette a imposte sul reddito mondiale. Sono considerate una società residente se sono un’impresa costituita in Israele o sono gestite e controllate nel paese del Medio Oriente.

Depositare le tasse in Israele

La fine dell’anno fiscale coincide con la fine dell’anno solare: dicembre. Le tasse devono essere pagate il 30 aprile. Quando è richiesta la presentazione online, la data di scadenza è il 31 maggio. Se sei una coppia sposata, puoi presentare una valutazione singola o congiunta. La dichiarazione dei redditi viene quindi elaborata dall’Autorità fiscale israeliana (ITA) e devi pagare quanto dovuto.

Se ti spetta un rimborso delle tasse, devi avere un conto bancario israeliano per riceverlo. Possono essere necessari fino a tre mesi per ricevere il rimborso.

Le aziende di solito hanno cinque mesi dopo la fine dell’anno fiscale per presentare le loro dichiarazioni. Possono essere concesse proroghe.

I contribuenti di solito non sono tenuti a presentare dichiarazioni dei redditi personali se

  • la loro principale fonte di reddito è il reddito da lavoro dipendente, ed è stato trattenuto;
  • il reddito complessivo di ciascun coniuge non supera un determinato importo.

Assumere un professionista fiscale

Per quanto riguarda le tasse, ti consigliamo di assumere un contabile con esperienza di lavoro con espatriati o un fornitore di servizi di destinazione come InterNations GO! Con i nostri servizi di insediamento, possiamo assisterti nella registrazione con l’ITA.

Se hai difficoltà a trovare qualcuno che ti aiuti con le tue tasse, possiamo organizzare i servizi professionali di commercialisti e consulenti finanziari che parlano la tua lingua. Contattaci oggi per saperne di più.

Tipi di tasse in Israele

La tassazione in Israele include

  • tassa sul reddito
  • imposta sulle plusvalenze
  • imposta sul valore aggiunto (17%)
  • imposta sull’apprezzamento del terreno
  • tassa di acquisto

Non ci sono tasse sulla proprietà o sui regali in Israele.

Qual è l’imposta sul reddito in Israele?

L’imposta sullo stipendio in Israele sia per i residenti che per i non residenti è compresa tra il 10% e il 47%. È così suddiviso:

% imposta sul reddito media: Fascia fiscale (ILS) Fascia fiscale (USD)

10: 1–75.720 0–21,654

14: 75,721-108,600 21,654–31.057

20: 108.601–174.360 31.057–49.863

31: 174.361–242.400 49.863-69.320

35: 242.401–504.360 69,321-144,234

47: 504.361–649.560 144,235–187.758

50: Oltre 649,560 Oltre 185.758

L’imposta sul reddito viene scontata direttamente dal datore di lavoro sul salario di un dipendente. Al 15 ° di ogni mese, l’azienda trasferisce l’importo trattenuto ITA per il periodo precedente. Se l’azienda è piccola con pochi dipendenti, l’organizzazione è autorizzata a presentare le proprie dichiarazioni ogni due mesi.

Gli israeliani sono soggetti all’imposta sul reddito mondiale, mentre i non residenti sono soggetti solo alle imposte sul reddito guadagnato in Israele. Non ci sono tasse locali sul reddito nel paese.

Tasse per i lavoratori autonomi in Israele

I lavoratori autonomi in Israele sono tassati alla stessa aliquota dei lavoratori dipendenti, come indicato sopra. Essi sono responsabili del pagamento l’ITA un acconto sul 15 ° di ogni mese. L’ITA determina gli anticipi dovuti sulla base dei rendimenti dell’anno precedente.

I lavoratori autonomi sono tenuti a compilare il modulo 1301 e inviarlo all’ITA.

Regole di residenza

Se rimani in Israele per almeno 183 giorni all’anno, sei considerato residente ai fini fiscali o in base al tuo “centro di vita” e ai legami nel paese. Questo potrebbe essere

  • abitazione permanente (anche se occupata temporaneamente da qualcun altro);
  • luogo di residenza di te o della tua famiglia;
  • sede abituale di lavoro o impiego a tempo indeterminato;
  • luogo in cui sono situati i beni e gli investimenti;
  • luogo di appartenenza a enti, istituzioni e associazioni.

Gli espatriati che vengono a lavorare nel paese per un periodo limitato con un visto B/1 non sono considerati residenti ai fini fiscali ma sono comunque soggetti a tassazione come non residenti.

Trattati sulla doppia imposizione

Israele ha trattati fiscali con più di 50 paesi, il che significa che i cittadini di quei paesi non sono soggetti a pagare doppie tasse. Un elenco di questi paesi, insieme ai dettagli dell’accordo e delle regole, è disponibile sul sito web del Ministero delle finanze.

 

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Previsioni delle azioni DIS 2021-2022: la Disney può raggiungere il picco dopo la pandemia?

Previsioni delle azioni DIS 2021-2022: la Disney può raggiungere il picco dopo la pandemia?

Visti e permessi di lavoro in Israele: guida ai tipi di visto e ai requisiti per il permesso di lavoro

Visti e permessi di lavoro in Israele: guida ai tipi di visto e ai requisiti per il permesso di lavoro