in

3 cose che le persone sbagliano sulla privacy di Bitcoin

Idea sbagliata #1: la tua attività è nascosta

L’idea che la tecnologia blockchain nasconda la tua attività è una delle cose più grandi che le persone sbagliano sulle blockchain. Questa idea è spesso erroneamente attribuita alla convinzione che le criptovalute siano utilizzate dalla criminalità organizzata per riciclare denaro.

Questa idea è stata continuamente promossa dai media mainstream, in particolare per quanto riguarda le storie sul mercato di The Silk Road e il suo uso di Bitcoin come forma di pagamento.

La realtà è che questo non potrebbe essere più lontano dalla verità. Questo è particolarmente vero con una blockchain pubblica open source come Bitcoin in cui ogni transazione è registrata e ricercabile attraverso esploratori di blocchi. Le blockchain sono progettate come registri distribuiti, il che significa che chiunque gestisca un nodo ha una copia completa dell’intera blockchain.

Questa distribuzione della blockchain e la funzione hash al suo interno creano una forma quasi immutabile di raccolta dati. Una volta che una transazione è stata registrata sulla blockchain, è permanente e immutabile. Il concetto di dati immutabili è la chiave del perché le blockchain sono una forza così dirompente.

Tuttavia, man mano che si verifica una maggiore adozione e più transazioni vengono registrate su blockchain, sorge anche l’opportunità di sfruttare queste informazioni.

I progetti forensi di intelligenza artificiale come Chainalysis stanno già monitorando e monetizzando la cronologia delle transazioni su blockchain. Ciò diventa problematico perché consente la possibilità di identificare e potenzialmente esporre l’identità privata di un indirizzo pubblico. Ciò è particolarmente preoccupante quando si tratta di transazioni finanziarie e solleva la questione del diritto di un individuo alla privacy finanziaria. Immagina di avere tutte le tue transazioni finanziarie trasmesse al mondo.

Inoltre, identificare e trasmettere la quantità di criptovalute che qualcuno possiede o chi possiede gli NFT più preziosi può rendere i proprietari un bersaglio indesiderato.

Idea sbagliata #2: non c’è modo di nascondere la tua attività

Nonostante la natura immutabile delle transazioni su blockchain, esistono o sono in fase di sviluppo diversi protocolli e progetti che mirano ad aggiungere un livello di privacy nell’equazione. I servizi di generazione di portafogli o tumbler come blender.io consentono a un utente di inviare criptovalute da un portafoglio all’altro senza traccia. Questi servizi di tumbler funzionano mascherando l’indirizzo finale attraverso un indirizzo di inoltro centrale.

Inoltre, ci sono protocolli come Railgun che utilizzano contratti intelligenti per creare indirizzi di portafoglio schermati. Le transazioni effettuate dal contratto intelligente Railgun sono offuscate attraverso la crittografia zk-SNARK. Essenzialmente le transazioni sono ancora registrate, ma l’indirizzo di invio rivelerà solo che proviene dal contratto intelligente Railgun piuttosto che da uno specifico indirizzo pubblico.

Idea sbagliata #3: tutto è Open Source

È importante capire che non tutte le blockchain sono aperte o create uguali. La stessa tecnologia che alimenta la rete Bitcoin può essere utilizzata anche in una funzione privata o semi-privata. La tecnologia può essere codificata in modo da dare accesso privilegiato o bloccare l’accesso a determinate parti all’interno della blockchain. Ciò può essere molto vantaggioso nel settore privato, specialmente all’interno delle catene di approvvigionamento in cui non tutte le parti della catena devono vedere ogni fase della fornitura al di fuori di ciò di cui sono responsabili.

Altri esempi in cui la privacy è vantaggiosa possono essere visti nei casi d’uso blockchain per l’archiviazione di cartelle cliniche e la verifica delle elezioni. La tecnologia blockchain può creare un sistema più efficiente e sicuro in cui gli individui hanno autonomia e possono determinare chi ha accesso alle loro cartelle cliniche. Qui la privacy diventa fondamentale.

Nelle elezioni, la tecnologia blockchain può fornire un metodo sicuro e protetto per tenere le elezioni. L’identità di un individuo può essere verificata ma nascosta a coloro che conducono le elezioni, pur mostrando i loro risultati. Questo è un aspetto incredibilmente importante delle elezioni, in quanto consente di esprimere un voto senza timore di ripercussioni.

Conclusione: nonostante i problemi di privacy, la blockchain ha un enorme potenziale

La tecnologia blockchain si estende ben oltre la criptovaluta e la mania NFT che abbiamo visto negli ultimi anni. Ha molti usi diversi e il potenziale per distruggere grandi sette della società.

Bitcoin e altre blockchain pubbliche open source utilizzano indirizzi a chiave pubblica alfanumerica per nascondere l’identità personale. Con l’avanzamento dei progetti forensi di intelligenza artificiale e la capacità di rivelare l’identità di un individuo, è iniziato un contromovimento per ristabilire la privacy come componente necessaria di queste blockchain. Oggi si parla raramente di privacy in termini di blockchain, ma è lecito supporre che presto diventerà un argomento importante man mano che più persone inizieranno ad adottare la tecnologia.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
invest crypto 47

Scambi crittografici facili da usare per i neofiti delle criptovalute

nft 00006

Per cosa possono essere utilizzati gli NFT oltre all’arte?